giovedì 9 maggio 2013

Ius soli, CasaPound Italia: pronti a scendere in piazza se passa linea Kyenge


Ius soli, CasaPound Italia: pronti a scendere in piazza se passa linea Kyenge

“Certe proposte dimostrano la convergenza ideale di estrema sinistra e alta finanza”

Roma, 9 mag - “Il ritorno alla carica sulla questione dello ius soli da parte del ministro Kyenge, dopo il pressing di Riccardi nel precedente governo, dimostra ancora una volta che le istanze cosmopolite tipiche dell'estrema sinistra trovano un terreno particolarmente fertile nei periodi di commissariamento della politica ad opera dell'alta finanza”. Lo afferma in una nota CasaPound Italia, intervenendo sulla proposta del ministro dell'Integrazione di cambiare le leggi che regolano la concessione della cittadinanza ai figli degli immigrati. “Cpi – continua la nota – è assolutamente contraria all'introduzione dello ius soli e promette manifestazioni a oltranza qualora la proposta trovasse un concreto sbocco legislativo. Solo chi, per interesse o fanatismo ideologico, è favorevole alla disintegrazione delle identità e all'avanzata del più triviale individualismo può salutare con gioia le modifiche auspicate dal ministro Kyenge. Lo ius soli non ha nulla di 'ovvio', a differenza di quanto sostiene la propaganda progressista e confessionale, e infatti è tipico delle ex colonie e dei paesi fondati su forti ondate immigratorie, mentre in Europa e praticamente in tutto il resto del mondo nessuno si sogna di considerare la nazionalità come una t-shirt che si può scegliere e cambiare a piacimento. Viceversa – continua CasaPound – lo ius sanguinis non è quel retaggio medievale che ci vogliono far credere ma una semplice regola di buon senso che basa la società sulla continuità, sulla filiazione, sul legame tra le generazioni. Dietro le buone intenzioni umanitarie, inoltre, si nasconde un razzismo strisciante, se è vero che i fan dello ius soli non immaginano regalo migliore da fare agli immigrati che 'innalzarli' al nostro livello, come se la concessione della cittadinanza fosse un premio da concedere a chi ha avuto la 'sfortuna' di non nascere italiano. La presunta ovvietà dello ius soli viene del resto meno se la immaginiamo al contrario: è evidente a tutti che il figlio di un imprenditore italiano trasferitosi in Cina non diventa, per questa contingenza, un cinese”. CasaPound conclude affermando che “sarebbe beffardamente ironico se questa riforma devastante passasse per volontà di un governo voluto e sostenuto da quel Pdl sempre pronto a cavalcare certe tematiche in chiave elettorale, anche beceramente, per poi sistematicamente dimenticarsene nel Palazzo”.

40 commenti:

  1. Il problema non è il colore della pelle ma è una questione di principio: il ministro Idem presenta lo stesso problema.
    Nel caso del ministro Kyenge c'è l'aggravante delle proposte non condivisibili, cosa che sussisteva già quando le presentava il ministro Riccardi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. « Sulla razza non si deve discutere, non ci si deve confrontare: se mai specchiare. La razza è sangue, è nervo. Non pone interrogativi. È un elemento, come l'aria, come il sole, non un argomento (...) »
      [Monologhi (a due voci), pag. 101].

      « Razzismo significa non disprezzo della altre razze ma fedeltà alla propria razza, riconoscimento della specifica forma di vita che la segna, rispetto a tutti i nessi, interiori ed esteriori, superiori ed inferiori che la ordinano. »

      Franco G. Freda

      Chi vuol capire capisca. O ci siamo completamente rincoglioniti?? "Colore della pelle"...?? NO, Struttura dello Spirito. La retorica buonista di Sistema ha infettato pure noi.

      Elimina
    2. e quale sarebbe la Struttura dello Spirito dei bianchi? Io so' bianco, come lo era Andreotti del resto.

      Elimina
    3. Tu sei Italiano, Latino, Mediterraneo ed Europeo. Sei erede della Civiltà Etrusco-Villanoviana, dell'Italia romana di Virgilio ed Ottaviano Augusto, dell'Italia medioevale di Dante ed Ettore Fieramosca, del Rinascimento, della Serenissima Repubblica di Venezia e di quella di Genova, della Napoli regale, di Manzoni e di Foscolo, degli eroi del Risorgimento, dell'Italia d'annunziana ed ardita e di quella Fascista.

      E per questo hai una struttura energetica del corpo SOTTILE differente da quella di un Indiano, di un Tibetano, di un Norvegese, e sei anni luce da quella di un Pigmeo. Il tuo Sangue E' Spirito , è un Veicolo per qualcosa di superiore. E sono cose su cui non serve mettersi a speculare, sono realtà che senti intimamente. Il David di Michelangelo SOLO un Italiano avrebbe potuto crearlo, ed un pigmeo non potrà MAI sentirsi erede di esso e della Gioconda del Leonardo.

      Per entrare in contatto con lo Spirito della Nazione - un vero e proprio Arcangelo - , basta leggere una poesia del Petrarca o ascoltare l'Opera lirica od osservare le forme ed i colori di un Quadro del Raffaello. Ma anche passeggiare per i nostri boschi, e per i nostri monti. La stessa nostra Lingua è legata ad Entità Superiori, che sono diverse da quelle di un Giapponese. Noi abbiamo dei Templi forgiati secondo il Nostro spirito dedicati ai nostri Numi, i Giapponesi hanno i Loro.

      Ma ora chiudo perché non è il luogo adatto per parlare di determinate cose... Ti lascio a te e a chi è interessato un testo un po' approssimativo, ma che per una prima comprensione può essere utile, benché non analizzi l'aspetto più vero e profondo della Saturnia Tellus:

      EVOCAZIONE DELLO SPIRITO DEL POPOLO ITALIANO:

      http://www.centrostudilaruna.it/spirito-del-popolo-italiano.html

      Se poi qualcun altro vuole approfondire, può chiedermi altro.

      .

      Elimina
    4. Condivido molte delle tue considerazioni, altre mi lasciano perplesso...anch'io mi riconosco nella cultura del rinascimento e prima ancora greco-romana, ma bisognerebbe riflettere che il concetto di cultura non è statico. I popoli da sempre si sono incontrati, gli scambi culturali, le commistioni, le sintesi culturali sono sempre avvenute nella storia...noi stessi proveniamo dalla civiltà indoariana. L'ebraismo si è trasformato secondo l'occidentalizzazione cristiana...Paolo di Tarso era un ebreo romano e lui ha fondato il cristianesimo come religione romana. La scuola siciliana di Federico II di Svevia si avvaleva degli apporti della cultura scientifica araba ed ebraica, oltre che della poesia provenzale. Il problema secondo me è un altro. Oggi manca una reale cultura identitaria, i valori predominanti tendono alla disgregazione di ogni fattore di coesione sociale, le identità culturali sono diventate degli slogan, privi di significato reale, lo spirito creativo è spento o mascherato dietro il tecnicismo. La religione è solo una maschera che nasconde i reali intendi di dominio e sopraffazione di una parte nei confronti del tutto. Il cristianesimo autentico è un enigma, un mito...un problema la stessa figura storica di Gesù. Essere cittadini europei vuol dire dover fare i conti con la banca centrale europea e col MES. Allora quale dovrebbe essere l'atteggiamento di chi rifiuta il meticciato culturale e razziale? Come per ogni cosa occorre una equilibrata considerazione. L'appartenenza etnica o razziale, quando persino la scienza biologica nega l'esistenza delle "razze", è secondaria, come diceva Julio Evola, la razza è un concetto culturale, si appartiene ad una tradizione, si condividono valori, credenze, lingua, modo di relazionarsi in modo da poterci definire della medesima comunità, malgrado le differenze individuali, di gusto, di credenze religiose (anche il cristianesimo non è un blocco unico di credenze in Europa); questa identità culturale, ci viene trasmessa dai nostri genitori, dai nostri antenati, dai nostri maestri, ma cambia anche in base alla storia, noi non l'accettiamo passivamente, anche noi la rielaboriamo, attraverso i nuovi stimoli che riceviamo dal mondo reale e virtuale che ci circonda. La presenza di più tradizioni culturali in uno stesso paese non sarebbe di per sé un grosso problema, di fatto esiste un po' ovunque, il problema è imparare la convivenza e il rispetto reciproco, non isolandosi in un guscio vuoto e impenetrabile, ma considerando le differenze un fattore arricchente e una risorsa, sempre che le diverse tradizioni culturali, siano realmente tali, e non piuttosto distorsioni di ciò che un tempo fu cultura. Altrimenti l'attrito è inevitabile, in quanto ciò che prevale è lo scontro, il fanatismo, l'ignoranza e la prepotenza. Ogni società mira giustamente alla sopravvivenza in tutti i modi possibili. Bisognerebbe chiedersi quali atteggiamenti, quali leggi, quali regole di convivenza, siano più utili alla collettività e al singolo. In conclusione, di fronte al dilemma: cittadinanza secondo lo jus soli o sanguinis, direi che essere cittadino non vuol dire semplicemente nascere in un paese, ma crescerci, esserci educato, condividerne la storia, e magari, perché no, fare il tifo allo stadio per la nazionale di calcio e farti venire le lacrime agli occhi quando tutti insieme si canta la Canzone degli italiani. Se questo è poco non lo so...ma secondo me potrebbe anche bastare...il colore della pelle non conta.

      Elimina
    5. E chi glielo va a dire alla congolese uu' kyenge che c'è qualcuno in Italia che non la apprezza in quanto si comporta da ministra della IVASIONE non della emigrazione....senza se e senza ma....solo perchè l'ha deciso lei in assoluta autonomia senza parlare con nessun italiano di razza bianca ma facendosi attorniare ed scoltare da soli negri africani possibilmente clandestini così è più chic e stuzzicante...meno noioso in queste serate italiane piene di STORIA VUOTA E DEMODE'.....
      Ma da dove viene sta tipa cicciona e un pò bruttona ma lì la bindi non è da meno???
      Non starebbe meglio in congo vicino ai suoi simili a vivere e realizzare quello che i suoi avi le hanno tramandato???
      Dimenticavo che lei ha vissuto la poligamia dei suoi avi musulmani e tribali e quindi le sue origini sono un po' pasticciate e vorrebbe italianizzarsi così da poter appendere un bel quadretto con la famigliola europea e nn zulu'!!!!!!

      Elimina
  2. Assolutamente NO allo ius soli!

    RispondiElimina
  3. Vi rendete conto chi hanno nominato ministro??? Ma come cacchio siamo ridotti in Italia??

    Sogno un'"Alba dorata"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vorrei che gli UFO arrivassero di notte e rapissero la negrona cicciona congolese e se la portassero su MARTE e la nominassero "minestrona dello spazio intergalattico".....
      pussa via.....satana negra!!!!!!

      Elimina
  4. Ciao a tutti, grazie a internet oggi si potrebbe fare anche propaganda mediatica. Perché la gente ci vede con occhio sbagliato, questo credo succeda perché quelli di F/N fanno delle puttanate metropolitane assurde come quello di scrivere sui muri frasi razziste rafforzando quindi le idee sbagliate anche su di noi.. Poi è naturale cosa ci dovevamo aspettare da un ministro così fiera di sfoggiare un telo con la su scritta frase!.. ma la colpa chiedo di chi sia, se sua, dei politici corrotti e schifosi che pensano solo al denaro o forse più nostra dove i ragazzi guardano solo format televisivi e sperano nel miracolo del super enalotto e hanno perso il senso della realtà e di quello che sta succedendo nella nostra nazione.. Anonimo, sognare una alba dorata è sbagliato dobbiamo entrare in azione noi di casapound che siamo il partito che potenzialmente avrebbe le basi per fare corsa a parte contro il mondo ma dobbiamo crederci!!!!

    RispondiElimina
  5. Una che dice che clandestinità non è reato, dimostra di essere ignorante e superficiale, personalmente ritengo che l'immigrazione vada stroncata una volta per tutte!! E che tutta questa gente regolare o meno che vive da anni alle nostre spalle venga rimandata a casa propria!!! Io non ne posso più di vedermi contornato de sta gente che ruba il futuro agli italiani e che oltretutto deve essere mantenuta da noi!!!! Ma stiamo scherzando????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che non sia tanto ignorante, più tosto calcolatrice nel far finire tutto quello che di Italia c'è. Ma se il governo speculatore glielo permette, perché ci fanno i loro porci guadagni con le vittime del capitalismo, lei sfrutta il momento!! Il primo passo da fare secondo me non è fare guerra allo straniero ma a questa casta politica marcia fatta da gente che usa la politica come un lavoro ben remunerato e non per spirito di giustizia per far star bene il popolo!! poi tutto il resto viene da se.

      Elimina
  6. Ottima presa di posizione.

    RispondiElimina
  7. se io nel mio condominio o nelle politiche voto è perchè ho il diritto di proporre la mia idea di società (nel mio paese).nè va da sè che non posso votare in un altro paese.... non nè ho il diritto quindi se voi provate ad esprimere questo concetto basilare vi additeranno di razzismo eccc.. ecco noi siamo ridotti che in nome di una finta democrazia non possiamo manifestare apertamente idee non di moda secondo il trend attuale liberal finanziario ecc.. come siamo ridotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma noi non siamo ipocriti come gli altri!!!

      Elimina
    2. ed è per questo che li ho votati!!!!!!

      Elimina
  8. « Sulla razza non si deve discutere, non ci si deve confrontare: se mai specchiare. La razza è sangue, è nervo. Non pone interrogativi. È un elemento, come l'aria, come il sole, non un argomento (...)
    [Monologhi (a due voci), pag. 101]. »

    « Razzismo significa non disprezzo della altre razze ma fedeltà alla propria razza, riconoscimento della specifica forma di vita che la segna, rispetto a tutti i nessi, interiori ed esteriori, superiori ed inferiori che la ordinano. »

    Franco G. Freda

    Chi vuol capire capisca. O ci siamo completamente rincoglioniti??

    RispondiElimina
  9. gli immigrati con permesso di lavoro non dovrebbero rimanere piu' di 3-5 anni in Italia, devono tornare nella loro patria. lavorare qui acquisire skills, risparmiare e poi tornare a casa loro sarebbe piu' giusto per loro e per il loro paese che cosi' si svilupperebbe.si potrebbe anche considerare uno sconto fiscale. tutto il resto e' solo razzismo ipocrita. dovremmo prendere esempio dagli ebrei loro si sanno come preservare razza e tradizione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è bisogno di prendere ad esempio gli Ebrei (benché il loro Tradizionalismo sia lodevole) basterebbe prendere ad esempio il GIAPPONE, il GIAPPONE è una nazione del Primo Mondo occupata dagli americani, che comunque - a differenza nostra - NON si è fatta invadere dai disperati criminali di tutto il Globo.

      In GIAPPONE esiste SOLO lo 0,5% di STRANIERI, di cui la maggior parte composta da Estremo Asiatici; Noi invece abbiamo negri in nazionale e al "governo" oltre a milioni e milioni di allogeni, e ancora rompiamo il cazzo col "colore della pelle" ed altre stronzate buoniste terzomondiste ("poverini... è colpa del Sistema...")

      .

      Elimina
    2. interessante... non lo sapeveo del Giappone, forse anche I comunisti cinesi sono piu' nazionalisti di noi! il fatto e' che prima bisognerebbe buttare fuori dall'Italia i comunisti italiani! origine del disfacimento morale!

      Elimina
  10. scrivo per segnalare il comportamento CENSORIO del TG3 - Telekabul che nell'edizione delle ore 14.20 NON ha diffuso la notizia del fatto criminoso del delinquente ghanese che a Milano ha ammazzato 2 italiani e ne ha feriti 3.
    E' una vergogna, sono indignato!!!!
    Questo si che è razzismo …..verso gli ITALIANI!!!!
    Questi mascalzoni comunisti andrebbero presi a calci nel sedere, rappresentano il male dell'Italia!!!!
    Bisogna stoppare le idee insulse del nuovo ministro pena un'Italia meticcia!!!
    REAGIAMO!!!

    RispondiElimina
  11. finche' stiamo qua' a pagnucolare le cose continueranno a peggiorare .e' inutile attendere una posizione del governo imfame e di di governanti parassiti mafiosi,
    e ora di agire lasciando internet e cellulari, e' ora delle piazze
    tutto il resto e lagna inutile

    RispondiElimina
  12. Credo che tutte le sedi di Cpi dovrebbero stare in contatto stretto e come hai detto tu scendere nelle piazze ma non solo per il fatto Kyenge ma per tutto quello che sta veramente succedendo in Italia in primis nella politica...

    RispondiElimina
  13. Ma buttiamola fuori sta faccia da arnold

    RispondiElimina
  14. BASTA! ITALIA AGLI ITALIANI!

    RispondiElimina
  15. Continua il comportamento censorio del TG3 della comunista filo clandestini diretto da Bianca Berlinguer che nella edizione delle 14.20 di oggi continua a NON dare la notizia del fatto criminale perpetrato dal delinquente ghanese per non suscitare la giusta reazione degli ITALIANI: cacciare dall'Italia chi non entra con un regolare permesso di soggiorno e di lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cacciare dall'ITALIA la rossa BERLINGUER.......strunza e vigliacca........!!!!!!!

      Elimina
  16. Certo, che vi aspettavate, qui, per chi ANCORA non lo avesse capito o facesse finta di non capirlo, è in corso il GENOCIDIO della Stirpe Italica e di tutti gli altri popoli europei.

    Figurarsi se si mettessero a diffondere i crimini brutali e irrazionali perpetrati da queste bestie involute. Che perdipiù vanno SEMPRE giustificate e incensate (e non fucilate, come sarebbe normale).

    QUESTO E' QUELLO CHE STA ACCADENDO IN TUTTI I PAESI D'ORIGINE EUROPEA:

    EXTINCION OF EUROPEAN POPULATION:

    http://www.youtube.com/watch?v=WzbnARyPMMk

    .

    Svegliaaa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SIAMO SVEGLIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

      Elimina
  17. Facendo il discorso all' inverso: se fossi nato in Senegal sarei un Senegalese? Con tutto il rispetto, ma sta cosa mi pare assurda!

    RispondiElimina
  18. Questa insolente della Kyenge sta fuori di testa!non si battesse troppo che lo ius soli non glielo faranno passare!Saluti

    RispondiElimina
  19. l'italia a furia di buonismi si fa mettere sotto i piedi dagli altri... vedi svizzera che non permette piuì l'immigrazione degli europei ...loro non hanno paura e non si fanno prendere dagli atti di buonismo dei rincoglioniti datochè capiscono che prima devono aiutarsi loro prima di aiutare altri... si tutelano loro.. poi son daccordo che se siamo tutti benestanti in italia possiamo aiutare quelli in difficolta...in italia rimanedo nel discorso immigrati costano 2-3 miliardi di euro extracomunitari in carcere... meta' imu...la gente che a lavoro non possimo essere animali e spazzari via ...ma quelli che sono qui a essere parassiti dello stato a ricevere sussidi su sussidi FUORI DAI COGLIONI... e l'italia nella situazione del 2013 si senta ancora in grado di aiutare...BASTA CAZZATE... con i problemi e crisi di oggi dobbiamo stare qua a ascoltare una che non si deve nemmeno definire ministro dalle boiate che sparano quei coglioni... invece che pensare a ste cazzate di ius soli e cagate varie che non credo che siano la soluzione ai problemi ma anzi ulteriori passi indietro... pensino una volta per tutte a noi tutti i buonisti e siccome i politici oggi lavorano gia "tanto" di fargli fare quel poco almeno in leggi UTILI non boiate e tutelare I CITTADINI ITALIANI che abbiamo bisogno anche noi di aiuti piu' di loro in questi momenti... ...

    RispondiElimina
  20. Ragazzi, volevo segnalarvi questa petizione per le dimissioni del ministro Kyenge:
    http://firmiamo.it/si-dimetta-il-ministro-cecile-kyenge--ha-giurato-il-falso

    RispondiElimina
  21. Io sono rumeno e sono assolutamente contrario allo ius soli. La cittadinanza va meritata, non guadagnata.

    RispondiElimina
  22. Grazie a una politica di apertura
    incontrollata alla immigrazione abbiamo
    oltre ai nostri disoccupati le proteste violente degli
    immigrati , rabbia , violenza , crisi economica ,
    c'è una bomba che colpisce le periferie del mondo.
    Sfogano con furia il loro malessere e sfidano le autorità ,
    perchè l'esclusione sociale genera questo.
    Soluzioni ?
    Proteggere le attività produttive nazionali , sovranità nazionale e monetaria.
    Basta permettere la produzione del MADE IN ITALY in stati diversi dal nostro.
    Abbassare le tasse e aiutare gli imprenditori , aiutare il reinserimento lavorativo dei
    disoccupati over 30 e togliere il limite dell'apprendistato.

    Sarebbe bello , ma ci devono togliere oltre la terra e la moneta anche la dignità ,
    così lavoreremo per 0,50 centesimi di euro all'ora come i Cinesi.
    Venite Tedeschi , Russi ( con i soldi della loro Mafia e del gas che ci vendono ) , Cinesi
    e compratevi L'italia , le sue eccellenze , la sua storia , la sua bellezza , la sua e la nostra anima.

    Grazie Berlusconi , Prodi , Monti .....

    Grazie moneta unica , Europa , Globalizzazione........

    RispondiElimina
  23. Marinella Sciuto15 giugno 2013 17:19

    ma perchè siete tutti anonimi quelli che scrivete ?Quali sono le vostre paure ? Per concretizzare un pensiero ci vogliono persone con nome e cognome e nazionalità ma soprattutto con il coraggio di sostenere quello che si dice , possibilmente senza usare parolacce . Quello che sta accadendo alla" Povera Italia " non è colpa di negri di zingari di cinesi e rumeni e chi piu ne ha piu ne metta , questi chiedono quello che noi gli diamo ,quello che il nostro stato gli da a braghe calate . Ecco perchè molti stranieri chiamano l'italia il loro paradiso ed ecco perchè per noi sta diventando un inferno . La bellissima Italia sta diventando di tutti ,ma non è più la nostra !Qui ognuno viene e fa quello che gli pare e con i soldi guadagnati in italia da qualsiasi lavoro che tolgono agli italiani vanno a fare gli spavaldi al loro paese costruendosi case e villette e pagando li le tasse ( ammesso che ce ne siano ) che qui continuano ad evadere o ad esserne esonerati , poi beccano qualche italiano con un reddito talmente minimo da non comprarci niente , e ti rispondono che gli dispiace e che non sanno che fare ,che un lavoro non te lo possono dare vista la crisi , che le graduatorie comunali per l'aiuto al sostegno del reddito sono piene di exstracomunitari che vivono qui da soli 6 mesi ,e che quindi non mi resta che trasferirmi in Africa e credetemi avendo i soldi lo farei . . . ma li io quali diritti avrei ? forse sarei la prima in graduatoria . . . ! se i primi sono i nostri governatori a non aver rispettato l'Italia come pensiamo che lo debbano fare gli

    RispondiElimina
  24. Multietnica si , ma con rispetto e decenza , come
    un ospite in casa d'altri. Senza civiltà e rispetto
    finisce male , anche perchè la torta è finita
    e spartire 3 fette per 3.000 non è semplice.
    Parlane con i Politici che accolgono tutti per accordi
    internazionali facendo poi vivere come animali il popolo delle
    periferie che deve accettare forzatamente di condividere quel poco
    che gli resta con orde di disperati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ritengo che chiunque sostenga "Multietnica sì" - di qualsiasi fazione politica sia, compresi i fascio-negrofili - sia da fucilare in uno Stato e in una Nazione normali.

      Questi discorsi missini da "Legge e Ordine" sono veramente pietosi, sono rigurgiti di borghesotti la cui unica preoccupazione è stare "buoni e tranquilli" e che "se i negroidi pagano le tasse, vedono San Remo, e fanno i bravi allora nessun problema"

      Quando invece il MAGGIORE PROBLEMA sono proprio quelli che fanno i "bravi" e cercano "Integrazione" ( Integrazione vuol dire SOLO GENOCIDIO degli AUTOCTONI , SIANO ESSI ITALIANI, FRANCESI, TIBETANI, GIAPPONESI O NATIVI AMERICANI ).

      P.S.: Si dice MultiRAZZIALE , NON "multietnica" , i Bianchi sono di Razza Caucasoide , e all'interno della Razza Caucasoide esistono numerose ETNIE , per cui ad esempio l'Irlanda del Nord è multietnica (Inglesi con Irlandesi) , mentre gli U.S.A. sono MultiRAZZIALI.

      L'Europa Bianca è già multietnica, ha già tantissima ricchezza e diversità. Non gli servono milioni e milioni di zulù e pigmei da importare.

      Elimina
  25. Oltre a Ruby la Beyoncè di arcore , ci sono le altre
    Rubi-soldi della politica italica che non vogliamo più vedere.
    Via Cécile , ma anche le inutili Daniela S., Mara C., Nunzia D. G. , Stefania P.,
    Laura R. , Anna Maria , Mariastella e Nicole M...................................
    La Meloni se n'è andata perchè era l'unica intelligente.

    RispondiElimina
  26. No allo ius soli. Che la Kyenge se ne torni in Congo a fare del bene

    RispondiElimina