martedì 10 settembre 2013

CasaPound Brescia nuovamente a difesa della 'Karb' contro sfratto illegittimo e usura bancaria


Karb-Italia, CasaPound: contro l’usura bancaria, pronti a occupare

CasaPound Italia Brescia domani, martedì 10 settembre alle ore 8, sarà al fianco dei lavoratori e dei proprietari della Karb-Italia, la famiglia Angoli di Orzinuovi, per dire no allo sfratto e alla conseguente fine di quest’azienda locale che, ricorda l’associazione, “chiede solo di poter continuare a lavorare”. “Attendiamo l’arrivo dell’ufficiale giudiziario al fianco della Karb-Italia e dei suoi lavoratori. Lo abbiamo già fatto il 17 aprile, il 28 maggio e il 3 luglio. A maggior ragione – spiega il responsabile di Cpi Brescia, Andrea Boscolo - lo faremo stavolta che è attesa anche la forza pubblica: siamo anche pronti a occupare. Non è accettabile che lo Stato italiano, ancora una volta, si dimostri amico delle banche e nemico delle aziende che chiedono solo di poter lavorare”.

“Quella della Karb-Italia è una ordinaria, vergognosa storia di strapotere bancario contro chi produce e lavora: l’azienda aveva chiesto di poter rinegoziare il mutuo come prevede la legge ma, dopo una iniziale apertura, l’istituto ha risposto negativamente. A quel punto – ricorda Boscolo – i titolari della Karb-Italia hanno fatto fare delle verifiche sul proprio rapporto con la banca, scoprendo di essere stati vittime di anatocismo e usura. A nulla sono valse le denunce, che anzi hanno portato a un peggioramento della situazione”. “La magistratura – prosegue il responsabile di Cpi - non solo non è intervenuta per sospendere le sentenze di sfratto e pignoramento, ma non ha nemmeno concesso una sospensione dell’iter, che avrebbe dato all’azienda un po’ di respiro”. “Tutto ciò – conclude Boscolo – è immorale e indegno di una nazione che è stata patria di Filippo Corridoni e di una Repubblica che dovrebbe essere fondata sul lavoro e che oggi, invece, è pronta a sacrificarlo a beneficio di una finanza sempre più sporca ed esosa”.


VIDEO

RADIO

GIORNALE

FOTO

4 commenti:

  1. l'impegno costante dei fratelli camerati di CPI è commovente! di fronte ad una popolazione per lo più addormentata e lavata di cervello (quel poco che resta agli Italiani), solo i camerati si oppongono allo strapotere finanziario delle subdole e criminali banche che da 30 anni a questa parte stanno stringendo il cappio attorno alle famiglie italiane, agli imprenditori , ai comercianti e in definitiva tutti coloro che vi si rivolgono... Continuate così, non arrendiamoci di fronte all'usura più o meno legalizzata di questa teppaglia ignobile! W CPI, W LA SANTA ITALIA IMPERIALE CRISTIANA E LATINA ! ! !

    RispondiElimina
  2. HO GUARDATO IL VIDEO E ASCOLTATO LA REGSITRAZIONE AUDIO VIA RADIO DEL RESPOSABILE CPI ANDREA BOSCOLO.
    LA RABBIA E' MONTATA UBITO IN QUANTO ASSISTERE ALLA SCOMPARSA DI UN IMPRENDITORE ITALIANO DOC MENTRE IMPRENDITORI DISONESTI CINESI E DI ALTRE ETNIE SPADONEGGIANO NELLA NOSTRA PENISOLA MI FA DIRE SOLO UNA COSA:
    RIBELLIAMOCI A QUESTI SOPRUSI....!!!!
    NON E' POSSIBILE ANDARE AVANTI COSI'
    LA MAGISTRATURA SEMBRA GIRATA ALTROVE O IN ALTRE FACCENDE GIUDIZIARIE AFFANCENDATA.
    IL GOVERNO IN CARICA HA DICHIARATO GUERRA AGLI ITALIANI DOC RITENUTI INUTILI E DI PESO E LI STA STERMINANDO PER SOSTITUIRLI CON MILIONI DI PREMI NOBEL ALLA FISICA,ALLA MEDICINA,ALLA MATEMATICA,ALLA CHIMICA,ALLA LETTERATURA,ETC.,ETC.,

    PROVENIENTI CLANDESTINAMENTE DA:

    CONGO
    LIBIA
    TUNISIA
    COSTA D'AVORIO
    EGITTO
    MAROCCO
    ALGERIA
    SIRIA
    IRAQ
    AFGANISTAN
    SUDAN
    SOMALIA
    ERITREA
    LIBANO

    ETC
    ETC



    CHE BELLO...!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    sono contento di questo....!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Sono fiducioso che l'azienda potrà risolvere positivamente in qualche maniera la faccenda anche se non so come fara' a far annullare l'atto di acquisto del capannone perfezionato da terzo privato e messo all'asta per confisca dalla banca usuraia.
    Bravi i ragazzi di casapound che rischiano in prima persona per aiutare un imprenditore italiano bisognoso.
    Grazie per tutto quello che di bello realizzate in Italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, certo l'usura e l'anatocismo dovrebbero essere trattati con maggior reattività dalla Legge Italiana (certo non da quella futura Europea...)affinchè, in condizioni limite (come questa) ci si possa difendere e tentare di ripristinare non dico la Giustizia ma almeno la Legalità.
      Grazie a voi CPI

      Elimina