Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2014

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

mercoledì 1 luglio 2015

Cagliari: Blitz di CasaPound sotto la nave che trasporta immigrati

Cagliari: Blitz di CasaPound sotto la nave che trasporta immigrati

Cagliari, 1 luglio -”Stop immigrazione in Sardegna” è il messaggio che reca lo striscioni portato dagli attivisti di CasaPound sotto la nave spagnola dalla quale sono sbarcati ieri 456 immigrati. Scanditi cori e slogan diretti all’ equipaggio della Guardia Nacional che hanno assistito dal ponte della Rio Segura al blitz dei militanti.

“La nostra isola non può offrire un futuro alle migliaia di immigrati che l’ Unione Europea traghetta dalla Libia con navi inglesi, tedesche e spagnole” - afferma CasaPound in una nota – “Troviamo, poi, paradossale che proprio la Spagna da un lato respinga chi cerca di oltrepassare i confini di Melilla e Ceuta sparando proiettili di gomma e fumogeni e dall’ altro scarichi il problema immigrazione sulle nostre coste con tale disinvoltura”.

“È ora di porre fine a questa ignobile tratta di esseri umani giustificata da un buonismo cieco ed esasperato, che spesso cela immensi interessi economici legati allo sfruttamento degli immigrati e che ignora le statistiche sul tasso di rifugiati politici” – continua – ” I rapporti di UNHCR parlano chiaro: su 170 mila immigrati sbarcati lo scorso anno soltanto 22 mila hanno ottenuto lo status di rifugiato, i restanti148 mila sono clandestini“.

“Non possiamo permetterci di mantenerli in hotel e agriturismi sine die con risorse economiche che dovrebbero essere riservate in primo luogo all’ assistenza dei nostri concittadini più poveri, molti dei quali non riescono ad arrivare alla fine del mese” – conclude la nota – “Per questa ragione chiediamo al Prefetto e al Presidente della Regione di procedere al rimpatrio degli immigrati che non possiedono i requisiti indicati dalla convenzione di Ginevra per essere riconosciuti come rifugiati”.



Bolzano, CasaPound occupa stabile abbandonato: Prima gli italiani!

Bolzano - CasaPound occupa stabile abbandonato: Prima gli italiani

Bolzano, 1 luglio - Questa mattina un gruppo di militanti di CasaPound Italia, insieme ad alcuni cittadini in emergenza abitativa e residenti della zona, hanno occupato la vecchia scuola di via Castel Flavon, dimora abusiva di immigrati e in stato di totale abbandono da oltre 10 anni.
"Dopo le numerose segnalazioni degli abitanti esasperati per l'allarmante situazione in cui versa lo stabile, e non avendo ricevuto alcuna risposta dalla Provincia in seguito ad una prima occupazione simbolica del Blocco Studentesco risalente all'inverno scorso, i ragazzi di Cpi hanno occupato oggi questa struttura simbolo del degrado del quartiere, per riqualificarla e restituirla alla cittadinanza" a dichiararlo in una nota è la sezione locale di CasaPound.
"Nonostante questa vecchia scuola, già abusivamente occupata da extracomunitari, sia confinante con dei condomini e con due campetti da calcio frequentati da bambini, gli enti competenti non sembrano intenzionati a risolvere un problema che rischia di diventare sempre più grande. Solo negli ultimi anni infatti, - continuano i ragazzi di Cpi - si sono susseguiti incendi e allagamenti in alcune aree dell'immobile, così come episodi di spaccio, furti, danneggiamenti e sporcizia di ogni genere".
I militanti di CasaPound intendono recuperare i piani superiori dello stabile, con numerose stanze e appartamenti da destinare ai cittadini bisognosi o in emergenza abitativa, mentre nei piani inferiori si vorrebbe procedere con il risanamento della vecchia palestra da adibire a campo di hockey inline.
"Con le istituzioni che lasciano sulla strada i propri cittadini, preoccupandosi di trovare alloggi per gli immigrati - afferma CasaPound - non possiamo tollerare questo ennesimo spreco di denaro pubblico di una struttura che potrebbe ospitare padri separati, disoccupati e famiglie o coppie italiane in difficoltà".
L'immobile, che per metà appartiene alla Provincia e metà all'Ipes, sembrerebbe avere già un progetto per la costruzione di alloggi popolari, ma bloccato da lungo tempo per la mancata approvazione dello stesso.
"Intendiamo poi recuperare i piani inferiori della scuola destinandoli ad attività sportive e di protezione civile, con il recupero della grande palestra, che una volta sistemata avrebbe tutti i requisiti per diventare il campo da gioco delle numerose squadre di 'hockey inline' presenti in città; sport praticato da centinaia di giovani bolzanini, ma colpevolmente trascurato da Provincia e Comune nonostante gli ottimi risultati agonistici. Dove le istituzioni latitano - conclude CasaPound - ci sentiamo in dovere di intervenire in prima persona".

lunedì 29 giugno 2015

CasaPound, striscioni in tutta Italia per ricordare Pietro Taricone


Roma, 29 giugno - ''Vola alto e fissa il sole...Ciao Pietro!''. A cinque anni dalla scomparsa, CasaPound Italia ricorda Pietro Taricone con striscioni affissi 
in oltre cinquanta città italiane, firmati con il simbolo di CPI e l'artiglio di Istinto rapace, il gruppo di paracadutismo sportivo che proprio Taricone aveva 
tenuto a battesimo nel 2010, pochi mesi prima dell'incidente di volo che gli è costato la vita.  

"Anche oggi come ogni anno - si legge in una nota di CPI - abbiamo voluto ricordare Pietro che, da uomo libero quale era, si era avvicinato al nostro movimento con curiosità in occasione di una nostra conferenza e in pochissimo tempo era diventato nostro amico. Pietro ci ha aiutati a creare Istinto rapace, il gruppo di paracadutismo sportivo della nostra associazione, e a trovare il modo per rendere accessibile a tutti uno sport molto costoso. Lo ricordiamo come un amico altruista, sensibile, coraggioso, e dotato dello stesso entusiasmo e tenacia con cui anche CasaPound affronta ogni sfida"

RomaRoma
LecceLecce
GenovaLa Spezia
TivoliTivoli
OstiaOstia
PesaroPesaro
BolzanoBolzano
PordenonePordenone
UdineUdine
CuneoCuneo
VeronaVerona
TrevisoTreviso
PortogruaroPortogruaro
FormiaFormia
VareseVarese
AostaAosta
FrascatiFrascati
AstiAsti
PalermoPalermo
CagliariCagliari
BarlettaBarletta
ChietiChieti
Sant'Egidio alla VibrataSant'Egidio alla Vibrata
FirenzeFirenze
TrentoTrento
Riva del GardaRiva del Garda
NapoliNapoli
BergamoBergamo
NettunoNettuno
TorinoTorino
FoggiaFoggia
PadovaPadova
ArezzoArezzo
MilanoMilano
BresciaBrescia
VogheraVoghera
LameziaLamezia
BolognaBologna
AvellinoAvellino

Roma Ovest
CaveCave
Rodi Garganico (FG)Rodi Garganico (FG)
Vico del Gargano (FG)Vico del Gargano (FG)
Bari