sabato 23 novembre 2013

Iniziative contro il carovita ad Ascoli, Fermo e Riva del Garda

Ascoli Piceno, 23 novembre – “Contro il carovita, pasta agli italiani” è ciò che si leggeva sul gazebo di CasaPound, allestito per regalare alle famiglie confezioni di pasta

“Questa iniziativa – spiega Fabio Di Nicola, responsabile provinciale del movimento – nasce per dare un piccolo aiuto a quelle famiglie che hanno sempre maggiori difficoltà ad arrivare a fine mese. Tra carovita e aumenti dell’iva persino la pasta rischia di diventare un bene di lusso, specie in una città come Ascoli, martoriata dal problema occupazionale”

“Un piccolo gesto  – continua Di Nicola – che peralcuni è di grande importanza, specialmente per la categoria dei pensionati che oltre a barcamenarsi con una pensione da fame sono spesso costretti ad aiutarei figli – e conclude - Continueremo a distribuire pasta e pane gratis ogni mese avvertendo preventivamente i cittadini del quartiere, nella speranza che nel frattempo il governo intervenga per bloccare il prezzo di beni diprima necessità, investendo sulla produzione di grano nazionale e impedendo di fatto le speculazioni sulle materie prime alimentari”





Crisi: mele a km 0 contro la crisi, CasaPound distribuisce 100 kg di mele a Riva del Garda, 23 novembre.

Mele a km 0 contro la crisi. E’ l’iniziativa di CasaPound Italia Riva del Garda, che questo pomeriggio ha distribuito 100 kg di mele trentine, un gesto simbolico per invitare i cittadini a consumare prodotti del territorio e a dare così un aiuto concreto alle proprie tasche, e alla propria salute, oltre che a quelle dei piccoli produttori locali.

“La scelta di prodotti a km 0 – sottolinea Cpi in una nota - assicura al consumatore un prodotto buono ed economicamente più conveniente, perché consente di eliminare i passaggi intermedi, spesso speculativi, della filiera, garantendo un ricavo equo al produttore a un prezzo finale minore rispetto a quelli proposti dalle grandi catene”.

“Abbiamo la fortuna di vivere in una zona molto ricca che è in grado di offrire moltissimi beni primari a chi la rispetta e la conosce – conclude CasaPound – E se l'educazione alimentare è un onere sociale, in un momento così delicato per l'economia, il sostegno ai piccoli produttori è un dovere per tutti gli italiani”.


1 commento:

  1. Ragazzi, vorrei chiedervi una cortesia, sperando in una Vostra risposta. Nella vostra pagina facebook, tra i "mi piace", perché non inserite anche loro?
    https://it-it.facebook.com/GenerazioneIdentitaria
    Grazie mille.

    RispondiElimina