giovedì 26 settembre 2013

Caso Barilla, CasaPound: il linciaggio dell'imprenditore è assurdo e indecente

Caso Barilla, CasaPound: il linciaggio dell'imprenditore è assurdo e indecente
“In Italia è a rischio la libertà d'espressione, la politica si occupi piuttosto di Telecom”
Roma, 26 set - “Il linciaggio a cui viene in queste ore sottoposto un imprenditore di successo che ha liberamente espresso le strategie di marketing della propria azienda è assurdo e indecente”. Così Casapound Italia commenta le dichiarazioni di Guido Barilla circa il ruolo che la famiglia riveste nell'immagine della nota azienda alimentare. “Le reazioni isteriche delle vestali del politicamente corretto alle parole di Barilla sono emblematiche: sembra quasi che adesso serva l'autorizzazione di qualche autoproclamatasi autorità morale per decidere come pubblicizzare un'azienda privata. L'ingerenza nelle strategie commerciali di Barilla da parte della politica è peraltro tanto più surreale se comparata con la leggerezza criminale con cui la stessa politica si è disinteressata della sorte di altre aziende come Telecom, certo più strategiche della pastasciutta per i destini della nazione: come è possibile che la pubblicità dei rigatoni sia di interesse nazionale e la proprietà delle telecomunicazioni no?”. Per Cpi “la vicenda impone una seria riflessione sullo stato della libertà di espressione in Italia. E' inquietante, a questo proposito, la reazione di alcune associazioni gay, che hanno evidenziato come Barilla possa dire quel che ha detto perché 'la legge glielo consente'. Costoro auspicavano forse il contrario? La famosa legge anti-omofobia doveva servire a vietare opinioni come quelle dell'imprenditore? Se è così i timori di chi vedeva nel provvedimento un attentato alla libertà di espressione non erano infondati”. CasaPound conclude denunciando nella polemica “l'ennesimo specchietto per le allodole, volto a creare vuoto chiacchiericcio mentre l'asse produttivo dell'Italia viene spolpato. Sono armi di distrazione di massa, buone solo a spostare il dibattito politico verso tematiche inconsistenti, banali e conformiste”.

91 commenti:

  1. Perfetti come sempre! Non perdere la rotta,non farsi ammaliare da false priorita'!

    RispondiElimina
  2. Barilla non è più italiana già da un po', fa parte di una multinazionale americana. Che sia per la qualità scadente del grano utilizzato o per polemiche omofobe o politiche ben venga il boicottaggio a favore di aziende ancora italiane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto cose non vere. Documentarsi prima di parlare e' sempre meglio

      Elimina
    2. Non è questione di "Barilla", "DeCecco", "Garofalo" o altri... E' questione che l'imprenditore -italiano- ha dovuto scusarsi per aver detto una mezza frase che esprimeva le sue idee, le sue preferenze e le politiche della SUA azienda, che è liberissimo di decidere come meglio crede, ma che purtroppo ha urtato la suscettibilità di una categoria di persone diventata intoccabile, al di sopra della libertà di pensiero e di espressione.
      E' questo che è inaccettabile, sia che la vittima sia il sig. Barilla, sia che lo sia tu, che lo sia io o che lo sia chiunque altro.

      Elimina
    3. Ma prima di commentare lo avete letto il comunicato di CasaPound?
      Non si parla dell'assetto societario o della qualità della pasta Barilla ma della dittatura sempre più insostenibile del 'politicamente corretto'. Oggi è toccato al sig.Barilla essere crocifisso mediaticamente per aver espresso una libera opinione sulla sua idea di famiglia, ovvero quella naturale composta da uomo e donna. Questo è inaccettabile. E' inaccettabile che in Parlamento si approvino leggi liberticide come il DDL cosiddetto anti-omofobia mentre il paese cade a pezzi e le nostre aziende strategiche vengono prima privatizzate e poi lasciate in mano straniera.

      Elimina
    4. Sarebbe bello e fruttuoso far recapitare al Sig. Barilla da parte di Casapound e di migliaia di sostenitori in tutta Italia un attestato di solidarieta' motivato e chiedere una sua email dove potere noi tutti scrivere una parola di sostegno morale.
      Grazie.

      Elimina
    5. Barilla e ' ancora italiana,sede legale a Parma.
      A Barilla avra' telefonato Pizzarotti x conto del frocio vendola e lui si e' messo paura ma spero che passati i primi momenti di smarrimento se ne fotti di quello che ha detto la sboldrina e faccia sempre degli spot eterosessuali.

      Elimina
  3. è seriamente deprimente constatare a quale livello di indecenza siamo arrivati in Italia; una minoranza di depravati mette in riga un onesto imprenditore di successo , uomo-immagine del PRODOTTO ITALIANO nel mondo. W BARILLA, vai avanti così, gli Italiani onesti, gli umili cittadini lavoratori sono con Te! condivido l'iniziativa da parte di qualche commentatore di inviare una lettera aperta di sostegno e solidarietà a Barilla. E' scandaloso che una minoranza talebana vada acondizionare non solo le Leggi, il che è già scandaloso di per sè, ma perfino il semplice e del tutto condivisibile commento di un Imprenditore Privato !!!
    W LA SANTA ITALIA IMPERIALE CRISTIANA E LATINA, W LA FAMIGLIA TRADIZIONALE CON PADRE MADRE E FIGLI!!!

    RispondiElimina
  4. Tutto inizia nel 1994 quando la lega toglie la fiducia al centrodestra vittorioso alle elezioni politiche.Bossi dichiaro' dopo che lo fece in quanto credette a d'alema circa un Berlusconi mafioso.Proprio un pirla quel leghista che da allora diede il la' a tutto un susseguirsi di defezioni e tradimenti che mineranno inesorabilmente la coalizione che piano piano di trova al bivio del novembre 2011 allorquando dietro un bombardamento mediatico mafioso Berlusconi,invece di continuare la realizzazione del programma politico iniziato nel 2008 o di far cadere il governo col conseguente scioglimento del Parlamento,decide di coalizzarsi col NEMICO komunistoide e di sostenere un governo Monti che fece una macelleria sociale senza precedenti.
    Non contento di cio' Berlusconi appoggia la rielezione al Quirinale dello ex-stalinista Napolitano e dopo rifa' il governo in coalizione col sempre nemico storico pd komunistoide,ridando il la' ad una ulteriore politica sociale di totale massacro degli italiani consentendo che la mafia bancaria internazionale COMMISSARIASSE il parlamento italiando imponendo scelte socio-economiche di assoluto trituramento del popolo italiano a vantaggio di parassiti gay pedofili italiani e di stranieri islamici e zingari e clandestini africani TUTTI nemici della gente nostrana.
    Berlusconi si cago' sotto nel 2011 e si fece da parte sperando cosi' di poter essere graziato in tribunale dai giudici comunisti ed invece viene fottuto e piu' di lui gli elettori di centrodestra che si ritrovano sul groppone un governo letta a guida komunista ed un movimento pentastellato composto da eversivi di sinistra.
    Un bordello politico per il centrodestra che.....per non finire stritolato da pd+sel+m5s..... fa da stampella ad un governo ANTITALIANO AL 100%.
    Ci ritroviamo dei politicanti meticci italiani che in accordo con la magistratura eversiva vuole uccidere la razza italiana sostituendola con un ibrido arabo-asiatico ed islamico.
    In poche parole se continuiamo cosi al massimo tra 1"anno l'islam prendera' il sopravvento e diventeremo una colonia schiavizzata degli islamici fondamentalisti.
    Obama sta a guardare da furbo filoislamico.
    Napolitano gode adesso della sottomissione della Patria a qualunque potenza straniera cosi da potersi togliere il sassolino dalle scarpe degli anni 50-60 del XX^ secolo allorquando brigo' inutilmente affinche' l' italia diventasse colonia dell'URSS stalinistoide.
    La situazione e' tragica e non vedo altra soluzione che prepararsi al peggio e pronti a ricorrere ad ogni mezzo per evitare la capitolazione.
    Che DIO Cattolico ci dia una mano di aiuto sconfiggendo il DEMONIO che foraggia gay e islamici,coalizzati contro eterosessuali cattolici.
    Il piu' forte vince,il debole smidollato soccombe.
    A quale categoria vogliamo appartenere?

    RispondiElimina
  5. Siamo in guerra.....la 3^ guerra mondiale...

    RispondiElimina
  6. SCENDIAMO IN PIAZZA PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI.

    RispondiElimina
  7. barilla facesse come gli pare e a quelli li mandasse a fare in culo

    RispondiElimina
  8. Barilla non ha voluto esprimere un'opinione bensi ha risposto PICCHE alla spudorata e perverss richiests omogila di fare uno spot con fsmigliola di froci o lesbiche.
    Ci mancherebbe

    RispondiElimina
  9. Barilla fa gola al nemico?

    RispondiElimina
  10. Anche Dolce&Gabbana non hanno voluto calarsi le braghe alla lobby antitaliana dei froci anche se loro..........

    RispondiElimina
  11. ma questa e' estorsione
    denuncia alla Polizia

    RispondiElimina
  12. i gay non compreranno piu' pasta barilla?
    E chi se ne frega!!!
    barilla la sua pasta la vende pure su Marte.
    Sti rompicoglioni.
    Ma non la guardassero la pubblicita' cosi la finiscono di strizzarci le palle coste cose da deficinti stronzi che non hanno nessun rispetto per la imprenditoria italiana che sta attraversando un momento di crisi pazzesco e barilla non delocalizza e da' lavoro a migliaia di onesti lavoratori italiani.
    Una carognata degna di pezzenti che campanovcolle sovvenzionibstatali come arcigay,centrale eversiva sinistronza.
    Andassero a quel paese questi mascalzoni che vogliono affossare l'Italia.
    Barilla non si faccia intimorire.

    RispondiElimina
  13. Alberoni famoso scienziato medico le ha cantate alla sboldrina affermando che la femmina e' sempre stata NUTRICE quindi assolutamente normalissimo che nello spot ci sia una MAMMA(non genitore 2) che serva a tavola.
    Pensasse alla condizione TRIBALE della donna tra gli zingari SINTI e gli islamici medievali.

    RispondiElimina
  14. Ragazzi dobbiamo distinguerci, non epiteti inutili ma esponiamo i ns. pensieri in maniera corretta e forbita.
    Ha ragione CPI , il problema è a monte : come si permette la politica che consente tutto
    quello che viviamo tutti i giorni (clandestini, delinquenti, spacciatori, ladri, corrotti etc.etc.)
    di esprimere con esponenti come la boldrini dei commenti sul marketing di una sana
    Azienda Italiana ??? Questo è inammissibile. Forse meglio vedere, con tutto il rispetto,
    due gay che si baciano in televisione che una sana famiglia intorno ad una tavola ????
    Ma per favore, da adesso privilegerò la pasta Barilla !
    Evviva Casapound
    Marco da Roma

    RispondiElimina
  15. MESSAGGIO A TUTTI GLI UTENTI

    Per favore utilizzare un linguaggio consono a persone civile e intelligenti.
    Gli insulti e le parolacce da asilo lasciamole ad altri.
    I commenti devono servire per esprimere un opinione e dibattere riguardo l'argomento in oggetto, non come valvola di sfogo per il becerismo più puro.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vi limitate a fare cazziatoni e non rispondete alle pressanti richieste della base..!!!!!!!!!!!!????????

      Elimina
    2. La base sono quelle centinaia di militanti che quotidianamente lavorano in tutta Italia per far crescere il nostro movimento. E stia tranquillo che ogni azione e ogni decisione viene condivisa con tutti.
      Le 'pressanti richieste' quali sarebbero? E da quale 'base proverrebbero'?

      Elimina
    3. una richiesta che ho letto in decine di post è quella di proporre una federazione tra tutte le forze che si riconoscono in una destra italiana patriottica.

      Elimina
    4. il web è importante visto che m5s ci ha vinto quasi le elezioni politiche ed ha sistemato dei sindaci.

      Elimina
    5. fate delle primarie via internet

      Elimina
    6. il dibattito che c'è in questo forum è molto interessante lo seguo volentieri
      grazie casapound

      Elimina
    7. mi piacerebbe partecipare a delle primarie che si facciano via web come ha fatto con successo beppe grillo col suo movimento cinque stelle.

      Elimina
    8. NON MI SEMBRA CHE QUALCUNO DEI POST SIA SCOSTUMATO NEI CONFRONTI DI CHICCHESSIA.
      UNA CRITICA PUNGENTE E' IL SALE DELLA VITA E L'IMPORTANTE E' ARGOMENTARE BENE IL PROPRIO INTERVENTO E CASAPOUND NON DOVREBBE CANCELLARE QUESTI INTERVENTI.
      L'UNIONE FA LA FORZA E PURE L'UTENTE VIA WEB VA A VOTARE PER CUI ABBIATENE MAGGIORE CONSIDERAZIONE.
      GRAZIE E MI SCUSO MA NON VORREI FARE L'AVVOCATO DEL DIAVOLO O DELLE CAUSE PERSE.
      BUON LAVORO A CASAPOUND I CUI DIRIGENTI DANNO TANTO E LO LEGGO SPESSO SUI GIORNALI DI ""REGIME"" DOVE PERO' SI DA' UNA IMMAGINE DEL MOVIMENTO NON VERITIERA.
      MI E' CAPITATO DI ASSISTERE AD UN CORTEO OPPURE AD UNA MANIFESTAZIONE PUBBLICA DI CASAPOUND E DEVO DIRE CHE MI E' PIACIUTA L'ATMOSFERA CHE SI VIVE,ITALIANA,
      PATRIOTTICA,PIENA DI BUONI SENTIMENTI NAZIONALISTICI,MA ANCHE DI PERSONE GIUSTAMENTE ARRABBIATE CNTRO I POLITICANTI CORROTTI CHE MALE AMMINISTRANO QUESTA NAZIONE E NON FANNO GLI INTERESSI DELLA SOCIETA' CIVILE MA LA PROPRIA -

      Elimina
  16. Un famoso marchio italiano famoso nel mondo preso di mira dalla ""banda bassotti"" che fara' la stessa pessima figura rimediata con Dolce&Gabbana.
    Principianti allo sbaraglio senza dignita' per difendere l'indifendibile.
    Tutto nasce dalla malsana pretesa della 3^ carica dello stato che sposa sempre le battaglie spudoratamente antitaliane.
    Niente spot cosi...niente spot coli...in puro stile stalinista...suggerito dalla lobby dei sodomiti che ..........alla stessa stregua degli islamici terroristi anticristiani......virrebbe imporre la shari'a dei pervertiti.
    Hanno fatto i conti senza l'oste......perche' i cittadini italiani di DESTRA non si faranno ne' islamizzare ne' sodomizzare neanche lontanamente e stanno pronti con lo scoppietto oliato e lucidato.

    Da oggi solo pasta Barilla etero e doppia porzione di finocchio trifolato...
    Buon appetito

    RispondiElimina
  17. Solo un cattivo odore dopo una puzzetta questa carica di sbandati contro un colosso alimentare.
    La NATURA non la puoi modificare a piacimento.
    Gli omo mi sembrano quei bambini che vorrebbero mangiare troppa cioccolata incuranti del mal di pancia sempre in agguato...con l'aggravante che loro vorrebbero zittire x sempre genitore 2 e mangiare tutta la cioccolata senza curarsi delle conseguenze.
    Io al posto di Barilla li avrei gia' denunciati per una sfilza di reati penali e civili.
    Ci potrebbero essere gli estremi di estorsione,violenza privata,minaccia aggravata e continuata,stalking,nonche' danno economico di immagine rilevante e aggravato dal presunto diritto di poter interferire nella sfera commerciale di una azienda privata contro cui hanno pure emesso una FATWA tipo islam invitando TUTTI a boicottare la Barilla rea di non essersi resa subito disponibile a subire il criminale diktat dei sodomiti sostituendo nello spot l'immagine della famiglia tradizionale etero con quella innaturale omo violentando i cardini naturali del vivere civile in un Paese democratico e libero da condizionamenti e prepotenze contronatura.
    Io lo scrivo sempre che i sodomiti si sono coalizzati coi musulmani per imporre il doppio burqa di una societa' omosessuale e sottomessa all'islam padrone.
    D'altronde chi ha avuto a che fare coi sodomiti o ne conisce le vicende tipo pier paolo pasolini puo' ben sapere e immaginare la sudditanza ad un sesso sodomita sfrenato senza freni inibitori nemmeno nel probabile contagio HIV.
    Sono dei ninfomani al maschile incontentabili e quindi con turbe psichiche gravi da devianza sessuale che diventa cronica se non fermata per tempo.
    La checca e' un malati veri da curare e Papa Francesco ci ha detto che il cattolicesimo e' comprensibile cii sodomitu che fanno voti di castita' o che si fanno curare per poter ritornare naturalmente etero.
    Non e' omofobia ma ovvieta'.
    In tutte le tribu' arcaiche c'e' sempre stata l'eterisessualita' a scandire il decirso degli eventi sociali e la imosessualita' e' sempre stata vusta come una eccezione da bandire come metro di misura nafurale dei rapporti affettivi e sessuali quoiduani.
    Anche l'islam e l'ebraismo condannano la natura sidomita dei devuati sessuali che nella maggiir parte dei casi sono pedofili in incognito sempre pronti a soddusfare l'insano istinto criminale non appens possibile.
    Anche se c'e' da dire che nella cultura araba-islamica la donna e' considerata tale in alcuni Paesi come lo Yemen gia' da 8-9 anni ma li e' un altro discorso.
    Barilla ha fatto bene a precisare di non essere omofobo come non lo e' nessuno in casapound eppero' di non voler rappresentare nei suoi spot se non la famiglia tradizionale etero con mamma e papa'...
    Solidarieta' totale a Barilla e speri che casapound possa far pervenire un attestato di partecipazione umana e sociale ad un garante delle tradizioni nostrane come lo sta dimostrando il titolare della azienda Barilla.
    Ringrazio Casapound che ci mette a dispisizione questa area di dibattito e cintinuate con le vostre stupende iniziative.

    RispondiElimina
  18. Miss Trans Italia,
    vince la siciliana Alessia Bergamo

    23 settembre 2013 - 10:10 -
    E’ siciliana di origine ma abita a Bergamo la nuova Miss Trans Italia. Si chiama Alessia Bergamo, ha 27 anni. E’ stata eletta sabato 21 settembre al locale Priscilla di Torre del Lago (LU). Alessia, 185cm, ha conquistato tutti con la sua spontaneità. Madrina dell’evento è stata Alba Parietti.

    Appassionata di burlesque, la 27enne ha una storia travagliata alle spalle. Cacciata di casa a 17 anni dalla famiglia che aveva rifiutato il fatto che volesse cambiare sesso, Alessia è riuscita poi a riconquistare l’affetto dei genitori che sono riusciti ad accettarla così com’è.

    La 21esima edizione del concorso è stata interamente dedicata alla memoria di Don Andrea Gallo, sacerdote da sempre schierato nella battaglia per i diritti della comunità LGBT. Alba Parietti ha ricordato l’amico Don Gallo paragonando la sua figura a quella di Papa Francesco che ha recentemente aperto la Chiesa ai gay.


    http://www.italiainformazioni.com/italia-informazioni/56338/miss-trans-italia-vince-la-siciliana-alessia-bergamo




    ALLA SBOLDRINA NON FA SCHIFO QUESTO MERCIMONIO TELEVISIVO DI UN TRANS......FUTURO ITALIAMOIDE NEOCOSA??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che umanita' in decadenza!!!!!

      Elimina
    2. TE LI RACCOMANDO DON GALLO PRETECOMUNISTOIDE E ALBA PARIETTI IL NULLA CHE COMPARE IN TV......




      BARILLA CROCEFISSO PERCHE' SI OPPONE A QUESTO MACIULLAMENTO DELL'ESSERE UMANO....

      Elimina
    3. SBOLDRINA E' DEL PARTITO DI VENDOLA....CAPISCI A ME!!!!!!
      UNA MASSA DI DEPRAVATI E SODOMITI PEDOFILI E BASTA.
      SPERIAMO CHE PAPA FRANCESCO NON SI FA FREGARE DA QUESTI FURBACCHIONI INDEMONIATI...!!!!!

      Elimina
    4. e la RAI ha rotto l'accordo di trasmettere MISS ITALIA perche' quste donne discinte fanno venire il ribrezzo...!!!!!
      A CHI...??????
      ai sodomiti....non agli etero.
      poi miss Italia è una manifestazione in cui le concorrenti anche se belle devono dimostrare di saper fare anche tante cose intelligenti e di valore e talento...recitare...cantare...presentare...discutere...ragionare..indossare.
      Speriamo che la <mirigliani trovi un accordo con Mediaset o altrove e che la manifestazione continui ltrimenti ci ritroveremo in RAI
      MISS TRANS
      MR: TRANS
      MISS LESBICA
      MR: PEDERESTA

      Insomma la prospettiva è rosea.

      Cadesse questo governo e si andasse alle elezioni politiche ed allora sì che CPI-FN..etc...faranno il pieno di voti sempre see si uniscono in un POLO DI DESTRA insieme ad altri ben intenzionati.

      FORZA CPI.....

      Elimina
    5. VOTIAMO E VINCIAMO
      DAI CASAPOUND

      Elimina
    6. http://www.ilradar.com/la-femminista-moralista-boldrini-campava-trasmissione-tv-sulla-patonza/

      La femminista moralista Boldrini campava con una trasmissione tv sulla patonza.

      “LA” Presidente della Camera lavorava in Rai per “Cocco”, una trasmissione con ragazze “poco vestite”.

      Eccola!!! La femminista radicale Boldrini, la paladina delle donne, quella che vuole farsi chiamare “LA” Presidente perché altrimenti sfociamo nel maschilismo, quella che se insulti lei insulti tutte le donne, quella che non vuole le mamme negli spot in tv, quella che non ha voluto Miss Italia perché “le italiane hanno altre virtù da mostrare” e quindi basta con il vederle semi nude in televisione… attapirata più che mai!

      “Striscia la Notizia” ha infatti consegnato un bel tapiro d’oro alla Boldrini perché si è scoperto che in passato, tra il 1988 e il 1989, ha collaborato alla trasmissione televisiva “Cocco”, in onda sulla Rai, dove le partecipanti avevano la patonza in bella vista, altro che Miss Italia! All’epoca “LA” Presidente era assistente di produzione del programma e consentiva così al pubblico di vedere in tv le donne nude.

      Laura, tu quoque! Dici NO a Miss Italia e poi facevi andare in tv le donne mezze nude! Che delusione!

      Elimina
  19. Gay è bello
    Festival Lesbo a Milano, al via da domenica

    Una settimana, 13 incontri: la comunità saffica si riunisce in città.
    Il comune dice: "Un affare per i milanesi"

    27/09/2013

    Milano vota lesbo Saranno 6 giorni di festa saffica

    C'è l'ok del Comune: il Festival lesbo si farà a Milano.
    Per una settimana, da domenica 29 settembre al 6 ottobre, l'orgoglio omosessuale sfila a ridosso della Madonnina. "Stiamo facendo un regalo alla città" dice Katia Acquafredda che è la coordinatrice del Festival Lesbiche Fuorisalone. Gli eventi saranno 13, sparsi in tutta la città. A concedere (gratuitamente) gli spazi è stato il comune: a Palazzo Marino sono convinti che questa festa possa aiutare la città.

    Ma come? - "Se a Milano si respira un'atmosfera serena su questi temi - ha detto l'assessore alla Cultura, Filippo Del Corno - non è solo un segno di civiltà, ma anche un fattore di sviluppo economico, basta vedere le guide turistiche straniere, dove la sezione gayfriendly ha uno spazio importante ed è sempre in espansione". Il festival gay, insomma, attira i turisti e la giunta di Giuliano Pisapia punta tutto su questo.

    Appuntamenti - Il festival saffico andrà avanti tutta la settimana, ma in realtà concentrerà gli incontri più interessanti nel week end del 5 ottobre. Il programma completo è online (www.lesbichefuorisalone.it) e il sipario calerà, domenica 6 ottobre, con "Boston marriage" di David Mamet. Appuntamento alla Palazzina Liberty.



    http://www.liberoquotidiano.it/news/milano/1318965/Festival-Lesbo-a-Milano--al-via-da-domenica.html



    AVETE CAPITO DI COSA SI OCCUPA QUEL FETECCHIOSO DI PISAPIA DEL PARTITO DEI SODOMITI???

    ALTRO CHE DIFENDERE BARILLA DA ATTACCHI VERGOGNOSI!!!!!
    CONCEDE GRATIS QUALSIASI COSA A PEDERASTI E LESBICHE.
    L'ITALIA E' FRITTA..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SPERO CHE CI SIA UN URAGANO CHE DURI SETTE GIORNI MA SOLO SULLA TESTA DI QUESTE PERVERTITE.....TIPO NUVOLA DI FANTOZZI.

      CHE SCHIFO....

      MI VIENE DA VOMITARE AL PENSIERO CHE MISS ITALIA E' OSCENO E LA CARNEVALATA DELLE LESBICHE PERVERSE E' BELLO....!!!!!!

      Elimina
  20. E questi omuncoli della sinistra salottiera radical-chic milanese parlano pure di SEGNO DI CIVILTA'... e che questa pagliacciata oscena portera' business a Milano.
    Anche i tour sessuali in estremo oriente portano business in quei posti ma si tratta di prostituzione bassa e meschina e questa lesbopride di Milano e' l' ennesima oscenita' che portera' disonore alla citta' cattolicissima padana e i milanesi si sorbiranno tutte le sconcezze spacciate per socialita' sana che caratterizza questi lunghi momenti di porcherie all'aria aperta.
    E Barilla invece non porta soldi a Parma con la sua potente rete di coltivazioni-produzione e vendita di prodotti alimentari conosciuti e apprezzati in tutto il mondo.???
    I pride di questi individui invece sono momenti di relax del cervello e blasfeme esibizioni dei piu' bassi istinti umani,direi meno che umani.
    Ma Barilla ha le spalle larghe e a ben vedere tanto rumore per nulla.
    Gli spot continuersnno ad essere quelli di sempre,si saranno spenti i riflettori su questo tentato linciaggio mediatico ai danni di un onest'uomo colpevole assurdamente di essere un naturale e normale eterosessuale come NATURA ha creato.

    RispondiElimina
  21. Ho paura che questti attacchi alla normalita' naturale etero non siano solo fenomeni di distrazione di massa.
    I pederasti e le lesbiche e i trans etc.etc. sono come la mafia e la massoneria suddivise in Famiglie organicamente strutturate e hanno in comune l'obiettivo di sdoganare le perversioni sessuali facendole passare per fenomeni normali.
    Tanta gente etero cade nel tranello dell'ipocrita convinzione che questi individui vadano assecondati in tutto anche perche' e giustamente una societa' sana e compatta e cattolica non ha finora dato eccessivo spazio a questi pervertiti ed in epoca recente qualcuno era pure passato alle vie di fatto per ridurli a piu' miti consigli in quanto sono come la gramigna che va estirpata alla nascita.
    Mi aspetto contestazioni dei sinceri cattolici milanesi in quanto queste buffonate private non vanno finanziate con soldi e strutture pubblici altrimenti si tratta di ingiusta prevaricazione.
    Sembra che i rappresentanti della Vecchia Destra italiana abbiamo sotterrato l'ascia di guerra e tirino a campare loro si nel piu' infimo conformismo strisciante cosi che tutto quello che di illogico decida di fare ogni amm.ne di sinistra non riceve nessun segno di opposizione vera sul campo.
    Tanti codardi si sono accasati e la loro coscienza dorme sonni tranquilli senza combattere sul campo come le circostanze attuali richiderebbero.
    Tocca alla Nuova Destra rifare una base su cui costruire una piattaforma polituca coinvolgente e che dia valida rappresentanza a milioni di italiani elettori di DESTRA che in questi momenti sono orfani di adeguati uomini o donne capaci di catapultarsi nell'agone politico.
    CPI puo' avere valide chances di trovare un consenso elettorale che partendo dai 50.000 consensi 2013 decolli in modo esponenziale verso traguardi piu' ambiziosi.
    Volere e' potere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio che non è solo un fenomeno di distrazione di massa. E' tutto un piano studiato a tavolino per distruggere la famiglia e diminuire le nascite! Leggetevi il piano Kalergi per capire di più, e ricercatevi come mai gli ebrei siano dietro questi fenomeni...per corrompere i "gentili"

      Elimina
    2. Non mi convince l'ipotesi che a capo di questa SPECTRE ci siano gli ebrei alleati con gli USA.
      Gli americani non sono piu' la superpotenza che faceva paura qussi a tutti.. tante potenze economico-militari brigano per salire nelle posizioni dello scacchiere mondiale.
      Gli ebrei sono stretti nella morsa dell'islam e da soli non sarebbero in grado di stoppare bombardamenti privenienti da 360° gradi.
      Ribadisco la mia convinzione verosimile che cina-iran-india-arabia saudita-nordafrica,giocano singolarmente aprendosi varchi in una Europa che fa acqua da tutte le parti e si sta rivelando una fasulla e autolesionistica unione politica.
      Praticamente tutti i rappresentanti europei di ciascun stato membro stanno facendo a gara a chi tradisce di piu' e con maggiori effetti distruttivi la causa comune su cui si e' fondata la Comunita' Europea.
      Grecia portogallo spagna e italia vengono quasi obbligate a subire inermi un bombardamento
      nucleare di provvedimenti dannosi x la societa' degli stati succitati.
      A partire dal 1994 si e' costituita una Spectre mafiiso-massonica avente lo scopo di azzerare l'economia e di fare implodere il tessuto sociale di base.
      A raffica,nei nostri confronti e con la complicita' dei politicanti di sinistra si e' scatenato un battage mediatico-giudiziario avente lo scopo di impoverire il popolo e sottometterlo con violenza.
      Cinesi,islamici terroristi,rom delinquenti finti nomadi,clandestini criminali afro-asiatici, sono stati catapultati all'interno dell'Italia collocandoli in posizione di assurdi privilegi che gli italiani medesimi non hanno mai avuto
      vitto-alloggio-paghetta-scheda telefonica-assistenza sanitaria-esenzioni tributarie totali etc.etc. tutto questo senza nemmeno doverlo chiedere...per duritto Divino.
      Il centridestra nin ha saputo bloccare questa invasione di milioni di individui che dovrebbero prsticamente garantire il ricambio generazionale di un popolo ritenuto invecchiato e demograficamente depresso.
      Nulla di piu' falso in quanto nessuna politica x la famiglia italiana e' stata mai elaborata e messa in pratica.
      Invece e con effetti immediati sono stati invogliati gli strsnieri,prima i filippini,poi polacchi,cinesi,etc.etc. hanno avuto gli incentivi alla procreazione negati ai propri corregionali europei e patrioti italiani.
      Una subdola manovra orhestrata dalla Trimurti komunistoide italiana stoppata nella conquista del potere dagli eventi conseguenti alla vittoria di Forza Italia alle politiche del 1994.
      Il PCI mafioso ed eversivo era riuscito a distruggere tutti gli altri partiti italiani con ls falsa stagione di Tangentopoli sanatrice di corruzione dilagante rimanendovi fuori x l'aiuto di magistrati venduti..vedi Di Pietro.
      Si saldava casualmente o intenzionalmente l'asse PCI/Forze massoniche finanziarie allo scopo di spartirsi il malloppo di una Nazione gloriosa con 3000 anni di storia positiva.
      A fasi alterne e con lo stop sempre piu' blando delle forze politiche di centrodestra in continuii attriti interni il suddetto patto mafioso-massonico-komunistoide creava le condizioni ideali per una deriva tragica e crudele di questa attuale Italietta.
      Basta con iniziative senza peso mediatico,basta con gesti di solidarieta' verso arabi musulmani comunque nemici genetici
      dell'occidente,basta col timore di denunciare gli scopi eversivi apocalittuci di lobby tipo quella dei sodomiti e non solo quella.
      Basta con la fifa di sbagliare e basta col senso di colpa di un peccato originale che non ci appartiene.
      Basta con iniziative un po' infantili e organizziamo qualcosa di forte,scioccante,tipo una manifestazione di piazza chiamando a raccolta tutti quelli.di.buona volonta' che nella Destra patriottica e sovrana ancora credono.
      Muoviamoci che il momento e' quello giusto.
      Si.va alle elezioni politiche e CPI e la Destra itsliana non possono permettersi di rimanere al palo.

      Elimina
  22. Cpi e Fn gli unici a combattere sul campo mettendoci faccia e credibilita'
    bravi
    Continuate cosi che L'Italia patriottica vi apprezza e sostiene anche moralmente facendo un ottimo passaparola

    RispondiElimina
  23. Casapound da sempre non si schiera apertamente a ste cose,lancia il sasso ma poi nasconde la mano.ma quando iniziate a fare sul serio?!?avete rotto,o prendete una posizione NETTA contro la famiglia gay oppure fate outing a sto punto.

    RispondiElimina
  24. Cpi-fn-fiamma,un unico partito per salvare la civiltà,o insieme o non si va da nessuna parte

    RispondiElimina
  25. Svanendo a ritmo serrato le risorse disponibili, energetiche in primo luogo, quindi le opportunità di accumulazione del capitale, l'usura finanziaria internazionale e transnazionale ha deciso di mangiarsi l'Italia inventandosi anche il pasto semi-gratis. Per questo ha bisogno di distruggere la società e quello che rimane(va) dell'unità del popolo Italiano con tutti i mezzi, cosa di meglio dell'immigrazione selvaggia con integrazione a senso unico contrario e del disorientamento e distruzione dell'unità base della società cioè la famiglia? E' distrazione di massa e molto di più, è un piano criminale molto congegnato. Così la capacità di resistere e opporsi alla partenza delle teste e poi dei corpi interi di tutti i nostri gioielli sta passando nell'indifferenza e nella rassegnazione.
    Quando ha avuto la forza e le palle di impegnarsi, l'Italia ha sempre primeggiato, per ultimo in due anni è diventato il primo mercato e tra le prime manifatture del mondo per il fotovoltaico (2007-2010) strumento di sovranità energetica ed economica, prima che le bande giornalistiche e politiche dominanti riuscissero a bloccare anche questo ultimo impeto. Di eccellente rimangono soltanto i faccendieri ben sostenuti che conducono le trattative per la svendita della residua industria di punta, mentre i presunti diritti di pochissimi si fanno largo sulla pelle di tutti.
    Come in Grecia, Paese fratello, alla fine ci lasceranno pure e perfino prendere l'iniziativa, per ripartire dal deserto.
    Se ci capita di alzare la testa, guardiamo alla Russia, alla Terza Roma che tante volte ha salvato la Cristianità, e se pare troppo lontana o troppo grande si guardi all'Ungheria, ancora una volta coraggioso faro nella notte della libertà e della sovranità dei popoli d'Europa.

    Francesco Meneguzzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non per niente Berlusconi avevs ed hs rapporti ottimi con Putin che non si fa scrupolo di sterminare gli islamici della ribelle Cecenia e non solo che virrebbero vendicarsi delle sconfitte di Lepanto ed altre.

      Elimina
    2. Guardiamo a Polonia-Ungheria-Norvegia ed Australia dove la Destra governa.

      Elimina
  26. Barilla lo attaccano perche' e' uno degli ultimi grandi a non essersi quotatoin borsa e a nonessere caduto in mai straniere . Per il resto dopomonti tutto e' gia' stato svenduto. Viva i pan di stelle e le macine viva l'italia viva le famiglie viva le mamme e i papa' fancul al pd.

    RispondiElimina
  27. APPELLO A CASAPOUND ITALIA: colore che zittiscono dall'alto i commenti "caldi" degli utenti non hanno ben capito cosa gli utento vogliono e chiedono a gran voce...
    UNITA' tra CPI, MSI, MFL, FN etc... affinchè nelle prossime elezioni, speriamo a breve, non rimaniamo ancora fuori dal parlamento ad essere considerati dei pazzi anacronisti fascistelli da 4 soldi.L'unione fa la forza, così invece di perdere tempo a zittire alcune sante parolacce di utenti infuriati (peraltro le scrivono qui perchè sono fascisti sennò andrebbero sul sito di SEL o no???) perchè non contattate Fiore e gli altri Santi Uomini Italiani per realizzare l'unica iniziativa che potrebbe finire sui giornali? non lo capite che pulire Perugia, sebbene lodevole e sacrosanto, non porterà uno straccio di voto a CPI? e anche se lo portasse certamente non sarebbe sufficiente e salire agli onori della cronaca..spero che lo capiate presto, non rimane molto tempo!
    W LA SANTA ITALIA CRISTIANA LATINA E IMPERIALE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono uno di quelli cazziati piu' volte ma sono anche uno di quelli che argomenta le sue posizioni e chiede da parecchi giorni nelle pagine di questo blog a CPI di proporre alle altre formazioni di DESTRA di allearsi per creare un ""POLO DELLA DESTRA PATRIOTTICA"" per non rimanere nel futuro con consensi elettorali da prefisso telefonico.

      A BUON INTENDITORE BUONE PAROLE.

      Noi italiani siamo comunque individualisti e tendiamo a crearci il NOSTRO ORTICELLO da custodire e difendere da chiunque,anche a scapito di migliori traguardi conseguibili con l'alleanza di intenti.

      Elimina
    2. gliel'ho scritto tante volte che pulire le zone degradate è iniziativa lodevole ma non sposta voti in quanto noi italiani ormai non facciamo differenza tra aiuole e monnezza.
      CPI deve tirare fuori i maroni e prendere iniziative in grado di coinvolgere anche gli altri gruppi politici di DESTRA.

      Elimina
  28. Quanto accaduto al sig. Barilla è gravissimo. Questa mattina in tv ho visto Napolitano che    con particolare fervore chiedeva un provvedimento di indulto per risolvere il problema del sovraffollamento carcerario (ovviamente non gli viene in mente di rimpatriare gli stranieri che affollano le carceri).Il governo sembra agli sgoccioli e gli oscuri burocrati del FMI paventano sfracelli (qualcuno, ancora dotato di testicoli, che li mandi a quel paese?). Forse l'IVA aumenta al 22%. Etc..Sembra la scena di un film dell'orrore quando la suspence si avvicina al massimo e ci si aspetta l'irrompere di un mostro sulla scena (un criceto?).Per rimanere al tema ritengo importante non farsi trascinare in una inutile quanto sterile polemica sugli omosessuali. E' comunque grave incitare a boicottare una azienda privata perché il proprietario non vuole fare spot di un certo tipo. E' chiaro che il discorso sarebbe diverso se fossero stati fatti degli spot pubblicitari offensivi nei confronti di qualcuno. Ricordo qualche anno fa il caso di grandi manifesti che ritraevano delle donne in atteggiamento succube rispetto a degli uomini: questa era pubblicità da condannare.Daniele.

    RispondiElimina
  29. credo che Barilla abbia fatto bene ad esprimere la sua personale opinione su ciò che lui farebbe in una pubblicità! solo se si parla bene di gay allora si è nel giusto? ma scherziamo? E' un opinione su un argomento come poteva esserlo per un altro e va rispettato. Ma quale scandalo? lo scandalo è che in italia ai gay sia permesso di dire e fare tutto senza rispettare le idee di chi non va bene il loro modo di essere e vivere la vita in modo distorto rispetto a quello che madre natura ha previsto.
    meditate gay meditate e siate più tolleranti come siamo costretti a fare noi.
    dux69

    RispondiElimina
  30. Leggendo i vari commenti che mi precedono noto che ci sta stretto non avere la giusta platea nazionale che CPI merita insieme a FN,etc,.che cancellerebbe momenti di oblio imposti da una indifferenza e sfiducia diffusa tra tanta gente di DESTRA che non va a votare.E' dal novembre 2011 che la DERIVA DEL CONTINENTE ITALIA ha subìto una notevole accelerazione allorche l'emerito ex-PCI giorgio napolitano ha avuto la brillante idea di affidare(l'ha deciso veramente lui??) l'incarico di capo del governo a quella fetecchia di immeritato e offensivo senatore a vita e probabile nobel per qualcosa (scommettiamo!!!!).I poteri forti massonici e mafiosi internazionali hanno approfittato di questa debolezza istituzionale per sferrare un colpo micidiale,un uppercut,che ci ha stesi a terra.Siamo una nazione sotto tutore a Berlino che ci indica giornalmente le priorità del nostro misero Paese.La disputa assurda Barilla-pederasti non è cosa di poco conto.Il nostro amato capo dello stato festeggia e commemora solo avvenimenti di sinistra; nomina senatori e giudici alla corte costituzionale solo tra fedeli cagnolini da riposto della sinistra; snobba o ignora avvenimenti importanti e gravi accaduti in passato e riconducibili all'area di destra che per lui non esiste se non per CAZZIARLA,
    come fa il nostro moderatore.La boldrini a montecitorio tira fuori argomenti per rivendicare solo diritti a favore di NON ITALIANI,aiutata in questo dalla negrona congolese kashetu.Lo stesso fa grasso al senato che un giorno manda i saluti agli islamici italiani per la fine del loro ramadan Insomma è un susseguirsi di puntualizzazioni ben architettate a tavolino per erodere sempre piu' margine di manovra e di visibilità alla DESTRA.In ultimo ci si mettono i pederasti che non sono certo caduti dal pero.Le mie idee sono molto radicali e non mi sposto un millimetro da esse anche perchè ritengo abbiano un fondamento scientifico,antropoloico e sociale.Tralasciando alcune forme di vita sia animale che vegetale in cui ci sono fenomeni di ermafroditismo e di inversione di sesso, il genere PRIMATI è caratterizzato da una fondamentale eterosessualità e al di sotto della scala zoologica dell''UOMO, gli individui che in qualche modo non sono utili e fattivi per il gruppo vengono soppressi immediatamente da piccoli o vengono emarginati da grandi e scacciati dalla comunità attiva.Solo nell'uomo occidentale e cristiano si sono sviluppate forme di PIETAS (da circa 2000 anni) per cui mamma o papà o zio oppure nonno oppure fratello o sorella non arrivano piu' a sopprimere il congiunto malato non autosufficiente e questa è una scelta condivisibile anche per me che sono cattolico e quindi sono allineato a questa visione cristiana dei rapporti interpersonali,ma riguardo alla omosessualità sono talebano.
    Siccome è una devianza sessuale grave e spersonalizzante e pericolosa per la tenuta della società umana eterosessuale in caso di proliferazione incontrollata dei pederasti,io ritengo che la omosessualità debba essre considerata una malattia sociale da curare non appena ci sono i primi segni di comparsa.Qualcuno dirà che sono omofobo,manco per niente,sono un individuo etero che desidera ci sia la premimenza della famiglia tradizionale rispetto a paventate altre forme di ""famiglia diversa"" in quanto sarebbe l'inizio della fine del genere umano naturale.Non dimentichiamo l'evento biblico della distruzione di SODOMA e GOMORRA.Nella Bibbia, il libro della Genesi menziona Sodoma a partire dal capitolo 10 e la situa nel territorio popolato dai Cananei. Secondo quanto riferisce la Bibbia nel cap. 18 della Genesi, Dio rivelò ad Abramo che stava per distruggere Sodoma e Gomorra, perché "il loro peccato era molto grave" e "il grido che saliva dalle loro città era troppo grande". Nell'Antico Testamento si narra della distruzione di Sodoma e di Gomorra, Adama, Zoar e Zeboim (la cosiddetta Pentapoli), per opera divina, a causa dell'empietà dei suoi abitanti.



    RispondiElimina
  31. la Chiesa condanna i rapporti omosessuali come peccato gravissimo e chi li pratica è fuori dalla comunità.
    Non è uno scherzo,riflettiamoci.
    Gli omosessuali sono pericolosi in quanto nel 2013 ritengono di potersi creare una loro forma di vita interelazionale ed affettiva all'interno della società etero ma questo con lo scopo di sovvertire le leggi naturali e distruggere l'Umanita'.
    Non mi prendete per matto se affermo che l'omosessuale è posseduto dal DEMONIO.
    La storiografia è piena di uomini noti che hanno fatto questa affermazione.
    D'altronde io ho avuto modo di frequentare per lavoro per circa 2 anni un omosessuale e devo dire che quello che ho sopra affermato l'ho visto e sentito coi miei organi di senso.
    Particolari di vita vissuta per me SCABROSI narratimi con una tale disinvoltura da rimanere allibiti.
    Chi non sa che esistono le DARK ROOM??
    Io l'ho saputo da quel tizio e tralascio per pudicizia i particolari di una serata in quel luogo.
    Inoltre gli omosessuali sono misogini,misantropi,instabili,isterici,egoisti prepotenti,capricciosi,insicuri,paurosi,sono NE' CARNE NE' PESCE insomma,e disprezzano la vita eterosessuale,fanno turismo sessuale promiscuo nei paesi nordafricani,se ne fregano se possono contrarre l'HIV,hanno una spiritualità interiore molto discutibile.
    Non sono omofobo ma io i pederasti e le lesbiche che si sposano e allevano bambini la considero una VIOLENZA GRAVISSIMA ALLA NATURA.
    La vicenda BARILLA e tantissimi altri episodi di intolleranza eterofobica trascorsi,
    connotano i gay come individui da TENERE A BADA ed infatti se ne fregano se il NO di Barilla alla loro richiesta indecente ha scatenato in loro un ODIO assurdo nei confronti di un imprenditore che certo non si alza la mattina per andare a perseguitare i pederasti e nemmeno io ho di queste turbe psicotiche.
    Una società umana futura di soli PEDERASTI e LESBICHE che si riproducono artificialmente in provetta mi fa INORRIDIRE.

    SOLIDARIETA' a BARILLA

    BOICOTTIAMO
    BUITONI-GAROFALO-MISURA.
    aziende concorrenti di BARILLA che hanno attaccato nei socialnetwork la scelta in discussione e hanno affermato che forse faranno spot per soli gay...!!!!!!!

    RispondiElimina

  32. Faida dello spaghetto

    La corsa dei pastai 'amici degli omo' per metterlo in quel posto a Barilla

    Da Buitoni a Garofalo, sui social network pioggia di frasi gay friendly da parte dei concorrenti del colosso dello spaghetto

    28/09/2013
    La corsa dei pastai per metterlo in quel posto a Barilla

    Con 4 miliardi di fatturato annuo e una leadership mondiale incontrastata da decenni, chi l'ammazzava più, la Barilla? Nessuno. Guido Barilla, giovedì, con quella frase "mai una famiglia gay nei nostri spot" pronunciata i microfoni di Radio24, ci ha messo del suo per fare harakiri. E i concorrenti non hanno perso tempo a girare la scimitarra nella ferita autoinfertasi dal re dello spaghetto.
    Nelle ore immediatamente successive, Buitoni, Garofalo e Misura, solo per citare tre dei principali concorrenti del colosso di Parma, hanno postato sui social network dichiarazioni gay friendly che nulla hanno da invidiare alle sparate politically correct fatte dai vari Fario Fo e Roberto Vecchioni. "Tutte le famiglie sono diverse...e a noi piacciono proprio per questo" hanno sparato i 'creativi' della Misura, che negli ultimi anni si è scavata una nicchia nei prodotti per celiaci e a basso contenuto calorico. Ed ecco Buitoni: "A casa Buitoni c'è posto per tutti" (intendendo anche gay, lesbiche e trans). Garofalo, ex piccolo produttore campano che ha visto moltiplicare vendite e fatturato da quando la pasta di Gragnano è venuta di moda, smentisce che il banner "A nuie nun c'è emport cu cchi a ffaie, basta che à faie tost" (tra l'altro in napoletano maccheronico) sia roba sua, ma ne approfitta per unirsi al politically correct anti-Barilla: "Le uniche famiglie che non sono Garofalo sono quelle che non amano la buona pasta". E chi vuol capire, capisca. Non si unisce invece al coro Francesco Divella, che col 10% di quota di mercato è il secondo produttore italiano: "Sono operazioni di marketing. Io non azzanno un concorrente in difficoltà". Mentre Giuseppe Di Martino, titolare del piccolo Pastificio dei Campi di Gragnano, ha diffuso sul web il messaggio "L'amore non ha confini di genere".
    Da Barilla, ha parlato oggi Luca, fratello di Guido, spiegando che in azienda "gli ultimi dieci giorni sono stati drammatici, con decine di clienti della nostra pasta nel mondo che ci hanno chiesto spiegazioni in merito alle parole pronunciate da Guido. Io dico solo che l'azienda non ha responsabilità".




    Postato da ptck1

    Da oggi solo pasta Barilla. Finalmente uno che ha il coraggio di esprimere le proprie opinioni in libertà. Bravo Barilla.

    Postato da esasperata49

    Ma perchè scusarsi, ha detto solamente la sua opinione. Se queste persone sono così suscettibili, potrebbero pensare a come si sentono tutte le altre persone "diverse da loro" quando sono costretti ad assistere l'invasione da parte loro delle proprie città durante i gay pride. Comunque utilizzavo la pasta Barilla prima e non vedo perchè cambiare.


    Acquistavo la Barilla


    Postato da samuel80

    saltuariamente....ora sarà l'unica ad entrare nel mio paniere.


    http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1319721/La-corsa-dei-pastai--amici-degli-omo---per-metterlo-in-quel-posto-a-Barilla.html

    RispondiElimina
  33. Effetto boomerang
    Omofobia, le polemiche su Guido Barilla arrivano negli States
    La fiera del politically correct valica l'oceano Atlantico. Giornalisti e politici contro l'industriale italiano

    28/09/2013

    Barilla, embargo USA: "Non mangeremo più i tuoi spaghetti"

    Tantò tuonò sulla sortita di Guido Barilla sulla famiglia tradizionale nei suoi spot, che piovve anche negli Stati Uniti. Sì, perché le polemiche sulla battuta del patron dell'impero del grano, con conseguete campagna di boicottaggio dei suoi prodotti, ha valicato l'oceano Atlantico ed è sbarcata negli States. Lì dove i dogmi del politically correct sono una cosa serissima (e la pasta Barilla gode di una certa notorietà), una valutazione così poco gay friendly, come quella di Guido sul veto alle famiglie omonei suoi spot, non poteva passare inosservata.
    L'escalation - La prima eco americana alla querelle-Barilla viene da New York, in fibirillazione per le prossime elezioni del sindaco. Chirlane McCray, che prima di sposare il candidato primo cittadino democratico Bill De Blasio era lesbica, ha twittato la propria adesione al boicottaggio: "Se non ti piace il nostro messaggio trova un altra marca di pasta. Invito accettato, Barilla", ha cinguettato con tanto di foto dai corridoi del market. All'intervento della moglie non poteva non seguire quello del marito De Blasio, ma neanche il candidato repubblicano alla poltrona che fu di Rudolph Giuliani, Joe Lotha, si è tirato indietro dal biasimare Barilla. La stampa a stelle strisce si è unita in modo unanime nella condanna all'omofobia di Barilla (alla Cbs al New York Post, da Usa Today all'Huffington Post, sino alla Cnn e al Washington Post), con interventi di columnist, esperti di marketing e polemisti. Non potevano mancare gli sfottò del web, e non sono mancati. Il sito BuzzFeed stila la classifica dei formati di pasta etero: vincono gli spaghetti, che sono i più 'straight', aggettivo che in inglese significa sia dritto che etero.






    Postato da anselmorufus

    Se per paura di rimetterci 4 soldi ti rimangi tutto sei un codardo-pusillanime. Per delle insulse proteste di qualche ricchione fai dietrofront. Se la tua pasta è integra come tè .... magnetela tè: Noi 700.000 anime passiamo ad una marca cinese, la famosa Minchiarilla per uomini veri.



    Postato da rocchetti44

    Non ha detto assolutamente niente contro i GAY ma solo che il suo target è la famiglia tradizionale, ma considerare tradizionale una famiglia con papà e mamma pare che non sia corretto; stiamo veramente dando fuori da matto.Spero di esserci quando finalmente anche in ITALIA comanderanno i mussulmani, quelli che i gay li impiccano.Scommetto che allora saranno tutti contro i gay.



    Postato da cegs49

    A dirla tutta , hanno rotto le "paste" . Qui non si tratta di discriminare qualcuno ma solo di scegliere il target (clienti) maggioritario con cui identificare il prodotto. Il problema è che ormai si dovrebbe parlare di "eterofobia" a causa di una sparuta minoranza di ....... Personalmente poi l'idea che si suggerisca di "boicottare" qualcuno per idee liberamente espresse mi fa schifo. E' vero totalitarismo intellettuale che danneggia tutta l'Italia . Normalmente non compravo la pasta Barilla in esclusiva ma approfittavo delle promozioni. Bene oggi ho rifornito di Barilla la dispensa.Se poi le altre paste sono "dedicate" e "riservate" me ne farò una ragione e non le compro più. Se con questo ho fatto un dispetto alla Sig.ra Boldrini in Italia nonchè alla Sig.ra McCray vabbè ...dormirò lo stesso.


    http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/1319525/Omofobia--le-polemiche-su-Guido-Barilla-arriva-negli-States.html

    RispondiElimina
  34. Barilla, mai una pubblicità con i gay

    Il re della pasta Guido a La Zanzara: "Per noi la famiglia è quella tradizionale.
    Gli omosessuali, se vogliono, possono scegliere un'altra marca"

    26/09/2013

    "Negli spot del Mulino Bianco mai una famiglia gay" Barilla non è mica la Boldrini...

    "Dove c'è Barilla, c'è casa" è uno degli slogan di maggior successo nella storia della pubblicità italiana. E' dagli anni Ottanta che il colosso della pasta martella il messaggio in tv e sui cartelloni per strada. Ma c'è famiglia e famiglia. E a dirlo è nientemeno che Guido Barilla. C'è quella padre-madre-uno o due figli. E poi c'è l'altra: padre-padre o madre-madre. Cioè la famiglia omosessuale. Che a mister Barilla non va giù. "Non faremo pubblicità con omosessuali, perché a noi piace la famiglia tradizionale. Se i gay non sono d'accordo, possono sempre mangiare la pasta di un'altra marca. Tutti sono liberi di fare ciò che vogliono purché non infastidiscano gli altri" ha sparato ieri il re dello spaghetto a La Zanzara su Radio 24. D'altronde, lui non è la Boldrini, e sul tema ha tutto il diritto di pensarla come meglio crede, senza dover inseguire il politically correct (magari meramente per scopi elettorali).
    Un’ondata di indignazione si è però levata da parte delle associazioni Lgbt e dai parlamentari sensibili al tema come Alessandro Zan di Sel che ha affidato a Twitter il suo commento: "Ecco un altro esempio di omofobia all’italiana. Aderisco al boicottaggio della Barilla e invito gli altri parlamentari, almeno quelli che non si dimettono, a fare altrattanto. Io comunque - ha twittato Zan - avevo già cambiato marca. La pasta Barilla è di pessima qualità". Un boicottaggio invocato anche dall’associazione Equality Italia che definisce le parole del manager una "offensiva provocazione per far sapere che si è infastiditi dalla concreta presenza sociale, che è anche un segmento importante di consumatori. Raccogliendo l’invito del proprietario della Barilla a non mangiare la sua pasta, rilanciamo con una campagna di boicottaggio di tutti i suoi prodotti". Intanto è già partito su Twitter l’hastag #boicottabarilla.

    Le dichiarazioni hanno sollevato tanto di quelle polemiche che Guida Barilla ha chiesto scusa. In un comunicato stampa, il patron dice: "Mi scuso se le mie parole hanno generato fraintendimenti o polemiche, o se hanno urtato la sensibilità di alcune persone- Nell’intervista volevo semplicemente sottolineare la centralità del ruolo della donna all’interno della famiglia". E poi ancora: "Per chiarezza desidero precisare: ho il massimo rispetto per qualunque persona, senza distinzione alcuna. Ho il massimo rispetto per i gay e per la libertà di espressione di chiunque. Ho anche detto e ribadisco che rispetto i matrimoni tra gay. Barilla nelle sue pubblicità rappresenta la famiglia tradizionale.


    Postato da arrotino2

    Bravo rutgergreen, hai avuto un'idea strepitosa!!! Forza Barilla, fai le magliette, la stragande maggioranza degli Italiani è con te. Riguardo alla scritta però suggerirei "Io mangio pasta Barilla, non cazzi marci"

    Barilla Pride


    Postato da rutgergreen

    Ed ora fate delle belle canotte, si le T shirt!!!, con scritto qualcosa tip : "I love barilla".....io ne prenoto 10...... e almeno Libero smetta di cancellare i commenti, o meglio non postarli......per questo basta e avanza il Cor ser(v)a, alias Corrierone naziunale....


    Ebbene si

    Postato da KING KONG. Concordo.


    http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1318122/Barilla--mai-una-pubblicita-con-i-gay.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cari indignati, io vi regalo Fo e procioni vari e mi mangio la pasta Barilla!!!

      Elimina
  35. Postato da franziscus

    se fanno lo spot a favore dei ricchioni compererò un altra marca di pasta,non piu' la BARILLA.

    RispondiElimina
  36. QUALCUNO PIU' VOLTE IN QUESTO FORUM HA PARLATO DI """PIANO KALERGI""" POSTO IN ESSERE DA VARI ANNI DA UNA CONSORTERIA GIUDAICO-MASSONICA-STATUNITENSE-

    DOPO LA VICENDA BARILLA,MA GIA' DA PRECEDENTI EPISODI DI INTOLLERANZA ETEROFOBICA, PARLEREI DI:

    """PIANO KULETTO"""

    I PEDERASTI SONO RIUSCITI A FAR RETROCEDERE DAI SUOI ASSUNTI PUBBLICI PURE PAPA FRANCESCO CHE DOPO AVERE AFFERMATO CHE ALL'INTERNO DEL VATICANO AVEVA SCOPERCHIATO UNA PERICOLOSA LOBBY DI GAY,DOPO QUALCHE GIORNO HA PUBBLICAMENTE AFFERMATO:.....

    ""CHI SONO IO PER GIUDICARE I GAY??""
    ""I GAY FANNO PARTE DELLA CHIESA(???)

    FIGURATI SE NON FARANNO INGOIARE A BARILLA A PEDATE NEL CULO QUELLA SUA LEGITTIMA SORTITA DI ORIENTAMENTO PUBBLICITARIO RIVOLTO ALLA FAMIGLIA TRADIZIONALE E NON GAY...!!!

    SCOMMETTIAMO CHE LA PROCURA DI MILANO APRIRA' UN FASCIOLO PROCESSUALE A CARICO DI BARILLA PER OMOFOBIA E RAZZISMO SESSUALE FAMILIARE..!!!!!

    CHI VIVRA' VEDRA'.


    ALTRO CHE MASSONERIA GIUDAICO-AMERICANA-..

    TRA NON MOLTO I FROCI CE LA METTERANO IN QUEL POSTO E DOVREMO DIRE ANCHE GRAZIE.

    RispondiElimina
  37. con buona pasta a buon prezzo + antichecca, e' e sara' la pasta del futuro.
    Ce ne vorra' tanta ma al sig. Barilla fara' piacere.
    Bravo Barilla uno spot migliore non poteva andare meglio.
    da oggi le massaie preferiscono Barilla per i loro mariti.
    Barilla la pasta del Vero uomo.

    RispondiElimina
  38. Barilla, Vecchioni: "E' un povero cretino"


    27/09/2013
    Nel Paese politically correct di Vendola-Boldrini chi non è omo è un cretino.

    La bufera continua senza sosta sul 'povero' Guido Barilla. Ha detto quello che pensava, ma i mirini sono puntati tutti su di lui. Ogni imprenditore comunica quello che vuole e, soprattutto, lo fa come vuole: non tutti sono costretti a seguire le mode o a inseguire il politically correct, anche quando si parla di famiglia e tradizione. ma nelle'epoca delle Boldrini, chi esce dal pensiero unico "corretto" finisce nel mirino. Per questo, oggi, i parrucconi e gli opinionisti "perbenisti" non si sono lasciati sfuggire l'occasione di parlare.
    Il premio ""igno-nobel"" Dario Fo ha lanciato la sua petizione per chiedere all'azienda di preparare una campagna pubblicitaria in nome dell'integrazione. Insomma, Fo si arroga il diritto di imporre ad una società privata la propria linea perché non pensarla come lui è sbagliato. Il ragionamento del nobel, però, ricorda tempi lontani, quando le libertà non erano poi così garantite e ci si tappava la bocca pur di non dire cose sgradite. Nonostante la saccenza di Fo, però, qualcuno è andato molto più pesante di lui.
    I paladini dei diritti omosessuali han fatto quadrato. Nichi Vendola, intoccabile icona gay italiana, se l'è cavata con una battuta: "Non è di pasta buona", ha detto. Era alla festa del suo Sel e tutti l'hanno applaudito. Ma non è stato il solo. Roberto Vecchioni, ad esempio, non si è contenuto: "Povero cretino - l'ha definito - sono tesi inconsistenti che non so se fanno ridere o piangere". Vecchioni, che è recentemente stato proposto per il Nobel per la letteratura e ha una figlia lesbica civilmente unita un annetto fa con la sua compagna dal sindaco di Milano Giuliano Pisapia, dice che conosce "la famiglia Barilla" e gli "sembra strano che possano avere questo tipo di opinione". Chissà, conoscerà davvero i pensieri del re dello spaghetto meglio dello stesso Barilla? Forse no, ma la moda del giorno era colpire il pastificio. E così è stato fatto da tutti i modaioli.


    http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1319135/Barilla--Vecchioni---E--un-povero-cretino-.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco , ma una persona è libera di pensarla come cazzo vuole ?
      È libero della sua azienda di fare la pubblicità che vuole?
      Oramai in questo paese di merda , perché purtroppo questo è , immigrati , pedofili , froci appena lo nomino sei fottuto , ma andatevene affanculo , altro che Gestapo ! RIVOLUZIONE RAGAZZI !

      Elimina
    2. Ma che Paese è diventato il nostro? Da una dittatura politica siamo passati ad una dittatura culturale:tutti omologati,nessuno osa esprimersi liberamente altrimenti parte il gioco al massacro.
      Abituata nell'ambito della mia famiglia a confrontarmi con opinioni le più diverse,e sempre con rispetto,vivo malissimo tutto questo e provo un dolore feroce pensando principalmente ai più giovani, costretti a pasta e odio!

      Elimina

  39. Senti chi parla

    Ikea attacca Barilla: "Tutti sono uguali". E in Arabia?

    Gli scandinavi fanno i "corretti" in Europa, ma in Arabia si piegano alle autorità saudite.
    Due pesi e due misure, o semplice convenienza?

    27/09/2013

    Ikea attacca Barilla sui gay ma sul suo catalogo arabo nasconde le donne E in Arabia?

    Sparare su Guido Barilla è lo sport del giorno, ma proprio non ci si poteva aspettare la bacchettata che viene, dritta dritta, dalla Svezia. Gli scandinavi dell'Ikea sono trasaliti quando hanno letto le frasi del patron Barilla e il Corporate Pr italiano, Valerio di Bussolo, ha ribadito che "tutti devono essere rispettati". La linea gay friendly del mobilificio low-cost è nota, ma quel "tutti" lascia un po' perplessi. Proprio l'Ikea è quell'azienda balzata agli onori della cronaca per aver modificato i propri catologhi in Arabia Saudita: lì sarebbe stato molto poco politically correct pubblicare foto di donne tra i mobili e quindi meglio lanciare due versioni del catalogo, una internazionale ed una rivolta al mondo arabo.

    Nel 2012 l'Ikea, che rispetta tutti, disse che quello era stato solo uno spiacevole errore. Si erano giustificati e avevano lasciato intendere che un pasticcio così non sarebbe stato ripetuto. Sì, come no. Quest'anno la "censura" c'è stata eccome, di nuovo: le foto di donne addormentate (semplici ritratti di teste appoggiate su cuscini) sono sostituite da immagini di uomini brizzolati e barbuti. Ma allora è vero che "tutti devono essere rispettati", basta che quel rispetto sia in linea con pensiero comune. Nell'Europa gay friendly Barilla sbaglia; in Arabia è meglio non turbare le sensibilità degli uomini e lasciare le donne da parte. Due pesi, due misure: evviva la convenienza.

    http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1319182/Ikea-attacca-Barilla---Tutti-sono-uguali---E-in-Arabia--.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nostri, ma non solo nostri, "ben pensanti" del cavolo si sono scatenati contro Barilla, ma non dicono nulla del fatto che l'islam (sempre e comunque con la minuscola) condanna a morte quelli che a Roma si chiamano finocchi e che il linguaggio politicamente corretto chiama "omosessuali", per non dire "diversamente sessuali" o gay...meglio dire culattoni pervertiti....

      Elimina
  40. Fanno schifo anche gli etero aleati e sodali di checche lesbiche e trans a cui pensano di far fare il loro sporco comodo e cosi saremo noi etero i perseguitati......
    Che mascalzoni!!!!!!!

    RispondiElimina
  41. Secondo me CPI deve proporre un POLO DELLA DESTRA PATRIOTTICA a cui possa aderire chi vuole.
    Non una fusione ma tipo una federazione che faccia delle primarie pubbliche ed anche online come fece M5S con cui eleggere un direttivo federale rappresentativo e contemporaneamente un leader del POLO.
    Si fa un programma elettorale comune di 10-15 punti programmatici votati nelle primarie anche con delegati ad hoc e da li presentarsi alle elezioni con un logo che sia accettato da tutti.
    La gente dovra' capire che la Destra non e' ne' eversiva ne' inconcludente ma anzi sa parlare alla pancia del popolo italiano.
    Solo cosi si evitera' di essere considerati dalla gente comune libera di pensare e che vota Destra come dei criminali travestiti da persone per bene.
    Dietro la bandiera del Polo di destra patriottico..... PDP.... ci siano ideali democratici non violenti rinati dalle macerie del passato che facciano zampillare di nuovo l'acqua limpida della politica per l'Italia sovrana cristiana e millenaria.
    Diamoci da fare a contattare i dirigenti delle altre formazioni di Destra e risorgiamo.
    Il logo potrebbe essere una FENICE oppure un'AQUILA REALE.

    L'Inno ci si pensa.
    Importante il programma del Polo che non sia attaccabile con facili etichette prevenute tipo:Filofascista o Filonazista.
    I 10-15 punti siano su base sociale-solidale ma preservanti la tradizione storica,cattolica,culturale,patriottica e naturale. anticomunista-stalinista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MAGARI SI FACESSE SAREBBE GIUNTO IL MOMENTO DELLA SVOLTA

      BRAVI CPI MA DATEVI UNA MOSSA

      Elimina
  42. COME NATURA CREA """BARILLA""" CONSERVA.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella e azzeccata questa frase,in quanto racchiude un PENSIERO NOBILE E NATURALE

      Elimina
  43. Siamo arrivati in una nuova era, dove le differenze e i caratteri sessuali verranno meglio definiti conoscendo la marca di pasta ingurgitata a pranzo o cena.
    Quando la realtà supera la fantasia più sfrenata...

    RispondiElimina
  44. Barilla forever. gay e lesbiche non se ne può più del loro vittimismo.
    Non li approvo, sono un difetto di fabbricazione e non rappresentano la famiglia.
    Barilla e solo Barilla, aumentiamo il consumo facciamo capire che bisogna smetterla di farsi infinocchiare.

    RispondiElimina
  45. purtroppo, canotte o no, la ricaduta contro non sola Barilla, ma su gran parte dell'agroalimentare, sta assumendo proporzioni fuori da ogni logica.
    Mi dicono che gli scandinavi si stanno mobilitando per boicottare la pasta Barilla....il fatto e' che dietro la pochezza di questa rivalsa in salsa gay, si cela la lotta alla distruzione di tutto quanto si riessce, a fatica, a produrre nel ex bel paese.
    Abbiamo i mesi contati e poi ...pluff...e allora come faranno le baldracchine a posare ancora le dorate chiappe sulle bmw di stato???????

    RispondiElimina
  46. Viva la Natura! Viva la famiglia naturale! Evviva la Barilla!

    RispondiElimina
  47. Bene, se gli Americani boicotteranno la squisita pasta Barilla, noi chiuderemo le basi Nato Italiane e tutti a casa...ed esporteremo i buoni prodotti Barilla in quei paesi ostili all'America, qual'è il problema ? Wath's the problem please....?

    RispondiElimina
  48. Trovo infinitamente stucchevole questa continua manfrina che se non si è gay friendly non si può sopravvivere... ho amici gay e sono amici proprio perché non continuano a piagnucolare istericamente... si fanno i fatti loro, sono etero friendly e viviamo tutti felici e contenti.
    La famiglia barilla è l'unica che si è ricomprata un'azienda venduta, l'ha portata al successo e vende in tutto il mondo un ottimo prodotto..
    punto.

    RispondiElimina
  49. Li ho sempre difesi, ma quando è troppo è troppo, comincio a diventare orgogliosamente omofobo!

    RispondiElimina
  50. Vorrei però,si comportassero con dignità. Non che x forza lo,sbandierino.
    Ogni uno fa quel che le pare.
    Non ce bisogno di far tutte ste manfrine.
    Fastidiosissime in pubblico.
    Cosi che non sono,x niente facili da guardare

    RispondiElimina
  51. Secondo me CPI deve proporre un POLO DELLA DESTRA PATRIOTTICA a cui possa aderire chi vuole.
    Non una fusione ma tipo una federazione che faccia delle primarie pubbliche ed anche online come fece M5S con cui eleggere un direttivo federale rappresentativo e contemporaneamente un leader del POLO.
    Si fa un programma elettorale comune di 10-15 punti programmatici votati nelle primarie anche con delegati ad hoc e da li presentarsi alle elezioni con un logo che sia accettato da tutti.
    La gente dovra' capire che la Destra non e' ne' eversiva ne' inconcludente ma anzi sa parlare alla pancia del popolo italiano.
    Solo cosi si evitera' di essere considerati dalla gente comune libera di pensare e che vota Destra come dei criminali travestiti da persone per bene.
    Dietro la bandiera del Polo di destra patriottico..... PDP.... ci siano ideali democratici non violenti rinati dalle macerie del passato che facciano zampillare di nuovo l'acqua limpida della politica per l'Italia sovrana cristiana e millenaria.
    Diamoci da fare a contattare i dirigenti delle altre formazioni di Destra e risorgiamo.
    Il logo potrebbe essere una FENICE oppure un'AQUILA REALE.

    L'Inno ci si pensa.
    Importante il programma del Polo che non sia attaccabile con facili etichette prevenute tipo:Filofascista o Filonazista.
    I 10-15 punti siano su base sociale-solidale ma preservanti la tradizione storica,cattolica,culturale,patriottica e naturale. anticomunista-stalinista.

    RispondiElimina
  52. condivido le iniziative di cpi e seguo con attenzione le poblematiche sviscerate in questo blog

    RispondiElimina
  53. Se gli ameriCANI boicottano i prodotti Italiani, allora NOI dovremmo boicottare coca cola, nike etc.... cosa che personalmente faccio in realtà già da ANNI e spero così tutti i camerati !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un Barilla anche negli Stati Uniti Non si pente, e vende di più

      Qualche giorno fa la rete pro-gay ha goduto il suo frivolo momento di gloria linciando mediaticamente Guido Barilla. Il presidente della nota marca di pasta aveva osato esprimersi a favore della famiglia tradizionale, uomo e donna con ruoli distinti, escludendo eventuali spot con coppie gay. E se i gay non gradivano queste sue posizioni, avrebbero scelto un’altra marca di spaghetti. Le moderne piazze del conformismo montante, i social network, lo avevano lapidato a colpi di hashtag. Come nei pestaggi di strada, pure quelli che non hanno un’opinione definita, scopertisi fautori intransigenti delle famiglie omosessuali, si erano buttati nella mischia, e ne erano usciti video, proclami, ingiunzioni a boicottare il marchio Barilla. (...)
      Come racconta Giordano Tedoldi su Libero di giovedì 3 ottobre, c'è un Barilla anche in America. Che però non si pente. E vende anche di più. Il paladino della famiglia tradizionale è il presidente della catena Chick-Fil-A. Che spiega: "Chi stravolge il matrimonio tradizionale attira il giudizio di Dio". Seguono critiche e boicottaggi. Ma gli affari salgono del 30 per cento.

      http://www.liberoquotidiano.it/mobile/articolo.jsp?id=1322490#.Uk0tmNxdWHR

      Elimina
    2. coca cola fa schifo e rovina la salute,avvelena l'organismo.
      Nike è un prodotto speculativo assolutatemente modaiolo e non professionale dal punto di vista delle caratteristiche di qualità sportive e poi costa troppo.
      Non bisogna fare i talebani ma scegliere con oculatezza cosa comprare e cosa no.
      Invece non dovremmo comprare dalle bancarelle di prodotti cinesi o dai negozi cinesi che vendono prodotti dannosi per la salute.

      Elimina
  54. Siamo vittime di un degrado morale che ci sta stravolgendo sempre di piu'. Ci sara' mai fine? Sembra che il tutto e' lecito e quanto sacro oggi diventi vittima di scherno domani, con la protezione delle istituzioni che rappresentano.......chi? Chi le elegge? Cos'e' questa idra democratica che ha mille teste e ci regola "democraticamente" la vita? Dove vuole arrivare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un Barilla anche negli Stati Uniti Non si pente, e vende di più

      Qualche giorno fa la rete pro-gay ha goduto il suo frivolo momento di gloria linciando mediaticamente Guido Barilla. Il presidente della nota marca di pasta aveva osato esprimersi a favore della famiglia tradizionale, uomo e donna con ruoli distinti, escludendo eventuali spot con coppie gay. E se i gay non gradivano queste sue posizioni, avrebbero scelto un’altra marca di spaghetti. Le moderne piazze del conformismo montante, i social network, lo avevano lapidato a colpi di hashtag. Come nei pestaggi di strada, pure quelli che non hanno un’opinione definita, scopertisi fautori intransigenti delle famiglie omosessuali, si erano buttati nella mischia, e ne erano usciti video, proclami, ingiunzioni a boicottare il marchio Barilla. (...)
      Come racconta Giordano Tedoldi su Libero di giovedì 3 ottobre, c'è un Barilla anche in America. Che però non si pente. E vende anche di più. Il paladino della famiglia tradizionale è il presidente della catena Chick-Fil-A. Che spiega: "Chi stravolge il matrimonio tradizionale attira il giudizio di Dio". Seguono critiche e boicottaggi. Ma gli affari salgono del 30 per cento.


      http://www.liberoquotidiano.it/mobile/articolo.jsp?id=1322490#.Uk0tmNxdWHR

      Elimina
  55. Un Barilla anche negli Stati Uniti Non si pente, e vende di più

    Qualche giorno fa la rete pro-gay ha goduto il suo frivolo momento di gloria linciando mediaticamente Guido Barilla. Il presidente della nota marca di pasta aveva osato esprimersi a favore della famiglia tradizionale, uomo e donna con ruoli distinti, escludendo eventuali spot con coppie gay. E se i gay non gradivano queste sue posizioni, avrebbero scelto un’altra marca di spaghetti. Le moderne piazze del conformismo montante, i social network, lo avevano lapidato a colpi di hashtag. Come nei pestaggi di strada, pure quelli che non hanno un’opinione definita, scopertisi fautori intransigenti delle famiglie omosessuali, si erano buttati nella mischia, e ne erano usciti video, proclami, ingiunzioni a boicottare il marchio Barilla. (...)
    Come racconta Giordano Tedoldi su Libero di giovedì 3 ottobre, c'è un Barilla anche in America. Che però non si pente. E vende anche di più. Il paladino della famiglia tradizionale è il presidente della catena Chick-Fil-A. Che spiega: "Chi stravolge il matrimonio tradizionale attira il giudizio di Dio". Seguono critiche e boicottaggi. Ma gli affari salgono del 30 per cento.


    http://www.liberoquotidiano.it/mobile/articolo.jsp?id=1322490#.Uk0tmNxdWHR

    RispondiElimina