martedì 1 ottobre 2013

Lamezia, CasaPound irrompe in Consiglio: sicurezza nei quartieri popolari

Lamezia, CasaPound irrompe in Consiglio: sicurezza nei quartieri popolari

Regolarmente assegnatari di alloggi, vivono esasperati ed inascoltati dalla politica

Blitz di CasaPound all’interno del Consiglio comunale di Lamezia Terme nel primo pomeriggio di oggi. Scomposta e provocatoria la reazione del sindaco Gianni Speranza.

Era prevista per le 14, infatti, la riunione dell’assemblea, incentrata sui temi della sanità. Ma, dopo la preannunciata assenza del presidente della Giunta regionale Giuseppe Scopelliti, il consesso ha deciso di rinviare la seduta. E così, il nucleo cittadino del movimento, insieme ai residenti degli alloggi popolari di contrada Ferrantazzo e via Nicotera, ha chiesto l’attenzione dei presenti su un tema particolarmente caldo ma finora trascurato dai politici lametini.

“Vogliamo sicurezza. Pretendiamo giustizia”. “Vergogna”. Questo il contenuto dei due striscioni esposti all’interno dell’aula, prima che, sciolta la seduta, CasaPound chiedesse al sindaco Gianni Speranza una soluzione concreta ed immediata per la questione sollevata dai suddetti cittadini che, regolarmente assegnatari di diversi alloggi popolari, sono ormai da anni vessati dalla delinquenza Rom.

“Non siamo razzisti – hanno dichiarato alcuni degli interessati - ma il quartiere è ormai invivibile, viviamo nella paura e non sopportiamo di essere anche chiamati bugiardi da un sindaco che abbiamo contribuito con i nostri consensi a far eleggere con la speranza di una città più equa e solidale. Per tutta risposta il Comune ora ci chiude la porta in faccia”.
Una situazione esasperante, più volte sollevata in sede ufficiale e non, ormai non più rinviabile, che ha per questo portato i cittadini a pretendere una risposta conclusiva: messa in sicurezza del quartiere e sradicamento della criminalità rom oppure, se lo Stato è incapace di garantirla, l’immediata assegnazione di alloggi alternativi.

A dir poco nervosa la reazione del presidente del Consiglio comunale e del sindaco Speranza che, nonostante il rispettosi delle istituzioni dimostrato, ha inveito contro i cittadini, inizialmente negando ogni colloquio e negando la di essere a conoscenza della questione ed in un secondo momento, incalzato dalle richieste dei cittadini e del responsabile regionale di CasaPound Mimmo Gianturco, concedendo un colloquio con alcuni delegati e con l’espressa condizione che CasaPound rimanesse fuori dall’incontro.

“La reazione scomposta ed offensiva – ha commentato Gianturco - nei confronti nostri e, soprattutto, dei cittadini che rappresentiamo e sosteniamo, aggrediti verbalmente da un sindaco inviperito come se i problemi dei residenti di questo comune non fossero cosa sua, è la conferma della distanza di questa politica e dei nostri rappresentanti dai problemi concreti. Il sindaco ha confermato la sua impotenza, ha addirittura sostenuto di non aver presente la questione: vive, dunque, su un altro pianeta ed è ora che vada a casa”.

Info: 393 / 55 61 594
casapoundlamezia.org
casapoundlamezia@gmail.com
twitter.com/CPI_Lamezia
facebook.com/casapoundlamezia
Info: 393 / 55 61 594
casapoundlamezia.org
casapoundlamezia@gmail.com
twitter.com/CPI_Lamezia
facebook.com/casapoundlamezia





11 commenti:

  1. La delinquenza ROM e' un problema nazionale che necessita di interventi legislativi e di sicurezza generale.
    Questi criminali che vivono di delitti chiamano i cittadini italiani -gage'- sostantivo dispregiativo .
    Eppure le sboldrina con la sua spocchia velonosa dichiaro' che i giovani italiani dovevano prendere ESEMPIO dalle tradizioni stupende degli zingari SINTI che si devono sentire orgogliosi della loro stirpe venuta agli altari della cronaca per le lussuose villa che possiedono in giro x l'Italia frutto di un "sudato ed onesto lavoro" rappresentato da...furti-rapine-sfruttamento minori e prostituzione-usura-ricettazione-spaccio stupefacenti-truffe.etc.etc.etc.
    Un disegno politico eversivo e genocidico antitaliano portato avanti da PD-SEL-M5S accredita in modo inaccettabila agli zingari delinquenti solo DIRITTI e nessun DOVERE per cui ce li dobbiamo mantenere in Italia anche se delinquono e sporcano la Nazione con la loro sola presenza.
    Arrivera' spero un bel REDDE RATIONEM che raddrizzi questa stortura tutta italiana.
    In Francia e Spagna e Grecia stanno gia' correndo ai ripari.
    Da noi quando???

    RispondiElimina
  2. Gli italiani che hanno votato la sinistra hanno mal riposto le loro aspettative di un voto elettorale basato solo su di uno sterile ""Antiberlusconismo"".
    La sinistra vuole distruggere il tessuto sociale italiano.
    Sono dei venduti al nemico da portare in giudizio davanti alla Nazione e castigare come meritano.
    Basta con ROM parassiti.
    Cacciamoli via dalla nostra Bella Italia.

    RispondiElimina
  3. Sindaco che disprezza e dileggia i suoi concittadini...????
    Vergogna..!!!!!
    Che serva di lezione agli elettori che alla prossima tornata elettorale sappiano su quale simbolo apporre la croce nella scheda elettorale.
    Bravi i ragazzi di CPI

    RispondiElimina
  4. Abitanti italiani lasciati dal loro sindaco in balia di zingari delinquenti.???
    E la magistratura sempre pronta ad inquisire berlusconi dov'e'????
    Sappiano che il popolo italiano non dimentica i torti subiti

    RispondiElimina
  5. La chiamano la Calabria saudita perche' lasciata in balia di musulmani e zingari islamici.
    Capito????!
    Cittadini calabresi si ribellino

    RispondiElimina
  6. A capo della Spectre italiana ci sono politici di primo livello che basano la propria attivita' di condizionamento sociale su connivenze e protezioni in grado di garantire la loro impunita' al di sopra di ogni rsgionevole comprensione.
    Una cosa e' certa.......il comunismo ha sempre rappresentato un flagello superiore allo sciame di milioni di cavallette che piombano su un campo di grano.
    L'Italia non riesce a liberarsi di questo condizionamento che non porta benessere al popolo ma al contrario lo stanno impoverendo a vantaggio di ricchi elettori del PD( de benedetti-coop rosse-banche rosse tipo MPS.)
    Solo tranciando questo cordone ombelicale si puo' immaginare una societa' italiana futura piu' solidale e libera di potersi affdrmare nel lavoro e nei propri diritti civici e personali.
    Il PCI per l'Italia ha sempre costituito una maledizione biblica appunto perche' ha sempre tradito la sua "presunta" missione di garantire il benessere delle classi meno abbienti.
    Al contrario,dalla fine degli anni 1980 in poi il paftito comunista ha redatto documenti economici finalizzati a rendere pesantissimo il carico fiscale a carico della maggioranza delle persone fisuche normali a tutto vantaggio della "famiglia mafioso-massonica comunista" che riesce a farla sempre franca nei proc.penali e amm.vi che ogni tanto li coinvolgono.
    Purtroppo lo spoil-system attuato dal 1948 in poi a livello locale prima e un seguito a livello nazionale sulle cariche politiche e dirigenziali statali garantisce una notevole impunita' di questi "FIGURI ANTIDEMOCRATICI".
    A Lamezia Terme si ripete un copione unico scritto e fotocopiato nella segreteria del PD e suggerito e protetto dal Colle finalizzato alla commissione del reato di genocidio sulla razza bianca italiana.
    Amen

    RispondiElimina
  7. E dire che la negrona congolese ha affermato che gli zingari rubano a causa del razzismo degli italiani......
    Che affermazione RIDICOLA...!!!!!!
    Rubano perche' e' nel loro gene etnico delinquere e farsi mantenere da chi li ospita con ingenuita'.!!!!

    RispondiElimina
  8. Ho guardato il video relativo al comportamento maleducato del sindaco nei confronti dei suoi concittadini che chiedono sicurezza per la presenza nel territorio di zingari pericolosi delinquenti.
    Non ho parole per quello che ho visioonato direttamente e ringrazio CPI di aver fatto constatare come ""lavora"" un sindaco ""italiano"" di sx.
    Poveri noi.
    Un primo cittadino che mette degli zingari criminali al primo posto nei suoi pensieri di amm.re calpestando dei diritti naturali e sociali di cittadini italiani doc.
    Buon lavoro ai ragazzi di casapound.

    RispondiElimina
  9. Sindaco da voltastomaco....

    RispondiElimina
  10. Il sindaco Gianni SPERANZA che non da' nessuna ""speranza"" ai cittadini lametini che chiedono sicurezza dagli zingari criminali.
    Capisco la reazione scomposta del primo cittadino che si e' sentito piccolo piccolo politicamente davanti ad una iniziativa cosi ficcante e meritoria di cadapound che nell'immaginario della sinistra sono solo quei ""fascisti razzisti".
    Non abbiamo mai visto qualcuno dei ""centri asociali"" appoggiare legittime proteste di cittadini italiani in quanto quei ""bravi ragazzi"" sono dediti solo a sfasciare,imbrattare,sporcare,minacciare pacifici cittadini,delinquere,occupare abusivamente edifici pubblici,sostenere gli zingari malviventi e i clandestini specie di etnia islamica.
    E' rimasto basito nel vedere quei "pericolosi" antidemocratici di casapound sostenere una guusta causa di corretti cittadini che sono giornalmente minacciati da criminali di etnia ROM,gli zingari insomma,
    Cosa c'e' di strano se chi paga le tasse e non viola le leggi chieda sicurezza e difesa da delinquenti direttamente al sindaco lametino.
    Che figura di m...... il poveraccio di sindaco......trattare in quel modo sconcio i suoi concittadini.

    RispondiElimina