domenica 29 settembre 2013

Mondiali di ciclismo: CasaPound Italia protesta in diretta contro la svendita dell'Italia

Mondiali di ciclismo: CasaPound Italia protesta in diretta contro la svendita dell'Italia

"Telecom, Alitalia, Ansaldo - l'Italia non si svende" e "L'Italia muore, reagisci!": sono questi gli striscioni con i quali CasaPound Italia Toscana ha inscenato una protesta durante la "Gara in Linea" dei mondiali di ciclismo; dalla partenza avvenuta a Lucca, al passo del S.Baronto per finire sulle colline di Fiesole, in prossimità dell'arrivo, i militanti dell'associazione hanno catturato l'attenzione degli spettatori.

"Con gli striscioni di protesta esibiti in diretta durante i mondiali di ciclismo - dichiara Fabio Barsanti, coordinatore regionale di CPI - abbiamo voluto dimostrare al pubblico e agli spettatori di tutto il mondo che in Italia vi è ancora chi non china la testa di fronte all'ennesima svendita del nostro patrimonio economico ed industriale. Di fronte alla quasi totale indifferenza della classe politica, e grazie ad una sistematica 'distrazione' degli italiani operata dai media, il nostro paese continua ad essere in saldo e a perdere settori strategici per la sua sovranità nazionale."

"Il passaggio di Telecom in mano spagnola, l'imminente acquisto di Alitalia da parte dei francesi e le ipotesi di trattative per la cessione di Ansaldo all'americana General Electric - prosegue la nota - sono il frutto di una politica scellerata ed anti-nazionale, iniziata con le privatizzazioni fallimentari di vent'anni fa e completata oggi con la nascita di governi, come quello Monti e l'attuale Letta, rispondenti agli interessi della finanza internazionale, appoggiati e sostenuti sia dal centro-sinistra che dal centro-destra."

"CasaPound Italia, come la maggioranza del popolo italiano, non intende accettare che il nostro paese sia l'unico in Europa a non perseguire una politica con al centro l'interesse nazionale - conclude Barsanti - e si opporrà a qualsiasi operazione o tentativo di svendita di settori fondamentali dell'economia. Il nostro paese ha bisogno di una classe dirigente che persegua gli interessi dell'Italia, con una seria e programmata politica industriale e di sovranità nazionale. Non possiamo rimanere indifferenti di fronte all'uccisione programmata dell'Italia e del suo futuro."


LUCCA




LAMPORECCHIO (PT)

FIRENZE

56 commenti:

  1. Fabio BERSANTI ha detto delle cose vere e sensatissime e spero che ci sia un miracolo adesso che pare cada questo governo delle ""LARGHE INC...TE"" contro gli italiani doc e la economia nostranae si vada a rivotare.
    A partire dagli anni novanta del xx^ secolo è iniziata una svendita pilotata delle attivita' economiche e strategiche statali che doovevano rimanere di proprietà e gestione pubblica.
    Ma con la scusa della globalizzazione e delle imposizioni della comunità europea e dei vari garanti alla concorrenza nostrani praticamente si è privatizzato quasi tutto e manca proprio che smontino il Colosseo o il Duomo di Milano per venderlo al migliore offerente.

    RispondiElimina
  2. grande CPI...negli anni della (dis)informazione di massa comunista e ipocrita che tanto da spazio a ruby e alle polemiche contro barilla, solo CPI FN e i vari partiti della c.d. DESTRA cercano di far capire agli Italiani che tra poco non ci rimarrà nulla!!!
    Considerato che tra poco si andrà nuovamente alle urne (o così speriamo tutti) allora VI PREGO, unitevi con FN, MSI, MFL, alba dorata italia etc etc...per un POLO unico che faccia sentire la propria voce...tutti quanti sappiamo che ci sono delle differenze tra i vari movimenti, ma non facciamo l'errore, tipico di noi Italiani, di tagliarci il membro per far dispetto alla moglie !!! del resto le "larghe intese" hanno consentito in questi ultimi 60 anni delle alleanze molto più bizzarre di quella che sarebbe la suddetta !!!
    AVANTI, UNIAMOCI E FACCIAMO SENTIRE LA NOSTRA VOCE, VOX POPULI ROMANI !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che la mia idea di formare un POLO della DESTRA e' condivisa.
      Mi auguro che i dirigenti di CPI tengano conto di questo e facciano i dovuti passi....per far decollare in ALTO quello che meta' degli Italiani chiedono a gran voce:
      una Italia patriottica,sovrana,sociale, autorevole nel mondo,di principi morali elevati,con una forma statale al pari coi tempi,con politici meno corrotti e venduti al nemico e la mafia internazionale, anticomunista,cattolica ma laica nella gestione della cosa pubblica,attentissima ai problemi della famiglia che sia pero' solo quella tradizionale,con strettissime norme di concessione della nazionalita' italiana,etc

      Elimina
  3. Ricapitolando

    Risultati elettorali

    politiche 2013

    CAMERA /SENATO

    Casapaound 47.691 / 40.688
    ForzaNuova 137.503 / 122.209
    Fratelli d'Italia 665.830 / 590.083
    M.S./Fiamma Tricolore 44.744 / 52.106
    La Destra di Storace 219.816 / 221.112
    M.I.S. Movimento Idea Sociale 3.178 / 2.717

    TOTALI.............................1.118.762 / 1.028.915


    Gli italiani aventi diritto di voto politiche 2013 % e % consensi rapporto tra voti totali ed aventi diritto entrambe camere parlamentari:

    Camera dei Deputati 47.011.309 4,21%
    Senato della Repubblica 43.071.494 4,19%



    SE NELLE POLITICHE 2013 I SUDDETTI PARTITI DI DESTRA SI FOSSERO COALIZZATI AVREBBERO AVUTO PIU' CONSENSI E SEGGI A FRONTE DI UN 4,2% DI UNA EVENTUALE COALIZIONE DI DESTRA.
    NELLO SCHIERAMENTO DI CENTODESTRA,CHE SAREBBE RISULTATO VINCENTE ALLE ELEZIONI, CI SAREBBE SCAPPATO QUALCHE INCARICO DI GOVERNO O SOTTOGOVERNO PER TUTTI I PARTITI DELLA COALIZIONE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se poi si aggiungesse alla eventuale coalizione del POLO DELLA DESTRA PATRIOTTICA anche
      Alba Dorata Italia

      non sarebbe male,per non disperdere le energie.
      buon lavoro a tutti

      Elimina
    2. senza contare che coloro i quali sono andati a votare sono stati molto di meno degli aventi diritto per cui quel 4.2% andrebbe ricalcolato.

      Elimina
  4. http://voxnews.info/2013/09/29/brescia-immigrati-e-antirazzisti-distruggono-sede-forza-nuova/

    Brescia: immigrati e antirazzisti distruggono sede Forza Nuova

    29-09-2013

    set. 29 BREAKING NEWS, POLITICA no comments

    BRESCIA - Gli ambienti multietnici, forse delusi dalla mancata visita della Kyenge in città, nel tardo pomeriggio di ieri hanno attaccato la sezione cittadina di Forza Nuova, sfondandone la vetrina, imbrattandone la serranda e distruggendo gli interni, non appena terminato il corteo degli immigrati organizzato da Rifondazione Comunista.

    Forza Nuova informa che organizzerà per la serata di sabato 5 ottobre in via Benedetto Croce 21 “un aperitivo all’aperto di raccolta fondi per i danni ricevuti, contrapponendo così alle brutture istituzionali una presenza pulita e a volto scoperto, in uno dei quartieri simbolo dello squallore multietnico bresciano, tanto caro invece ai nostri amici della ‘Brescia antagonista’, chiaramente anch’essi invitati nonostante la loro palese intolleranza nei confronti degli avversari politici.”

    RAGAZZI MA QUANDO LA SMETTERANNO QUESTE ZECCHE COMUNISTE?

    RispondiElimina
  5. Ma dove si trovano la Lega Nord, il. PDL,FDI,La Destra di Storace,etc.etc. a stigmatizzare gravissimi episodi di criminalita' eversiva organizzati da italidioti komunistoidi come mente sovversiva e da clandestini delinquenti come braccio operativo.????

    Mi auguro che FN abbia presentato denuncia alla Polizia in quanto ci sarebbero gli estremi di istigazione al delitto a carico di rifondazione komunista che cacciata via dal Parlamento italiano alle politiche del 2008 rientra dalla porta di servizio della servitu' ed essere utilizzata dalla Spectre italiana quale cellula operativa nei ""lavori sporchi"" a danno della tenuta democratica del Paese Italia.
    Mi inorriidisce l'apparente indifferenza dei bresciani che hanno consentito a che la ""Leonessa d'Italia"" diventasse un grande suk nordafricano anarcoide dove sia consentito impunemente di dare la caccia all'Italiano doc anti-komunista.
    Perche' italiani doc sono gli amici di FN che hanno subito l'affronto di un danneggiamento ordito dai komunisti sovversivi locali col beneplacido di autorita' statali varie che sorridono invece di saltare dalla poltrina davanti ad episodi di intolleranza antitaliana nel suolo patrio.

    RispondiElimina
  6. La svendita dell'Italia e' iniziata il 25 luglio 1943 e non e' terminata

    RispondiElimina
  7. Il movimento in Toscana sta facendo molto bene, bravo Fabio Barsanti e bravi ragazzi,
    continuate cosi'. Dobbiamo fare conoscere le nostre idee senza mai perdere "l'orientamento".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a volte si perde la pazienza nel vedere l'Italia scivolare verso il fondo del pozzo senza luce......

      Elimina
  8. Attacco ad Alba Dorata: il Sistema si scaglia contro i dissidenti
    28-09-2013
    ATENE – Siamo al colpo di Stato eurocratico in Grecia. Era inevitabile, quando non puoi dominarli, devi eliminarli fisicamente, togliere loro la libertà. Così, Nikos Michaloliakos, leader del partito di greco Chrysi Avgì (Alba Dorata), è stato arrestato insieme con il segretario generale di Alba Dorata, come ha reso noto un comunicato diffuso dalla polizia di Atene, è stato tratto in arresto anche un deputato dello stesso gruppo politico del quale non è stata ancora precisata l’identità. Gli arresti sono scattati dopo che un magistrato della Corte Suprema aveva emesso all’alba i relativi mandati legati alle indagini sull’omicidio dell’estremista di sinistra Pablos Fyssas, avvenuto il 17 settembre per mano di un simpatizzante di Alba Dorata Georgos Roupakias.E come se, in Italia, nel caso un elettore del Pd pestasse e uccidesse un elettore del Pdl, si arrestasse il povero Epifani. Una mostruosità giuridica messa in atto solo per sbarazzarsi dell’unica opposizione esistente in Grecia al piano di smantellamento economico e sociale imposto dalla Ue. Ed è demenziale che l’altra possibile opposizione, quella di ‘estrema sinistra’, si stia facendo manipolare credendo che il nemico sia il presunto ‘fascista’: è il solito giochetto del Sistema.I mandati di arresto emessi oggi nei confronti di deputati e membri del partito sono 36. Con l’accusa di appartenenza a banda criminale, insieme al leader Michaloliakos è stato fermato anche il portavoce, Ilias Kasidiaris, anch’egli parlamentare, mentre tra i ricercati vi sono anche i deputati Ilias Panayotaros, Yannis Lagos e Nikos Michos.In sostanza, un apparato repressivo, arresta dei rappresentanti del popolo su mandato della banche. Un movimento con il 15% dei voti viene definito ‘organizzazione criminale’. E’ emergenza democratica in Europa. Il Sistema vuole annichilire chiunque si opponga alla dittatura di Bruxelles, e per farlo, utilizza i soliti utili idioti.



    http://voxnews.info/2013/09/28/attacco-ad-alba-dorata-il-sistema-si-scaglia-contro-i-dissidenti/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in italia sono 20 anni che la magistratura arruolata dall'ex-PCI attua questo metodo.
      Tutti coloro i quali si sono esposti in prima fila per criticare pacificamente qualunque provvedimeno politico ritenuto ILLEGITTIMO E DANNOSO PER GLI ITALIANI DOC,è stato preso di mira e zittito o con le buone o con le botte anche giudiziarie....
      NON MI PARE DI DIRE UNA CASTRONERIA...!!!!!

      SOLO L'EX-PCI E' USCITO INDENNE DA TANGENTOPOLI CON L'AIUTO DEI PM E VARI TRIBUNALI POLITICIZZATI(DI PIETRO AND CO.) MENTRE GLI ALTRI PARTITI SONO STATI MASSACRATI.
      SE NON E' QUESTA UNA SITUAZIONE INTOLLERABILE PER LA DEMOCRAZIA DI QUESTO PAESE CHE A MIO MODESTO PARERE,SENZA CHE NESSUNA SI SCANDALIZZI E MI PRENDA PER PAZZO VISIONARIO,E' SOTTOSCACCO DELLA COMUNITA' EUROPEA E DELLE LOBBY ISLAMICHE-GAY-MAFIOSE E MASSONICHE.!!!!!!!!

      Elimina
  9. Ricapitolando

    Risultati elettorali

    politiche 2013

    CAMERA /SENATO

    Casapaound 47.691 / 40.688
    ForzaNuova 137.503 / 122.209
    Fratelli d'Italia 665.830 / 590.083
    M.S./Fiamma Tricolore 44.744 / 52.106
    La Destra di Storace 219.816 / 221.112
    M.I.S. Movimento Idea Sociale 3.178 / 2.717

    TOTALI.............................1.118.762 / 1.028.915


    Gli italiani aventi diritto di voto politiche 2013 % e % consensi rapporto tra voti totali ed aventi diritto entrambe camere parlamentari:

    Camera dei Deputati 47.011.309 4,21%
    Senato della Repubblica 43.071.494 4,19%



    SE NELLE POLITICHE 2013 I SUDDETTI PARTITI DI DESTRA SI FOSSERO COALIZZATI AVREBBERO AVUTO PIU' CONSENSI E SEGGI A FRONTE DI UN 4,2% DI UNA EVENTUALE COALIZIONE DI DESTRA.
    NELLO SCHIERAMENTO DI CENTODESTRA,CHE SAREBBE RISULTATO VINCENTE ALLE ELEZIONI, CI SAREBBE SCAPPATO QUALCHE INCARICO DI GOVERNO O SOTTOGOVERNO PER TUTTI I PARTITI DELLA COALIZIONE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza contare che coloro i quali sono andati a votare sono stati molto di meno degli aventi diritto per cui quel 4.2% andrebbe ricalcolato.

      Elimina
  10. Pansa: colpo di Stato, stiamo attenti a quello vero
    La pazienza degli italiani è finita.
    Gli onorevoli del Pdl che accusano Napolitano e Letta di voler fare un golpe, dovrebbero stare attenti a ciò che dicono: ora le condizioni per farlo ci sono sul serio
    28/09/2013
    Pansa: perché oggi il colpo di stato è possibile
    È da tempo che dovrei aver smesso di indignarmi per le cavolate dei nostri politici. Ogni paese ha la classe dirigente che si merita. Per questo banale motivo l’Italia ha capi di partito, sottocapi, colonnelli e marescialli che non potrebbero essere più scadenti. Non sto dando un giudizio sull’intera nomenklatura nazionale, perché so che molti parlamentari sono degni di stima. Purtroppo nel mazzo emergono spesso i peggiori. Quelli che urlano di più e quasi sempre per dire bombastiche sciocchezze. L’ultima, e la più grave, la va proclamando il vertice del Pdl ossia di Forza Italia, come il partito di Silvio Berlusconi si è ribattezzato. Da giorni la corrente dei falchi grida che contro il Cavaliere è in atto un colpo di stato. Deciso e attuato da quanti lo vogliono morto. Una banda di golpisti che va dal presidente della Repubblica in giù, sino all’ultimo parlamentare democratico. Ed è proprio lo sbandierare l’accusa di golpismo che mi ha fatto imbestialire o, per dirla in modo soft, trasecolare.
    Ho imparato, talvolta anche a mie spese, che l’ignoranza è sempre la madre di tutte le cazzate. Accade così anche nel vertice berlusconiano. Questi signori e signore non conoscono neppure alla lontana che cosa sia un golpe. Dovrebbero perdere cinque minuti su Internet per imparare qualche nozione sui colpi di stato. Vadano a vedere che cosa è successo in Grecia, in Argentina, in Cile dove i militari golpisti si sono macchiati di nefandezze orrende. Stadi pieni di oppositori arrestati. Annullamento di tutte le libertà. Torture nefande. Esecuzioni di massa. Persino mattanze barbare, come quelle di lanciare in mare dagli aerei centinaia di persone destinate a sparire nel nulla, i desaparecidos.


    http://www.liberoquotidiano.it/news/libero-pensiero/1319860/Pansa--colpo-di-Stato--stiamo-attenti-a-quello-vero.html




    PANSA DIMENTICA I TOTALITARISMI COMUNISTI E ISLAMICI.....CHE HANNO MIETUTO CENTINAIA DI MORTI E TUTTORA FANNO STRAGI DI DISSIDENTI PACIFICI IN GIRO X IL PIANETA...

    RispondiElimina
  11. Postato da cedrak

    non sono piu' necessarie le persecuzioni, le fucilazioni, le torture, il buttare gli oppositori dagli aerei per fare un golpe. Cosi come non è piu' necessaria la rivoluzione per portare al potere i comunisti.Basta che alcuni giudici, artatamente, e contro ogni regola del diritto, rifiutino di ascoltare i testimoni della difesa, e condannino il leader dell'opposizione eliminadolo dalla vita politica per ottenere lo stesso risultato: il potere senza passare per le elezioni. Golpe o non golpe lo si voglia chiamare. Se poi, come nel nostro caso, l'unica persona che detiene il potere di sanzionarli non solo fa finta di niente ma adirittura li sostiene il gioco è fatto. Ma poichè, come è noto, l'odio acceca, quelli che sostengono questi comportamenti (ai quali gli scheletri negli armadi non mancano vedi MPS e Penati solo per fare un esempio) non si rendono conto che tutto questo più prima che poi, si rivolterà contro di loro.Non colpo di Stato ma dello Stato.


    Postato da honhil

    Un colpo di Stato (democratico) si può fare. E’ vero i politici sono da buttare a mare. Ma la vera cancrena che corrode lo Stato è la magistratura, con l’appoggio esterno dei figli del fu Pci. E non si tratta più di un disegno eversivo strisciante: oramai da anni è portato avanti alle luce del sole. E con un certo compiacimento anche. Altrimenti non ci sarebbe potuto essere la famosa cena in casa Scalfari di qualche sera addietro. Non sarà cosa facile, anzi sarà difficilissimo farla, ma a questo punto la riforma della giustizia non è più postergabile. Il vero colpo non di Stato ma dello Stato si può fare, senza spargimento di sangue. Né gulag. In Parlamento. Per tagliare le unghie di quelle toghe che, invece di essere al servizio della Legge, celebrano i loro riti sull’altare della loro ideologia. E tutto potrebbe avvenire sotto l’occhio vigile dell’Esercito, per evitare colpi di coda. Come avviene tutte le volte che il Parlamento mette mano alla citata riforma.


    Postato da brontolo1
    l'Italia ha"mutuato"da uno degli stati preunitari,il regno delle 2 sicilie per la precisione,tale motto"i soldati si lamentano?aumentiamo la paga ai generali"! le fasce più basse delle forze armate e di polizia,condividono col resto del popolo italico,gli stipendi non eccellenti ed il conseguente basso tenore di vita,mentre quelli che fanno la bella vita sono i papaveri più alti!e per questo il colpo di stato non ci sarà mai!a meno che non parta dal basso!

    RispondiElimina
  12. Secondo me CPI deve proporre un POLO DELLA DESTRA PATRIOTTICA a cui possa aderire chi vuole.
    Non una fusione ma tipo una federazione che faccia delle primarie pubbliche ed anche online come fece M5S con cui eleggere un direttivo federale rappresentativo e contemporaneamente un leader del POLO.
    Si fa un programma elettorale comune di 10-15 punti programmatici votati nelle primarie anche con delegati ad hoc e da li presentarsi alle elezioni con un logo che sia accettato da tutti.
    La gente dovra' capire che la Destra non e' ne' eversiva ne' inconcludente ma anzi sa parlare alla pancia del popolo italiano.
    Solo cosi si evitera' di essere considerati dalla gente comune libera di pensare e che vota Destra come dei criminali travestiti da persone per bene.
    Dietro la bandiera del Polo di destra patriottico..... PDP.... ci siano ideali democratici non violenti rinati dalle macerie del passato che facciano zampillare di nuovo l'acqua limpida della politica per l'Italia sovrana cristiana e millenaria.
    Diamoci da fare a contattare i dirigenti delle altre formazioni di Destra e risorgiamo.
    Il logo potrebbe essere una FENICE oppure un'AQUILA REALE.

    L'Inno ci si pensa.
    Importante il programma del Polo che non sia attaccabile con facili etichette prevenute tipo:Filofascista o Filonazista.
    I 10-15 punti siano su base sociale-solidale ma preservanti la tradizione storica,cattolica,culturale,patriottica e naturale.anticomunista stalinista.

    RispondiElimina
  13. Questa volta non sono d'accordo con voi ragazzi, per me la politica dovrebbe restare fuori dallo sport!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scherzi!!!!!!
      La sinistra la butta in politica su tutto anche quando va al bagno dopo avere mangiato un piatto di pasta....rigorosamente reclamizzato con uno spot gay-friendly..quindi niente BARILLA....!!!!..che e' ""omofoba""....!!!!!!!!
      Gli zingari hanno rubato a casa della congolese e sta tipa,appoggiata dalla grancassa della sinistri baciapile,ha avuto la faccia tosta di dire che se gli zingari rubano la colpa e' degli italiani che sono RAZZISTI e non gli danno lavoro!!!! (nella circostanza le hanno lasciato un regalino ""odoroso"" (melda..ahahah)...in segno di amicizia.
      Vado avanti?????
      Bisogna seminare ovunque ed uno striscione come quello che non ha disturbato ne' offeso nessuno e non ha interrotto la manifestazione e' indice di civilta' e sensibilita' di CPI che pur tra mille difficolta' di comunicazione non demorde e non perde occasione di esternare il proprio disagio patriottico nel vedere la NAVE ""ITALIA"" speronata da un iceberg ed in procinto di affondare.
      Che faresti tu al loro posto??
      Vai una volta in corteo e ti accorgerai che per la Destra non e' facile sfilare pacificamente x l'intervento immediato dei provocatori teppisti dei centri asociali mandati li' dall'ALTO x impedire un esercizio legittimo costituzionalmente tutelato.
      Un grande plauso ai dirigenti ef ai militanti di CPI che difendono i diritti degli Italiani doc.

      Elimina
  14. Tocca passare attraverso lo Sport perchè alle masse interessano solo le posizioni di classifica della propria squadra o del proprio pilota , mentre del nostro futuro non ci interessa perchè siamo distratti dai palloni e dalle gare.
    Cambio al vertice dell’industria manifatturiera mondiale. E l’Italia?
    Perde ben 11 posizioni, raggiungendo la 32° posizione nella classifica mondiale.
    In particolare, l’Italia perderà ancora due posizioni in classifica, passando dalla 32° alla 34° posizione.
    “Nel corso dell’ultimo decennio si è assistito all’affermarsi dei paesi asiatici quali Cina, India e Repubblica di Corea.
    Ora l’industria manifatturiera globale sta assistendo all’avanzata di un secondo gruppo di economie emergenti, quali il Brasile,
    che tra cinque anni sarà la terza potenza manifatturiera, il Vietnam e l’Indonesia.
    Tali paesi catturano l’attenzione di diversi produttori da una parte per la crescente domanda dei consumatori locali,
    dall’altra perché possono fungere da centri di produzione strategici nella catena del valore globale" afferma Valeria Brambilla,
    Partner di Deloitte e responsabile dell’Industry Manufacturing.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi non afferra al volo la gravita' del momento vuol dire che ha il prosciutto agli occhi.

      Elimina
    2. solo prosciutto?

      Elimina
    3. La finanza ""creativa"" della speculazione mondiale ha distrutto i riferimenti precedenti ed ora chi comanda non sono solo le industrie manifatturiere ma anche gli edge-found che spostano immensi capitali da un punto all'altro del Pianeta e di fatto determinano la crescita o la decrescita di quella azienda con un semplice clic di ""BUY"" o ""SELL"".
      Tipi come Soros o i fondi pensionistici USA o le teocrazie arabe dei petrolieri mediorientali investono immensi capitali in aziende o in aree ben precise a seconda delle convenienze.
      Altani,emiro del Kuwait sta comprandosi mezza europa,incominciando proprio dallo sport,rilevando squadre di calcio che costituiscono un polo di aggregazione sociale importante,nonche' alberghi,maison di moda,etc.etc.-
      Un magnate indonesiano ha comprato il 70% della squadra dell'Inter pagando a massimo moratti(un inetto) bel 200 milioni di euro.
      Noi avevamo il ""SALOTTO CUCCIA"" dove si prendevano le decisioni finanziarie ed economiche relative all'economia italiana.
      Alla morte del novantenne Enrico Cuccia gli eredi si sono dimostrati degli inetti e la finanza italiana è stata smembrata in tante piccole realtà e lo sstraniero(francese-americano-islamico-asiatico) si è lanciato nell'agone e si è impossessato dei principali BRANDS italiani.
      Ormai siamo una economia sotto attacco genocidico e l'Italia come potenza economica mondiale esiste solo come COLONIA METICCIA ITALIA....

      Elimina
  15. Ansaldo Energia comprata dalla General Elettric Fondata da Thomas Alva Edison e finanziata da J.P. Morgan Amico dei Rockfeller e Rothshild , adesso capisco chi si stà comprando l'Italia... Quelli si che ci hanno a cuore.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le attività industriali strategiche devono essere nazionalizzate ad evitare che vadano in mani sbagliate.Inizio' ""mortadella prodi"" a distruggere l'IRI e poi a cascata arriviamo a Telecom Italia che fu privatizzata da un governo di centrosinistra e rilevata in prima battuta da tale roberto colaninno di area dalemiana che ci speculo' alla grande e la mollo' a tale marco tronchetti provera che dopo averci mantenuto famiglia coi profitti ha lasciato la mano alla spagnola TELEFONICA che tramite la TELCO, di fatto col 15-16% di azioni Telecom Italia detenute o in corso di acquisizione diventerebbe azionista principale di riferimento di una azienda telefonica che gestisce tutto il traffico voce e dati relativi all'Italia intera..... MINISTERI-PARLAMENTO-QUIRINALE-SERVIZI SEGRETI-FORZE ARMATE-AZIENDE STRATEGICHE-VATICANO-AMBASCIATE-BANCHE-SCUOLE-CHIESE-PARTITI POLITICI-PRIVATI CITTADINI-ALBERGHI-...etc.etc.etc.
      Una volta esisteva la "golde share",istituto giuridico, di origine britannica, in forza del quale uno Stato, durante e a seguito di un processo di privatizzazione (o vendita di parte del capitale) di un'impresa pubblica, si riserva poteri speciali che possono essere esercitati dal governo durante il processo medesimo. Fra questi poteri si segnalano quello di riservare allo Stato stesso un certo quantitativo azionario, nonché quello di nominare un proprio membro nel consiglio di amministrazione della società oggetto di privatizzazione che, a differenza degli altri componenti dell'organo di governo dell'impresa, goda di poteri più ampi.Tale istituto mira a tutelare l'interesse della collettività in quelle società che si occupano di settori di rilevante importanza detti anche "public utilities".È prevista negli ordinamenti giuridici di diversi Paesi europei, introdotta tipicamente negli anni '90 con l'avvio dei primi processi di privatizzazione delle aziende pubbliche.La Golden Share non prevede una percentuale minima del capitale sociale che lo Stato deve detenere in una società per poterla esercitare. La quota in mano pubblica può essere al limite ridotta ad una sola azione, simbolica, e conferisce allo Stato un potere sulle scelte strategiche anche quando la privatizzazione è completata. Non è viceversa applicabile alle controllate e collegate che l'impresa pubblica deteneva prima e dopo la privatizzazione.che era un'azione societaria speciale che dava dei diritti eccezionali a chi la deteneva e l'aveva lo Stato Italiano nelle aziende strategiche appena privatizzate

      Elimina
    2. SE SI FACESSE UNA COMMISSIONE DI INCHIESTA PARLAMENTARE PER ACCERTARE CONNIVENZE COL NEMICO DI POLITICANTI E MANAGERS ITALIANI..IN RELAZIONE AI PROCESSI DI PRIVATIZZAZIONE DI AZIENDE STRATEGICHE.....DOVREMMO FUCILARNE A MIGLIAIA PER ""ALTO TRADIMENTO"".......

      Elimina
    3. ANCHE TU SEI CONVINTO CHE AL VERTICE DELLA CATENA DI COMANDO CI SIANO GLI EBREI?

      Elimina
  16. Brava Casapound Italia e Toscana, un faro in questa notte!
    Certo i problemi non vengono da oggi, né certamente Casapound si sveglia oggi.
    Siccome la storia industriale di un Paese non si costruisce in 10 anni ma nemmeno in 30, bisogna andare un po' indietro nel tempo, precisamente agli anni 1930 con la costituzione dell'IRI - Istituto per la Ricostruzione Industriale.
    Quella iniziativa ha rappresentato la spina dorsale della storia economica, tecnologica e industriale Italiana fino a tutti gli anni 1980, e il motore del miracolo economico degli anni 1950.
    La nazionalizzazione dell'Enel nel 1962 rappresentò un altro passo fondamentale. L'ultimo probabilmente, anche perché l'anno dopo fu assassinato Enrico Mattei e subito dopo partì anche l'attacco al nucleare Italiano che era di assoluta eccellenza.
    Per farla più breve possibile, dagli anni 1960 a tutti gli anni 1980,per un trentennio, nonostante l'inflazione, nonostante la criminalità organizzata e infinite inefficienze e connivenze, l'Italia poteva competere orgogliosamente nel mondo, forte di una sovranità monetaria e soprattutto tecnologica e industriale che molti ci invidiavano.
    Con le privatizzazioni selvagge degli anni 1990 il patrimonio profondo della Nazione è stato svenduto per lo più ad avventurieri locali, esteri e sovranazionali senza contropartite rilevanti, la sovranità della politica industriale è stata ceduta all'Europa, la Chimica, la Petrolchimica, l'Informatica, la siderurgia, l'agroindustria, sono scomparse dal panorama nazionale o sono state drasticamente ridimensionate, e ora la perdita di qualsiasi controllo sui settori strategici rappresentati da Alitalia, Ansaldo e Telecom sono soltanto la mossa finale, condotta per altro in modo sconsiderato, per esempio non avendo prima scorporato la rete delle telecomunicazioni. La stessa gigantesca iniziativa tutta Italiana sull'energia solare (fotovoltaico) è stata interrotta quando marciava alla testa del mondo!
    E non dovremmo nemmeno arrabbiarci per questo? Dovremmo attendere che finiscano anche i risparmi delle famiglie per arrenderci senza combattere?
    L'Italia ha dimostrato di poter primeggiare, di non essere seconda a nessuno, tutte le volte che il Popolo è stato unito a prescindere dal colore politico. La politica degli ultimi due decenni ha cercato in tutti i modi di distruggere l'orgoglio di essere Italiani, ma non tutti si arrendono!
    Forza Casapound Italia!

    Francesco Meneguzzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono convinto che l'Italia la vorrebbero far soccombere sotto i colpi di una svendita forsennata degli assets strategici....

      Elimina
  17. Nel 1948 l'Italia era considerata di importanza strategica nella NATO per arginare il diffondersi del comunismo in Europa,
    in particolare nei Balcani e nel Mediterraneo. In questo contesto di strategia geopolitica una crescita economica del Paese
    era ritenuta una componente essenziale. Per gli Investimenti esteri eravamo la Nazione più strategica d'Europa e questo
    ha permesso implicazioni sulla crescita e lo sviluppo del nostro paese.
    "Come hanno smantellato l’industria statale italiana, temutissima da Germania e Francia"
    Subito dopo l'89,dopo la caduta del Muro di Berlino "le aziende tedesche hanno iniziato a delocalizzare la loro produzione ad Est, alimentando i timori degli altri Paesi europei. Francia e Inghilterra, infatti, hanno cominciato ad aver paura delle spinte antieuropeiste interne alla Germania. Dopo la riunificazione, Berlino poteva potenzialmente disporre di un'area satellite su cui esercitare un'egemonia
    economica e monetaria. Così Parigi e Londra hanno accelerato il processo di introduzione dell'euro. Per legare la Germania a loro".
    La Germania si gioca la riunificazione, a spese della sopravvivenza dell’Italia come potenza industriale: ricattati dai francesi,
    per riconquistare l’Est i tedeschi accettano di rinunciare al marco e aderire all’euro, a patto che il nuovo assetto europeo elimini
    dalla scena il loro concorrente più pericoloso, l'Italia . A Roma non mancano complici: c’è chi è pronto a sacrificare l’Italia all’Europa
    “tedesca”, naturalmente all’insaputa degli italiani.
    Nel 1990 per rientrare nei parametri di Maastricht l’allora governo di centro-sinistra decise di aumentare la pressione fiscale sui cittadini.
    Si avvicinava la fine dell’Iri, gestita da Prodi in collaborazione col solito Andreatta e Giuliano Amato.
    Lo smembramento di un colosso mondiale: Finsider-Ilva, Finmeccanica, Fincantieri, Italstat, Stet e Telecom, Alfa Romeo, Alitalia,Ansaldo,
    Sme (alimentare), nonché la Banca AndreattaCommerciale Italiana, il Banco di Roma, il Credito Italiano.
    Grazie €uro/Europa , Germania, Inghilterra e Francia , ma la disperazione arriverà anche da voi non vi preoccupate.
    Nessuno ha chiesto a suo tempo alla Germania o alla Francia di comprare i nostri titoli.
    Se lo hanno fatto avranno avuto delle buone ragioni, ad esempio esercitare pressioni per le loro aziende in Italia, Quando il debito sarà tornato in Italia, saremo lasciati al nostro destino.

    RispondiElimina
  18. Europa e Usa potrebbero perdere il controllo sui Balcani: gli Stati oggi attratti da Bruxelles potrebbero spaventarsi e tornare sotto l'ala della Russia.( e Cina )
    Così, l'Fmi rilancia e pone l'accento sul significato speciale della partecipazione della Grecia al progetto del Gasdotto Trans-Adriatico (Tap) per
    esportare gas naturale dall'Azerbaijan all'Europa attraverso la Grecia, l'Albania ed il Nord Italia.Il trader di Wall Street Alessio Rastani poco prima della nomina di Lucas Papademos
    come primo ministro: «A noi non importa molto di come aggiusteranno l'economia, il nostro lavoro è guadagnarci. Personalmente sogno questo
    momento da tre anni, tutte le sere vado a letto e sogno un'altra recessione: quando il mercato crolla, se sai cosa fare, se hai il giusto piano
    da assemblare, puoi farci un sacco di soldi».

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la finanza speculativa forsennata sta distruggendo piano piano tutte le economie industriali del Pianeta.

      Elimina
  19. Milioni di italiani sono orfani di rappresentanza politica e CPI ha la possibilita' storica di inserirsi nel quadro dei partiti politici della DESTRA vera e incorruttibile e non disposta a svendere la dignita' nazionale per una comoda poltrona da politicante becero e traditore.

    RispondiElimina
  20. Fatto inquietante e storico:
    Il PDL si e' spaccato in due sulla fiducia o meno al governo Letta.
    Grande delusione e rabbia per una DESTRA schiacciata e annichilita all' interno di una lotta di potere tessuta nelle segrete stanze dello sporco potere comunista-massonico sulla pelle degli Italiani.
    Trovo molto azzeccata questa iniziativa di CPI in occasione di un evento ciclistico televisivo trasmesso in mondovisione.
    La ribalta internazionale di questa gara pedalata ha garantito la giusta visibilita' alla denuncia di una SVENDITA dell'Italia in corso da parte dei poteri politici di governo.
    Mossa e tempistica azzeccata da parte di casapound che opera sul campo pur con note difficolta' di attacchi antidemocratici subiti spessissimo da questo sistema cattokomunistoide.
    Bravi dirigenti e militanti di CPI.

    RispondiElimina
  21. Stamane al senato enrico letta ha parlato per 40 minuti per illustrare la sua richiesta di FIDUCIA al suo esecutivo ed ha fatto delle affermazioni così false ed ipocrite da rasentare il ridicolo.Ha avuto il coraggio di sostenere che il suo governo da 5 mesi sta facendo una politica a favore degli italiani a cui ha abbassato le tasse ed inoltre ha sostenuto che il suo esecutivo ha dato un concreto aiuto alla soluzione della crisi siriana e che l'Italia è una Nazione cardine all'interno della comunità europea.
    Che faccia tosta questo politicante ex-democristiano che in questi 5 mesi ha massacrato i giovani e gli anziani italiani.Ci aveva pensato il governo monti a distruggere il futuro di tanti anziani con una riforma pensionistica penalizzante,con il massacro degli esodati e con tanti altri provvedimenti discutibili sul piano del rispetto della tutela delle esigenze dei cittadini italiani.
    letta ha aggiunto pure che il suo governo "sarebbe" molto attento alla dinamica della ""svendita""(ndr.) delle aziende strategiche tipo telecom italia,alitalia,ansaldo che seguirebbe con molta attenzione nell'interesse nazionale.....!!!!!!!!!
    NON HO PAROLE....!!!! VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA
    Adesso si passa alla Camera....per la medesima richiesta di FIDUCIA.

    Bene ha detto invece CASAPOUND nella nota introduttiva di Fabio BARSANTI a questa iniziativa di protesta che è bene riproporla e riproporla di nuovo per rileggerla attentamente con attenzione e rispetto:

    ...""Mondiali di ciclismo: CasaPound Italia protesta in diretta contro la svendita dell'Italia

    "Telecom, Alitalia, Ansaldo - l'Italia non si svende" e "L'Italia muore, reagisci!": sono questi gli striscioni con i quali CasaPound Italia Toscana ha inscenato una protesta durante la "Gara in Linea" dei mondiali di ciclismo; dalla partenza avvenuta a Lucca, al passo del S.Baronto per finire sulle colline di Fiesole, in prossimità dell'arrivo, i militanti dell'associazione hanno catturato l'attenzione degli spettatori."Con gli striscioni di protesta esibiti in diretta durante i mondiali di ciclismo - dichiara Fabio Barsanti, coordinatore regionale di CPI - abbiamo voluto dimostrare al pubblico e agli spettatori di tutto il mondo che in Italia vi è ancora chi non china la testa di fronte all'ennesima svendita del nostro patrimonio economico ed industriale. Di fronte alla quasi totale indifferenza della classe politica, e grazie ad una sistematica 'distrazione' degli italiani operata dai media, il nostro paese continua ad essere in saldo e a perdere settori strategici per la sua sovranità nazionale.""Il passaggio di Telecom in mano spagnola, l'imminente acquisto di Alitalia da parte dei francesi e le ipotesi di trattative per la cessione di Ansaldo all'americana General Electric - prosegue la nota - sono il frutto di una politica scellerata ed anti-nazionale, iniziata con le privatizzazioni fallimentari di vent'anni fa e completata oggi con la nascita di governi, come quello Monti e l'attuale Letta, rispondenti agli interessi della finanza internazionale, appoggiati e sostenuti sia dal centro-sinistra che dal centro-destra.""CasaPound Italia, come la maggioranza del popolo italiano, non intende accettare che il nostro paese sia l'unico in Europa a non perseguire una politica con al centro l'interesse nazionale - conclude Barsanti - e si opporrà a qualsiasi operazione o tentativo di svendita di settori fondamentali dell'economia. Il nostro paese ha bisogno di una classe dirigente che persegua gli interessi dell'Italia, con una seria e programmata politica industriale e di sovranità nazionale. Non possiamo rimanere indifferenti di fronte all'uccisione programmata dell'Italia e del suo futuro.".....................

    RispondiElimina
  22. Il PDL che fa da stampella al PD??!!??
    E tutto questo per dare il colpo finale all 'Italia in seria difficolta' di sopravvivenza.
    Uno scatto di orgoglio del popolo italiano che tolga la fiducia a questo ""asse letta/berlusca"" che finora ha mietuto vittime tra la gente bisognosa,le classi meno abbienti italiane.
    Bel quadretto familiare!!!!
    Nemici politicamente e distanti ideologicamente pdl+pd (con a rimorchio lista civica) si sono messi al servizio della plutocrazia europea che agli ordini della merkel persevera nell'imporre a tanti stati di serie B tipo Italia l'obbligo di ""sanare i conti pubblici"" anche a costo di attuare politiche superestrittive sul piano della spesa pubblica.
    Nulla da eccepire se non il fatto che il carrozzone statale spende 800 miliardi di euro l'anno con il debito pubblico che e' il 125% del pil con capitoli di spesa parassitari a vantaggio di enti ed individui gratificati solo per ""meriti clientelari"".
    Ministeri-Regioni-Privince,Comuni-Enti pubblici-Societa' partecipate-Fondazioni pubbliche,etc.etc.etc sono delle sanguisughe che assorbono piu' del 50% della spesa pubblica sottraendo risorse primarie alle esigenze della gente comune.



    RispondiElimina
  23. Gli Istinti incontrollati sono i bisogni primari legati alla sopravvivenza.
    Doverli soddisfare è una esigenza vitale che compromette il pensiero.
    L'uomo che non è in grado di mettersi al riparo dalla fame , da condizioni climatiche avverse ,
    dalle malattie , dalle violenze si riduce ad uno stato di bestialità che annulla la parte pensante.
    Chi per vicissitudini diverse vive uno stato di bisogno e di privazione di condizioni materiali e spirituali ,
    perde il rispetto di se stesso e degli altri , fa cadere i principi ed i valori su cui sperava di poter
    costruire la sua vita e non sa cosa farsene della libertà essendo solo libero di morire per fame ,
    freddo e malattia.La democrazia non esiste senza la vera sovranità del popolo ,
    la democrazia non esiste senza Costituzione , gli individui che compongono la popolazione
    del Paese non possono vivere in maniera armonica senza la soddisfazione delle proprie esigenze in maniera eguale.
    La violenza si basa su rapporti di potere , chi ci governa ci nega il sostentamento derivante dal lavoro,
    negandoci così la dignità , si assiste alla perdita dei riferimenti sociali, economici e territoriali
    rendendo deboli le persone.Così chi può fugge da questa condizione in Paesi Civili e non corrotti ,
    mentre per gli altri tocca scendere a compromessi umilianti e lottare per sopravvivere.
    Il Grado di tolleranza è dato dal grado di civiltà e dalle riserve condivisibili.
    Ma quando anche per noi c'è la fame , la privazione dei diritti ,
    la sottrazione di qualcosa che ci appartiene , la messa in pericolo della nostra e altrui incolumità ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La risposta e' :
      Rivoluzione o dannazione.

      Elimina
  24. Il 9 novembre p.v.,anniversario t della caduta del muro di berlino, si terra' a Roma un incontro importante xche' nell'occasione La Destra di Storace rendera' pubblica la creazione di una FEDERAZIONE di DESTRA assieme a FLI--FIAMMA TRICOLORE--IO SUD e in un secondo monento anche FdI.
    La federazione e' aperta a movimenti,associazioni e circoli interessati ad aderire all'idea.
    Qualcuno de LA DESTRA avra' sbirciato in questo forum di CPI dove da settimane si sollecitava la necessita' di unire le forze.
    Mi auguro che questa FEDERAZIONE abbia la nascita e successo in quanto il PDL si e' spaccato e i fuoriusciti pare formeranno al Senato un nuovo gruppo ""I Popolari",una riedizione della vecchia DC,cosi che Forza Italia avra' bisogno di una Destra forte per rifare assieme alla Lega Nord un nuovo Polo di centrodestra.
    Che scadimento della politica e che vigliacchi tanti del Pdl che abbandonano la nave come Schettino prima che affondi lasciando al loro destino i vecchi compagni di viaggio nonche' il fondatore del Pdl stesso Berlusconi che li aveva imbarcati nell'avventura politica facendo la loro fortuna.
    Tra questi voltagabbana ce ne sono stati tanti che avevano stigmatizzato il voltafaccia di gianfranco fini il quale aveva tradito il suo mentore Berlusconi.
    Evidentemente la madre dei Giuda e' sempre incinta.
    E' comunque il momento buono x riposizionarsi bene anche nella Destra in modo da dare in futuro la possibilita' agli elettori di area di dare il proprio voto politico.
    Chissa' se CPI e anche FN potranno esserci.
    Me lo auguri tanto.

    Leggere sul link:

    www.ilgiornaleditalia.org/news/politica/849142/Rinascere-il-9-novembre.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CONDIVIDO L'ASPIRAZIONE..

      Elimina
    2. ben fatto
      cpi si faccia avanti....

      Elimina
    3. Usciamo dall'anonimato x tanti italiani.
      Cpi si aggreghi se puo' alla Federazione con Storace & co.

      Elimina
    4. Alle prox elezioni una sola lista x tutti una sola i dicazione di voto , non un voto disperso. Avanti cosi' contro questi traditori schifosi dellitalia. Il popolo e la gente per bene ci voteranno. Un solo obiettivo entrare in parlamento e fare un cul cosi a tutti sti erdosi chesi sono mangiati il paese. Se saret disuniti tutto e' inutile.

      Elimina
  25. fatelo presto.....il tempo stringe....

    RispondiElimina
  26. http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/rapinavano-bancomat-usando-esplosivo-arrestati-zingari-sinti/


    Rapinavano bancomat usando esplosivo: arrestati zingari Sinti
    PADOVA 02 ottobre 2013 – È scattata alle prime luci dell’alba nelle province di Padova, Vicenza, Treviso e Lucca una vasta operazione dei carabinieri denominata «Sbancomat».
    In manette è finita una banda dedita agli assalti agli sportelli bancomat.
    Le indagini, condotte dal nucleo investigativo dei carabinieri di Padova, hanno portato all’individuazione dei responsabili di un gruppo criminale che mediante l’utilizzo di esplosivo avrebbe portato a segno 21 furti ai danni di altrettanti sportelli bancomat, nel periodo compreso tra il settembre 2012 e l’aprile 2013.I diversi assalti avevano provocato agli istituti di credito danni per un totale di circa 2 milioni di euro, tra bottino in denaro e danneggiamenti infrastrutturali.
    Le indagini si sono svolte in diversi campi nomadi del Veneto.Il blitz ha visto l’esecuzione di 11 provvedimenti restrittivi, dei quali 4 in carcere e 7 con obbligo di dimora.
    Gli indagati sono stati rintracciati nelle province di Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Padova, Ravenna, Udine e Verona.La ricostruzione dei carabinieri. Siamo al 15 marzo di quest’anno. I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Padova, ormai da diversi mesi sono costantemente impegnati sul territorio in orari notturni per fronteggiare l’emergenza del fenomeno “assalti bancomat”. Ci troviamo al casello di Padova sud, sull’A13, l’arteria che collega Padova a Bologna e, di lì, a tutta l’Emilia Romagna. Gli occhi attenti dei militari, per nulla disturbati dalla poca luce, dall’orario e dalla velocità con cui transitano i veicoli in entrata al casello, notano un particolare che mette in allerta un centinaio di uomini, tra Veneto ed Emilia Romagna: una targa che a occhio nudo sembra di fattura artigianale e che al controllo in archivio risulta radiata perché appartenente ad una vettura demolita, montata su una vettura di colore scuro, di grossa cilindrata, capace di sviluppare elevate velocità. Al di là di questo, il buio: non c’è ancora un nome, non ci sono telefoni da controllare, e la vettura è già lontana. Le Centrali Operative dei Comandi territoriali interessati dal fenomeno degli assalti lavorano freneticamente per trasmettere i pochi dati a tutte le pattuglie impiegate nell’orario notturno. Le ricerche si svolgono senza risparmio, ma la vettura giunge nel comune di Pisignano (RA). Dopo pochi minuti, parte l’allarme di un’agenzia della Cassa di Risparmio di Ravenna. I Carabinieri del posto accorrono e, constatata la consumazione del colpo, si adoperano per localizzare i malviventi che, dopo il colpo, vengono rintracciati su vie secondarie tra le province di Ravenna e Ferrara.I delinquenti, lo si scoprirà in seguito, hanno un secondo obiettivo da colpire quella notte, ma si sentono disturbati dal dispiegamento di forze e ritornano in autostrada. Dall’Elinucleo di Forlì addirittura si leva in volo un elicottero dei Carabinieri con pilota abilitato al volo notturno, unico mezzo ritenuto in grado di “pedinare” un “missile” in grado di viaggiare a oltre 220 km/h.Il Nucleo Investigativo di Padova, intanto, ha già dislocato i suoi uomini, parte sull’A13, in direzione di Padova, parte dopo il casello di Padova sud, dove è allestito un posto di blocco. ........

    fine 1^ parte....

    RispondiElimina
  27. http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/rapinavano-bancomat-usando-esplosivo-arrestati-zingari-sinti/

    2^ parte

    E la vettura, noncurante del buio, del fondo stradale reso viscido dalla brina, con i malviventi ignari del dispiegamento di forze, fa rientro sull’arteria autostradale: c’è fretta di tornare a Cittadella, dove abita e deve fermarsi il “navigatore” della banda, prima di chiudere l’operazione a Santa Lucia di Piave(TV), dove abita, invece, il capo del gruppo.

    Concorrono anche uomini della Polizia Autostradale di Rovigo, tempestivamente informati. In prossimità del casello di Padova sud i malviventi non vogliono rimanere imbottigliati nel traffico dei camion incolonnati e all’improvviso, ma dopo aver passato lo svincolo per la zona industriale, tentano un cambio di direzione in retromarcia, ma la “trappola” è già scattata e a nulla serve lo speronamento della volante della Polizia: ai malviventi non resta che tentare la fuga a piedi attraverso i campi. Il “navigatore”, Rizzetto Daniel, non fa neppure a tempo a scendere dall’auto; i fratelli Malacarne Erik e Goran riescono a guadagnare il campo coltivato a frumento che si apre sulla carreggiata opposta, ma sono inseguiti da carabinieri e poliziotti che, dopo una breve colluttazione, ne hanno ragione. Sfugge al meccanismo Major Joi, imparentato con i due fratelli, per il quale però è solo questione di tempo.

    Le indagini. Una volta assicurati alla Giustizia 3 dei 4 componenti della banda, inizia un lungo ed approfondito lavoro di ricostruzione della vicenda ed è a questo punto che, dopo aver mostrato la forza nell’intervento in emergenza, con un sapiente lavoro “d’intelligence” le indagini si orientano negli ambienti dei “giostrai”.

    Perquisizioni, sequestri, attività tecniche: nulla viene lasciato al caso e gli sforzi profusi danno i loro frutti. Dietro ai quattro soggetti individuati, costituenti il “braccio operativo”, si scopre una rete di contatti e di parentele, tutte riconducibili all’ambito dei giostrai di etnia Sinti, che consentono di delineare una vera e propria associazione per delinquere, organizzata secondo uno schema ben definito, con suddivisione ed attribuzione di compiti tra i componenti.

    In sostanza, alle spalle dei soggetti “operativi”, incaricati di mettere a segno gli assalti – dopo aver individuato, mediante appostiti sopralluoghi, gli obiettivi più idonei – ed organizzati secondo procedure che somigliano a quello di un gruppo paramilitare, sono state individuate le persone deputate a fornire supporto logistico, quelle preposte alla fabbricazione di ordigni e strumenti necessari per il compimento dell’illecita attività e quelle incaricate di gestire la fase conservativa e distributiva dei proventi degli assalti. Il tutto reso molto saldo dai legami di sangue che ha accentuato l’atteggiamento omertoso all’interno del gruppo.
    Mente di tutta l’organizzazione è risultato Malacarne Erik, “operativo” ed autista del “commando”, capace di impartire disposizioni ai famigliari più vicini onde gestire il patrimonio illecitamente accumulato anche dal carcere e che già aveva individuato il modo di impegnare fruttuosamente lo stesso mediante investimenti nel settore immobiliare.

    RispondiElimina
  28. http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/rapinavano-bancomat-usando-esplosivo-arrestati-zingari-sinti/


    3^ parte

    Circa un anno di serrate indagini, coordinati dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Padova, dr. Roberti, hanno consentito ai Carabinieri di delineare la struttura dell’organizzazione, il “modus operandi”, la responsabilità di nr. 21 assalti a sportelli ATM dislocati nelle Province di Padova, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Ravenna, Udine e Verona, per un danno complessivo stimato in circa 2 milioni di euro.
    Il G.I.P. dr.ssa Gambardella, sposando le risultanze investigative dei Carabinieri, ha emesso 11 provvedimenti dei quali 4 misure cautelari in carcere e 7 misure degli obblighi di dimora, per il “reato di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti con utilizzo di esplosivo danni sportelli bancomat” .

    Il blitz. All’alba, 100 militari dei Comandi Provinciali Carabinieri di Padova, Treviso e Vicenza, hanno dato esecuzione ai provvedimenti dell’A.G., eseguendo contestualmente 30 perquisizioni domiciliari.
    La maxi operazione ha consentito di infliggere un durissimo colpo nel contrasto al fenomeno, riuscendo a sostenere per la prima volta, in una situazione del genere, il reato associativo.

    Gli arrestati. Gli arrestati sono: Goran Malacarne, nato Valdobbiadene(TV) il 22 agosto 1985, residente a Santa Lucia in Piave; Erik Malacarne, nato Montebelluna (TV) il 16 gennaio 1983, residente a Santa Lucia in Piave; Daniel Rizzetto, nato Cittadella (PD) il 17 aprile 1979, residente San Martino di Lupari; Joi Major, nato Asolo (TV) 12 giugno 1984, residente Treviso.

    http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2013/10/02/news/presa-la-banda-degli-assalti-ai-bancomat-indagini-nei-campi-nomadi-1.7848666

    RispondiElimina
  29. Boldrini ai giovani zingari-rom SINTI: "Siate orgogliosi della vostra identità"

    Lunedì 08 Aprile 2013 14:40

    Il presidente della Camera incontra una delegazione di ragazzi a Montecitorio. Associazione 21 luglio: “Riconoscere i rom tra le minoranze tutelate e superare i mega-campi”

    Roma – 8 aprile 2013 - “Siate orgogliosi della vostra identità e appartenenza. Sempre nel rispetto delle cultura degli altri, ma con la consapevolezza che avete un patrimonio da far conoscere e da tutelare”. Così il presidente della Camera Laura Boldrini ha salutato la delegazione di giovani che ha incontrato questa mattina a Montecitorio in occasione della Giornata Internazionale di Rom e Sinti.
    “Mi hanno raccontato – scrive Boldrini sulla sua pagina Facebook - otto storie diverse, di famiglie a volte presenti in Italia da secoli, oppure arrivate dopo la tragedia dell’ex Jugoslavia e il crollo del blocco sovietico. Ragazzi orgogliosi della cittadinanza italiana, o in attesa di vedersela riconoscere perché fuggiti dalla guerra privi di documenti. Il sogno è quello dell’inserimento, di un lavoro. Ma intanto la realtà è la vita nei campi-sosta, gli sgomberi forzati, la scuola a singhiozzo. In molti hanno raccontato i disagi estremi di sistemazioni fuori dai centri abitati, in container dove si vive stipati e circondati dal fango.
    Pamela, 15 anni, ha letto una lettera che mi ha chiesto di inoltrare al Presidente della Repubblica Napolitano. "Abito in un campo che è un campo di concentramento - scrive - neanche io vorrei avere un’amica che abitasse in un posto così. Spero che tu ci possa aiutare a cambiare vita, a non restare isolati”. Elvis fa il mediatore culturale: due volte alla settimana prende i bambini e li porta a fare attività in un centro culturale: “E' bello anche perché così escono dai campi”. Dolores è laureata in lettere e aspirante sceneggiatrice. Toni spera di poter fare il cantante, ma intanto vorrebbe lavorare come cuoco.
    Ad accompagnare i ragazzi Carlo Stasolla, presidente dell’Associazione 21 luglio, che ha donato al presidente della Camera la bandiera verde-celeste dei popoli Rom e Sinti, avanzando due richieste: il riconoscimento tra le minoranze culturali tutelate, visto che per consistenza si tratta della seconda minoranza d’Italia; il superamento del sistema dei mega-campi, a favore di soluzioni più vivibili da concordare con le famiglie.
    “Io – scrive Boldrini - ho sottolineato la grande importanza del lavoro culturale da fare per valorizzare la memoria. So quanto affascinante e antica sia la storia di Rom e Sinti, e quanto sia segnata da tragedie e tentativi di sterminio. Bisogna fare di più per farla conoscere, per renderla nota ai giovani; altrimenti prevale il pregiudizio e con esso la discriminazione”.


    PROPORREI DI INVITARE LA BOLDRINI A DONARE AI SINTI TUTTE LE SUE PROPRIETA' IN SEGNO DI AMICIZIA ED INOLTRE DI MANTENERLI COL SUO STIPENDIO ANCHE SE QUESTO DERIVA DALLE CASSE DELLA POPOLAZIONE ITALIANA A CUI E' SOTTRATTO INDEBITAMENTE E MALVOLENTIERI.

    RispondiElimina
  30. In periferia ci considerano come bestie , associazioni di volontariato aiutano gentaglia ad avere sussidi ed appartamenti , ormai viviamo in ghetti Islamici e Rom che puzzano come fogne , sono poveri e hanno bisogno di aiuto , ma girano in Bmw e Mercedes.
    Poi pensano che a farli stare ai margini delle città il problema sia risolto.
    Io non vivo in Villa , ma chi possiede qualcosa deve temere più di noi , perchè i menefreghisti agiati pagheranno caramente la loro indifferenza.

    RispondiElimina
  31. Il 9 novembre p.v.,anniversario t della caduta del muro di berlino, si terra' a Roma un incontro importante xche' nell'occasione La Destra di Storace rendera' pubblica la creazione di una FEDERAZIONE di DESTRA assieme a FLI--FIAMMA TRICOLORE--IO SUD e in un secondo monento anche FdI.
    La federazione e' aperta a movimenti,associazioni e circoli interessati ad aderire all'idea.
    Qualcuno de LA DESTRA avra' sbirciato in questo forum di CPI dove da settimane si sollecitava la necessita' di unire le forze.
    Mi auguro che questa FEDERAZIONE abbia la nascita e successo in quanto il PDL si e' spaccato e i fuoriusciti pare formeranno al Senato un nuovo gruppo ""I Popolari",una riedizione della vecchia DC,cosi che Forza Italia avra' bisogno di una Destra forte per rifare assieme alla Lega Nord un nuovo Polo di centrodestra.
    Che scadimento della politica e che vigliacchi tanti del Pdl che abbandonano la nave come Schettino prima che affondi lasciando al loro destino i vecchi compagni di viaggio nonche' il fondatore del Pdl stesso Berlusconi che li aveva imbarcati nell'avventura politica facendo la loro fortuna.
    Tra questi voltagabbana ce ne sono stati tanti che avevano stigmatizzato il voltafaccia di gianfranco fini il quale aveva tradito il suo mentore Berlusconi.
    Evidentemente la madre dei Giuda e' sempre incinta.
    E' comunque il momento buono x riposizionarsi bene anche nella Destra in modo da dare in futuro la possibilita' agli elettori di area di dare il proprio voto politico.
    Chissa' se CPI e anche FN potranno esserci.
    Me lo auguri tanto.

    Leggere sul link:

    www.ilgiornaleditalia.org/news/politica/849142/Rinascere-il-9-novembre.html

    RispondiElimina
  32. Cpi deve allearsi con altri partiti della Destra italiana x vincere

    RispondiElimina
  33. CPI deve rimanere una, autonoma, pura!

    RispondiElimina
  34. "quante volte la voce interiore che dice di fare il nostro
    Beh, a scapito di altri, facciamo male. Seguiamo l'impulso
    natura a immagine di Dio, e resistiamo lui: in ascolto di questo
    che ha detto ai nostri sensi, ci disprezzano quello che ha detto ai nostri cuori. L'essere
    Obbedisce ad attivo, il passivo essendo comando. La coscienza è la voce dell'anima;
    le passioni sono le voci del corpo."
    Piccola offerta di finanziamenti (la cura per la famiglia)
    Io mi chiamo CLAUDIO TRANI, un uomo in Cristo con i bambini con un
    donna di nazionalità spagnola e dalle mie azioni che voglio grazie cosa
    Mio Dio mi ha dato aiuto famiglie in ogni gesto di un credito di
    €2000 a 800.000 su una percentuale del 2%. Vi prego di contattarmi se si
    sono preoccupazione sulla mia e-mail principale e unico: claudio.trani27@gmail.com
    per la vostra richiesta come Dio rimane Dio contro alle nostre esigenze può
    la Bibbia dice che la felicità è in gloria né nella
    potere, ricchezza, non solo nella pace della
    coscienza e sottomissione a Dio!

    RispondiElimina