Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2014

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

sabato 16 maggio 2015

Torino: presidio notturno di CasaPound Italia nel supermarket dello spaccio

Torino: presidio notturno di CasaPound Italia nel supermarket dello spaccio

Torino, 16 mag 2015 - Con un presidio notturno, i militanti di CasaPound Italia, a pochi passi dallo loro sede di Via Cellini n. 22, hanno offerto aiuto e assistenza agli abitanti del quartiere San Salvario.
“Non potevamo più stare a guardare – ha dichiarato Marco Racca coordinatore regionale del movimento CasaPound Italia – Non possiamo tollerare oltre l'assoluto stato di abbandono in cui versa San Salvario, il quaritere in cui sorge l'Asso di Bastoni, la nostra sede cittadina principale.”
“Rapine, spaccio, aggressioni, sono all'ordine del giorno. La manovalanza, composta da immigrati africani della criminalità organizzata occupa stabilmente le vie del quartiere – ha spiegato Marco Racca – Ogni giorni riceviamo telefonate, sms, mail e messaggi nella buca delle lettere da parte degli abitanti del quartiere che ci chiedono aiuto.”
“Dopo la bella manifestazione della scorsa estate, dove CasaPound Italia scese in piazza al fianco degli abitanti del quartiere dando vita ad un corteo spontaneo – ha proseguito Marco Racca – torniamo in piazza più combattivi che mai. Abbiamo pensato di offrire, infatti, un aiuto concreto e reale ai residenti della zona sud del quartiere, mediante un presidio statico in via Ormea. I nostri militanti nella notte tra venerdì e sabato sono stati tutta la notte per strada ad offrire aiuto e assistenza ai cittadini. L'iniziativa è stata un successo. Tantissimi abitanti del quartiere sono venuti a salutarci e, approfittando dell'apertura eccezionale della sede, sono tornati a vivere appieno il loro quartiere.”.
“Organizzeremo altre iniziative come questa – ha concluso Racca – Il nostro obbiettivo è far tornare a vivere le nostre strade con la presenza della gente dei rioni della nostra città. I torinesi devono capire che il degrado può essere sconfitto solo se si riconquistano i quartieri, strada per strada. La nostra presenza sino a tarda notte permette alle famiglie e alle donne, giovani e meno giovani, di non vivere barricate nei loro alloggi, ma di tornare a far vivere le nostra strade, togliendole alla criminalità.”

venerdì 15 maggio 2015

Ripetizioni gratuite e doposcuola nella sede di CasaPound Chieti

Ripetizioni gratuite e doposcuola nella sede di CasaPound Chieti

Ripetizioni gratuite e doposcuola nella sede di CasaPound Chieti

Da lunedì 18 maggio CasaPound Chieti lancia un servizio gratuito di doposcuola per gli studenti degli istituti superiori e dell’università. I volontari saranno disponibili nella nuova sede in via De Laurentiis 2 il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15 alle 20.


“Abbiamo scelto di avviare questo servizio per venire incontro alle esigenze dei tanti studenti delle scuole superiori che si trovano a dover affrontare gli imminenti esami di Stato e dei neo iscritti all’università che si troveranno ad affrontare i test d’ingresso nelle Facoltà a numero chiuso” riferisce il responsabile teatino CPI, Francesco Lapenna - forniremo assistenza gratuita nelle diverse materie, così da fornire una valida alternativa alle costose ripetizioni a pagamento, che spesso rappresentano una spesa difficile da sostenere per il bilancio delle famiglie teatine, colpite da anni di crisi economica e di pesante tassazione”.

martedì 12 maggio 2015

Trepuzzi (Lecce): CasaPound al fianco delle ragazze madre a rischio sfratto

Trepuzzi (Lecce): CasaPound al fianco delle ragazze madre a rischio sfratto

Trepuzzi (LE) 12 maggio - Sin dalle prime ore del mattino militanti di CasaPound Italia hanno presidiato il civico 6 di via Jacopone da Todi, a Trepuzzi, dove due ragazze madre rischiavano lo sfratto dagli appartamenti occupati nella palazzina ex Iacp. Il provvedimento era stato notificato nei giorni scorsi su mandato della procura di Lecce, e i familiari delle ragazze si erano rivolti all'associazione per avere sostegno nella vertenza. La presenza di Cpi, la mediazione del maresciallo dei Carabinieri della locale caserma, e la promessa da parte del sindaco Valzano di contribuire con fondi comunali all'affitto delle abitazioni nelle quali le due giovani si trasferiranno insieme ai figli, hanno posto le premesse per una soluzione positiva della delicata vicenda.

"Non cerchiamo colpevoli ma soluzioni" - dichiara Francesco Pezzuto, referente locale di CasaPound Italia. "Il problema dell'emergenza abitativa, a Trepuzzi, è emerso oggi in tutta la sua drammaticità - continua il referente di Cpi - ed è compito delle istituzioni e di tutte le forze politiche e sociali del paese adoperarsi per trovare soluzioni, dando precedenza alle famiglie italiane e alle ragazze madre".


CasaPound Liguria contro il centro di accoglienza a Sarzana (La Spezia)

CasaPound Liguria contro il centro di accoglienza a Sarzana (La Spezia)

Durante la trasmissione televisiva 'Quinta Colonna', in diretta da Sarzana (La Spezia), i militanti di Casapound Liguria hanno dato vita ad un presidio per protestare contro l'apertura di un centro di accoglienza per immigrati. "Non possiamo accettare che ancora una volta la precedenza venga data agli immigrati, mentre si lasciano sotto i ponti o nei campeggi famiglie italiane in condizioni economiche disagiate" - si legge in una nota del movimento. "La politica dell'accoglienza è un fallimento; si è rivelata solamente un affare per le cooperative "vicine" ai partiti politici, e come tutti sanno non vi è alcuna possibilità ne di controllo né di sicurezza all'interno dei Centri.

lunedì 11 maggio 2015

Bolzano: Iannone (CasaPound), Bonazza consigliere comunale, è il più votato del centrodestra

Bolzano, 11 maggio - "L'elezione di Andrea Bonazza al consiglio comunale di Bolzano con la lista di CasaPound Italia a sostegno del candidato sindaco Giovanni Benussi è un risultato storico. Con Bonazza, da sempre coordinatore regionale in Trentino Alto Adige ed elemento di punta del movimento, Cpi conquista il primo eletto in un Comune con la lista che porta il simbolo della tartaruga frecciata: una vittoria in cui abbiamo creduto in ogni istante e che premia lo sforzo di chi coraggiosamente è sempre stato in prima linea sul territorio per occuparsi dei problemi dei cittadini". Così il leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone commenta i risultati delle comunali nel capoluogo altoatesino.

"Bonazza è stato il candidato più votato tra tutti i partiti del Centrodestra, da Forza Italia alla Lega, mentre un altro candidato della lista di CasaPound Italia, Sandro Trigolo, risulta il secondo per numero di preferenze e Luigi Schiatti, iscritto a Cpi, è stato eletto eletto in consiglio comunale nella lista per Benussi sindaco", aggiunge Iannone, che sottolinea come Cpi abbia eletto anche "tra i tre e i cinque consiglieri circoscrizionali":

"La vittoria di Bolzano - conclude il leader di CasaPound - ci conferma che siamo sulla strada giusta e ci dà la certezza che cambiare si può, basta non indietreggiare mai".


sabato 9 maggio 2015

Roma: Militanti di CasaPound rimettono a nuovo il Monumento al Soldato in Trincea al Cimitero Monumentale

Militanti di CasaPound rimettono a nuovo il Monumento al Soldato in Trincea al Cimitero Monumentale Campo Verano

Roma, 3 Maggio – Durante la mattinata, un cospicuo gruppo di militanti di CasaPound Italia, raggiunto il Cimitero Monumentale di Roma, noto come Campo Verano, ha ripulito l'opera dell’artista leccese Oronzo Cosentino, noto scultore dei primi del ‘900, dedicata al sacrificio in trincea e a tutti i caduti della Prima Guerra Mondiale.
La scultura in bronzo, realizzata subito dopo la Grande Guerra, rappresenta un soldato colpito a morte durante un assalto alla baionetta, in uno scenario di trincea su basamento di peperino scolpito ad arte. Tutta l’opera è posta al centro di un recinto delimitato da quattro sculture in marmo di Carrara che rappresentano delle bombe ritte verso l'alto. Al momento dell’arrivo dei volontari la statua e la relativa recinzione vertevano in condizioni pessime: la terra interna al recinto era secca, piena di immondizie ed erbacce e il peperino consumato negli anni non ha permesso alla targa dedicatoria di restare al suo posto, lasciando di sè solo l'impronta dei ganci. Nessun registro del Verano, come se non bastasse, conserva più il nome esatto del gruppo, che i ragazzi di CasaPound, desiderosi di rendergli omaggio anche in questo modo, hanno ribattezzato semplicemente "Al Soldato in Trincea".
I volontari hanno portato, oltre ai comuni attrezzi per pulire l’area, circa una quarantina di litri di terra fresca e numerosi vasi di fiori. Tutta la zona interna e l'area antistante la recinzione è stata ripulita con cura e le piantine, poste a decoro del monumento, hanno regalato una cornice tutta nuova al gruppo. La statua stessa è stata pulita con cura e sistemata ove necessario: il laccio bronzeo della cinghia del fucile era saltato, adesso invece è di nuovo al suo posto grazie ad un delicato lavoro di recupero.
Ancora una volta devono essere cittadini volenterosi a preoccuparsi del decoro di opere simbolo della memoria storica della Nazione, abbandonate a se stesse dalle amministrazioni territoriali e comunali. Il caso, purtroppo, non è isolato, considerando che, solo all’interno del solo Verano, gioiello storico-artistico a cielo aperto, i monumenti in stato d'abbandono sono numerosissimi e troppi sono gli esempi di opere, targhe e sepolture dedicate a martiri della Grande Guerra ridotti drammaticamente in pessimo stato.
CasaPound Italia non accetta nè potrà accettare che le istituzioni destinino tanta superficialità a nessun monumento italiano, tantomeno a quanti di essi furono eretti a ricordo di giovani Eroi morti per tracciare i confini d’Italia.
Fino a quando non sarà palpabile un cambiamento di direzione, i nostri volontari saranno sempre pronti ad arrivare dove, ancora una volta, chi gestisce questa città non vuole arrivare. Ancora una volta, alcuni Italiani non si arrendono.



Inaugurazione nuove sedi a Chieti e Pavia


sabato 2 maggio 2015

CasaPound, striscioni di solidarietà in 60 città per Hogar Social Madrid

Nella notte, in oltre 60 città italiane, militanti di CasaPound Italia hanno affisso striscioni di solidarietà per Hogar Social Madrid. Occupazione a scopo abitativo nata grazie a un gruppo di militanti nazionalisti spagnoli, da quattro mesi HS aiuta settimanalmente oltre 160 famiglie in difficoltà e dà un tetto a 12 di loro. Recentemente ha subito un vile tentativo di sgombero da parte della polizia, respinto grazie alla tenacia dei militanti e alla reazione delle stesse famiglie aiutate. In questa fase delicata per i popoli europei tutte le forze nazionali che reagiscono alla crisi e all’usura legalizzata con l’azione e con attività concrete vanno sostenute strenuamente.


Roma CentroRoma Centro
BolzanoBolzano
BolognaBologna
Cave (RM)Cave (RM)
ChietiChieti
CuneoCuneo
FirenzeFirenze
FoggiaFoggia
GenovaGenova
L`AquilaL`Aquila
MilanoMilano
PalermoPalermo
PesaroPesaro
PordenonePordenone
Tivoli (RM)Tivoli (RM)
TrentoTrento
Voghera (PV)Voghera (PV)
AostaAosta
AstiAsti
BresciaBrescia
FrosinoneFrosinone
LecceLecce
NapoliNapoli
PadovaPadova
NovaraNovara
Ostia (RM)Ostia (RM)
Portici (NA)Portici (NA)
RietiRieti
Roma EstRoma Est
Roma OvestRoma Ovest
SalernoSalerno
Sud Pontino (RM)Sud Pontino (RM)
UdineUdine
VareseVarese
BergamoBergamo
CremonaCremona
Monte Porzio Catone (RM)Monte Porzio Catone (RM)
Brusciano (Napoli)Brusciano (Napoli)