sabato 24 agosto 2013

Mercatino del libro usato a Latina e Lamezia Terme contro il caro-libri

Latina, carolibri: a CasaPound il mercatino del libro usato


Dal momento che l'esecutivo attuale non sembra voler prendere alcun provvedimento per venire incontro agli studenti, invitiamo questi e le rispettive famiglie a portare i loro libri di testo usati presso Casapound Latina (Viale XVIII Dicembre, 33), dove saranno i militanti del Blocco Studentesco a fare da intermediari per la vendita, il cui ricavato andrà interamente al proprietario del libro ad eccezione di €1, che verrà destinato al sostentamento delle famiglie in emergenza abitativa che si trovano nello stabile e alla raccolta di beni alimentari per le famiglie bisognose e, tramite il "dillo a casa pound", si aiuteranno le iniziative sociali del movimento. Sempre a Casapound Latina sarà possibile acquistare i libri di testo usati necessari al nuovo anno scolastico al 50% del prezzo di copertina.Il Blocco Studentesco di Latina organizza un mercatino del libro usato dove sarà possibile, per gli studenti delle scuole superiori, acquistare e vendere libri scolastici a metà prezzo. "In un periodo di forte crisi come questo, molte famiglie italiane si trovano in serie difficoltà economiche, e l'esborso medio di 500 euro per l'acquisto di libri di testo nuovi, può rappresentare un ostacolo insormontabile."- spiega Stefano Aversa, responsabile del Blocco Studentesco Latina. "Abbiamo deciso di dare vita a questa iniziativa per offrire un'alternativa agli studenti e alle famiglie, dando loro la possibilità di risparmiare sui libri da acquistare. Da anni ci battiamo contro il "caro libri" e per l'adozione di un libro di testo unico – prosegue Aversa- che a nostro avviso rappresenta l'unica soluzione possibile alle speculazioni delle case editrici, che ogni anno fanno lievitare il costo dei testi scolastici."



Caro Libri, Gianturco (CasaPound): Il mercatino del libro usato per dire no al caro-libri

Quest'anno, in prossimità della riapertura delle scuole, proponiamo il “Mercatino del libro usato”; la migliore risposta all’annoso problema del carolibri, alla speculazione editoriale e alla truffa delle cosiddette “nuove edizioni”.
Con questa iniziativa vogliamo andare incontro a tutte quelle famiglie e a tutti quegli studenti che ogni anno sono costretti a sborsare cifre esorbitanti per acquistare i propri testi scolastici. Il nostro mercatino sarà aperto dal Lunedì al Sabato, dalle ore 9:30 alle 13.00 e dalle 16:30 alle 19:30, e sarà allestito in Via Lazio 76, nel Quartiere 'Bella' di Lamezia .

Questa iniziativa, dunque, è la nostra ferma risposta alla truffa delle nuove edizioni, agli accordi fra i professori e le case editrici, ai prezzi dei libri alle stelle. Una battaglia che la nostra associazione ha deciso di portare avanti a Lamezia da quest'anno.

Cercheremo di offrire un servizio ai nostri concittadini, dando la possibilità di acquistare i libri di testo scolastici a metà del prezzo previsto e, nel contempo, di vendere i testi utilizzati negli anni passati. Abbiamo realizzato un sito internet (www.lamezialibriusati.it), che permetterà a tutti di poter accedere al nostro Mercatino, direttamente da casa con un semplice click. Su questo sito, infatti, sarà possibile scaricare tutte le liste dei libri di tutte le scuole di Lamezia e, successivamente, prenotare i propri testi scolastici, che potranno addirittura essere consegnati a domicilio dai nostri ragazzi.
 
Mimmo Gianturco
CasaPound Italia
www.casapoundlamezia.org

I contatti del nostro mercatino:
Tel: 393/5561594
Mail: lamezialibriusati@gmail.com
FB: https://www.facebook.com/lamezialibriusati.it


3 commenti:

  1. Siete grandi ! Queste iniziative fanno capire di che pasta siamo fatti. Sempre avanti nel sociale, dobbiamo distinguerci dai falsi perbenisti della sinistra nostrana.
    Evviva CPI

    RispondiElimina
  2. Non solo la delocalizzazione e la deindustrializzazione
    che,tradotta, significa sempre meno lavoro in Italia,
    sempre più disoccupazione, sempre più vite grame ai limiti della minima sopravvivenza. I nuovi Italiani avranno una istruzione sempre più cara oltre che con programmi obsoleti e strutture fatiscenti.
    Meno servizi, sanità,scuola ,previdenza sociale ,pensioni ...
    IL diritto a quella proiezione mentale fisiologica
    che siamo abituati a chiamare futuro, a volte destinata a tradursi in qualcosa di pratico: mi sono innamorato e dunque mi sposo,
    compro casa, metto al mondo figli, mi attrezzo per aspirare alla mia ragionevole quota di felicità.(negata)
    Questa è La globalizzazione...della povertà.

    RispondiElimina