venerdì 19 aprile 2013

Quirinale: 'Prodi non ti vogliamo', CasaPound protesta davanti a Montecitorio


Roma, 19 aprile – No al ‘colpo di Stato’ per piazzare Romano Prodi sul Colle. Dalle 15 CasaPound Italia protesta davanti a Montecitorio contro la candidatura del professore bolognese a presidente della Repubblica al grido di ‘No all’inciucio tra Pd e Movimento 5 Stelle!’’.

‘’Prodi non ti vogliamo!’’, si legge sul volantino targato Cpi, in cui il movimento spiega chi è l’ex presidente della Commissione europea: ‘’Quello che ha smantellato l’Iri e le principali aziende pubbliche. Quello delle sedute spiritiche con i fantasmi che gli dicevano dov’era Moro. Quello che ci ha portato nell’euro e ci ha impoveriti. Quello che ha conferito a George Soros una laurea honoris causa per aver speculato contro l’Italia. Quello che veniva definito il ‘re delle privatizzazioni’ ed è stato consulente Goldman Sachs’’.




6 commenti:

  1. quello che ha spinto conto a.d. Enel Conti ( moral suasion ) a comprare Endesa ( l'enel spagnola ) per 60 miliardi di euro. Ora enel ( con in mancia endesa ) ne vale poco più di 20. grande economista questo prodi.

    RispondiElimina
  2. L'unico inciucio lo state facendo voi con D'Alema e Amato. Prodi e Monti li abbiamo abbattuti noi dei m5*, mentr invece Berlusconi con questa sinistra ci ha governato per un anno insieme. Adesso tornate pure a fare i servitori del nano mentre l'Italia affonda.

    RispondiElimina
  3. Anonimo delle 16.29 è evidente che non sai con chi stai parlando, fatti 2 minuti e mezzo di approfondimento in questo sito per sapere chi siamo, e poi torna a commentare.

    RispondiElimina
  4. W casapound forza e onore

    RispondiElimina
  5. Sono un simpatizzante di CPI: ebbene non riesco a comprendere perchè ieri si sia (giustamente) protestato contro l'ipotesi di un'elezione di Prodi e oggi invece che ci voglio riappioppare la mummia comunista DOC Napolitano, si taccia. Andare a protestare anche oggi (e non certo per appoggiare Rodotà, che è un altro comunista DOC noto negli anni 70' per la sua virulenza verbale nei confronti dei giovani di destra e dei missini) sarebbe stato giusto e doveroso: anzi è giusto e doveroso. Non capisco...

    RispondiElimina
  6. Oltre a protestare ed occuparci delle elezioni al Quirinale abbiamo anche altro da fare. Ad esempio oggi la festa nel quartiere Esquilino per l'apertura della campagna elettorale al comune di Roma.

    RispondiElimina