Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2017

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

lunedì 26 giugno 2017

CasaPound: in cinquemila a Roma per dire no allo Ius Soli

CasaPound: in cinquemila a Roma per dire no allo Ius Soli

Roma, 24 giu – È partito alle ore 17 il corteo di CasaPound Italia, che scende in piazza nella capitale contro la legge sullo Ius Soli. Sono circa 5mila, come preannunciato, i militanti e simpatizzanti presenti alla manifestazione, partita dalla sede nazionale in via Napoleone III.

"No allo Ius Soli": é con questa gigantografia che si apre il lungo serpentone, capeggiato da presidente e vicepresidente di CasaPound, Gianluca Iannone e Simone Di Stefano.
CassPound da tempo si batte contro la misura attualmente in discussione al Senato e questa è la seconda manifestazione organizzata dalla tartaruga frecciata nel giro di meno di due settinane. “É in gioco l’identita del nostro popolo, guardiamo cos’è successo in Paesi come Francia, Belgio e Gran Bretagna, dove le maglie per la concessione della cittadinanza sono state allargate fino a far diventare cittadini anche i terroristi che nulla avevano a che spartire con la cultura europea”, spiegano i vertici del movimento.


Scandendo slogan contro l’immigrazione incontrollata e la proposta di legge che vorrebbe dare la cittadinanza a chiunque nasca nel territorio italiano, il corteo prosegue per Piazza Vittorio, via Merulana e si chiuderà al parco di Colle Oppio dove in serata, nel suggestivo contesto che vede il Colosseo fare da sfondo, si tiene il comizio finale di Simone Di Stefano.


martedì 20 giugno 2017

Ius Soli: CasaPound, sabato 24 marcia degli italiani al Colosseo

Ius Soli: CasaPound, sabato 24 marcia degli italiani al Colosseo

Marcia per i diritti degli italiani sabato 24 giugno a Roma. A promuoverla è CasaPound Italia, che, dopo le proteste dei giorni scorsi davanti al Senato, torna a manifestare contro la legge sullo Ius Soli e per il riconoscimento della preferenza nazionale in tutti i settori del welfare, dalle case agli asili nido. Il corteo, al quale parteciperanno migliaia di persone attese nella Capitale da tutta Italia, partirà alle 16 dalla sede di Cpi in via Napoleone III e sfilerà per via Merulana e via Labicana fino ad arrivare a Colle Oppio, dove ci saranno gli interventi dal palco. 

"Roma vedrà sfilare ancora una volta migliaia di persone sotto al Colosseo per affermare il loro ‘no’ deciso allo ius soli e rivendicare il diritto a decidere del proprio destino – sottolinea il leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone –. Sarà una doccia fredda per quei traditori della patria che si ritengono legittimati a cancellare la nostra identità di popolo, regalando la cittadinanza a chi non l’ha voluta né conquistata. Quella di sabato sarà la marcia degli italiani che non si arrendono: quelli che non vogliono più delegare le loro istanze ai ‘paladini del popolo’ col vitalizio, quelli che sono disposti a farsi arrestare per difendere il loro diritto alla casa e al lavoro, quelli che sono schierati ogni giorno in prima linea a difesa dei loro quartieri. Sarà una marcia fiera ma serena, sotto il segno del tricolore e della bandiera con la tartaruga frecciata, per mostrare che c'è ancora un popolo disposto a lottare per i propri diritti".


giovedì 15 giugno 2017

Ius soli, 'assedio' di CasaPound al Senato

Ius soli, 'assedio' di CasaPound al Senato

Tensione sotto al Senato, dove CasaPound, con il vicepresidente Simone Di Stefano in testa, sta manifestando contro la legge sullo Ius Soli che oggi arriva a Palazzo Madama. Le forze dell'ordine schierate in assetto anti-sommossa per impedire che la manifestazione arrivasse sotto Palazzo Madama sono intervenute anche con idranti e manganelli, ferendo due manifestanti. Il sit in prosegue in piazza delle Cinque Lune.



lunedì 12 giugno 2017

Boom di CasaPound a Lucca, con 8% e due consiglieri eletti terza forza politica sopra M5s

Boom di CasaPound a Lucca, con 8% e due consiglieri eletti terza forza politica sopra M5s

Roma, 12 giugno - Boom di CasaPound a Lucca, che, con quasi l’8% dei voti e due consiglieri eletti, Fabio Barsanti e Lorenzo del Barga, diventa la terza forza politica in città, superando M5s. Possibile elezione di un consigliere comunale anche a Todi, dove Cpi è appena sotto il 5% (4,81% il candidato sindaco Andrea Nulli e 4,82% la lista), mentre è sicuramente entrato in Consiglio Marco Cinelli, candidato della Tartaruga frecciata in una lista civica a Campagnatico, comune di 3 mila abitanti del grossetano. Più in generale CasaPound ha ottenuto in media il 2,1% dei consensi nei Comuni dove si è presentata, con risultati di rilievo come l’1,8% di Parma e l’1,1% di Verona. 

“Il successo ottenuto a queste amministrative ci dice che siamo sulla strada giusta, anche in vista delle elezioni politiche in arrivo, per superare la soglia di sbarramento ed entrare in Parlamento - sottolinea il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano - Dopo l’exploit di Bolzano nel 2016 e i sette consiglieri eletti in tutta Italia, il voto di ieri conferma definitivamente, se mai ce ne fosse stato bisogno, che CasaPound è uscita dal novero dei movimenti zerovirgola per entrare a gamba tesa nella politica che decide. E non c’è dubbio che farà la differenza anche a Lucca, come già nel capoluogo altoatesino, a Isernia e nelle altre città che ci vedono presenti, perché un consigliere di CasaPound non si fa intimidire dai giochi della politica ed è pronto a tutto per l’Italia. Forti di questa vittoria, ci prepariamo alla prossima sfida, la marcia degli italiani contro lo ius soli il 24 giugno a Roma”.


lunedì 15 maggio 2017

Amministrative: CasaPound corre con un proprio candidato sindaco in 13 comuni sopra 15.000 abitanti

Amministrative: CasaPound corre con un proprio candidato sindaco in 13 comuni sopra 15.000 abitanti

Roma, 15 maggio – Alle prossime amministrative CasaPound Italia si presenterà con un candidato sindaco e una propria lista in 13 Comuni sopra i 15mila abitanti. In particolare, Cpi corre a Cuneo con Fabio Corbeddu, a Frosinone con Fernando Incitti, a Gaeta con Mauro Pecchia, a Grottaferrata con Paolo Campanile, a L'Aquila con Claudia Pagliariccio, a LaSpezia con Cesare Bruzi Alieti, a Lecce con Matteo Centonze, a Lucca con Fabio Barsanti, a Padova con Maurizio Meridi, a Parma con Emanuele Bacchieri, a Pistoia con Lorenzo Berti, a Todi con Andrea Nulli, a Verona con Roberto Bussinello.

“Siamo l’unico movimento che ha il coraggio di essere al fianco degli italiani senza se e senza ma e per questo alle prossime Comunali correremo da soli, dimostrando di poter fare la differenza anche con un solo consigliere eletto, come già è stato in tutte le amministrazioni dove siamo presenti, da Bolzano a Isernia, passando per Lamezia Terme, Grosseto e Cologno Monzese”, afferma il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano.

“Nonostante chiacchiere e tribune mediatiche, il sedicente fronte sovranista ha platealmente dimostrato di non sapere andare oltre le parole - sottolinea Di Stefano - CasaPound in questo momento è la sola speranza per gli italiani, perché è l'unico movimento che si oppone coi fatti alla resa incondizionata delle nostre città a un'invasione migratoria sempre più pressante, l’unico che difende davvero il diritto alla casa degli italiani, e quello alla scuola e agli asili gratis per i loro figli. L’unica forza che, con la proposta di legge del reddito nazionale di natalità, ha il coraggio di lottare per riempire le culle e svuotare i Cpa, sottraendo soldi al business dell’accoglienza e offrendo un contributo di 500 euro al mese per ogni nuovo nato da genitori italiani”.

martedì 2 maggio 2017

‘Ong, la verità non si imbavaglia’: CasaPound espone striscione davanti Tribunale di Catania

‘Ong, la verità non si imbavaglia’: CasaPound espone striscione davanti Tribunale di Catania

“Ong, la verità non si imbavaglia”: questo il testo dello striscione esposto stamattina da alcuni militanti di CasaPound davanti la scalinata del Tribunale di Catania. Una manifestazione pacifica e silenziosa per porre l’accento sulla questione immigrazione.

“Nei primi tre mesi del 2017 – sottolinea Giovanni Coppola, responsabile provinciale di Casa Pound – sulle nostre coste sono sbarcati 22 mila migranti. Il 45% è stato trasportato dalle navi delle Ong. Un dato eloquente che ci deve fare riflettere. Se un procuratore della Repubblica, che non è certamente un visionario, fa certe dichiarazioni, evidentemente il caso esiste. E’ fuori di dubbio che nel sistema d’accoglienza, così come da tempo sosteniamo da tempo, c’è qualcosa di marcio. Occorre dunque fare chiarezza sul fenomeno e fermare al più presto quella che ha assunto i contorni di una vera e propria invasione incontrollata, che, dietro la propaganda buonista, fa ingrassare le solite cooperative e associazioni”.

domenica 30 aprile 2017

Porto San Giorgio, CasaPound ripristina abitazione occupata da immigrati africani

Porto San Giorgio, CasaPound ripristina abitazione occupata da immigrati africani

Porto San Giorgio, 29 apr - Questa mattina i militanti di CasaPound si sono recati a Porto San Giorgio, dove la scorsa settimana il proprietario di un'abitazione in via XX Settembre, tornando nella cittadina dopo qualche giorno, ha trovato la casa occupata da un gruppo di extracomunitari di origine africana. Durante la mattinata CasaPound ha provveduto ad aiutare la famiglia che si trova in questa situazione spiacevole. “All'ingresso abbiamo riscontrato i segni del degrado – racconta Franscesco Pacini, responsabile provinciale dell'associazione - lasciato dagli occupanti. Vi erano materassi in giro per la casa, stanze sporche e residui di carta stagnola e cucchiai con cui gli immigrati erano soliti preparare dosi.” La casa è stata ripulita e murata in collaborazione con Fabio Senzacqua della Lega Nord di Porto San Giorgio. "È inaccettabile che lo stato italiano non si curi minimamente di queste situazioni di disagio che accadono ogni giorno nel nostro paese - conclude Pacini in una nota - nel momento in cui lo stato non agirà la popolazione potrà sempre contare sulla nostra solidarietà e vicinanza” .



Lealtà Azione-FederAzione e CasaPound Italia, Milano – Commemorazione a Campo X, «non permetteremo alla sinistra di infangare i nomi dei nostri Caduti»

Lealtà Azione-FederAzione e CasaPound Italia, Milano – Commemorazione a Campo X, «non permetteremo alla sinistra di infangare i nomi dei nostri Caduti»
Milano, 29 Aprile 2017 - Si è svolta questo pomeriggio la commemorazione dei Caduti della Repubblica Sociale Italiana sepolti a Campo X al Cimitero Maggiore organizzata, congiuntamente, da Lealtà Azione-FederAzione e CasaPound Italia, alla quale hanno partecipato centinaia di militanti delle due associazioni.
“A seguito delle inutili ed ignobili polemiche sollevate dall'ANPI e dal Sindaco nei giorni precedenti al 25 aprile in merito alla commemorazione che, annualmente, si svolge a Campo X per ricordare gli oltre mille Caduti della RSI - si legge in una nota congiunta dei due movimenti – abbiamo deciso di ricordarli in un'altra data simbolo per le nostre Comunità"
"Abbiamo così scelto il 29 aprile, anniversario della morte di Carlo Borsani - sepolto al Campo X - , dell'ignobile massacro di piazzale Loreto e degli efferati assassinii avvenuti negli anni '70, per mano dell'antifascismo militante"
“La decisione – continuano LA e Cpi – è frutto del rispetto per i nostri Caduti che meritano di essere ricordati nel modo migliore e non secondo prescrizioni dettate da Istituzioni ostaggio dei soliti fomentatori d'odio"
“I nostri movimenti – conclude la nota – non hanno voluto prestarsi al circo mediatico che lasciamo volentieri a chi dei morti non ha il minimo rispetto. Abbiamo onorato e continueremo ad onorare e ricordare i nostri Caduti, a prescindere dai vergognosi e infami divieti che i soliti noti vorrebbero vedere imposti”.


La Spezia: CasaPound in corteo per le vie del centro a sostegno del suo candidato sindaco. Di Stefano: reddito di natalità contro la sostituzione etnica

La Spezia: CasaPound in corteo per le vie del centro a sostegno del suo candidato sindaco. Di Stefano: reddito di natalità contro la sostituzione etnica
Bruzzi Alieti: "Difenderemo la città da una sinistra che la odia"
La Spezia, 28 aprile - "Difendere La Spezia". Questo lo striscione che ha aperto il corteo organizzato da CasaPound Italia a La Spezia, a sostegno della candidatura a sindaco di Cesare Bruzzi Alieti e a pochi giorni dall'aggressione a colpi di bastone consumata da venti antifascisti a volto coperto nei confronti di tre militanti di Cpi, tra cui un 16enne. In testa al corteo, che ha sfilato per le vie del centro cittadino, Cesare Bruzzi Alieti e il vice presidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano.
Proprio dall'aggressione di sabato scorso è partito Bruzzi Alieti. "Quella violenza - ha detto - nasce dall'odio di una sinistra che non riesce ad accettare che CasaPound è l'unica forza politica vicina agli italiani, ai poveri, agli sfrattati, agli invalidi, e lo dimostra in strada ogni giorno. Di quell'aggressione, che nessuno ha condannato, i mandanti morali sono stati l'Anpi e il Pd. Hanno detto che l'apertura della nostra sede rappresentava una ferita per La Spezia. Ma la ferita la hanno inferta loro, odiando il nostro popolo, la città, le divise. Spezia perde mille residenti all'anno, la sinistra ha inquinato l'ambiente, consentendo l'arrivo in discarica perfino della diossina di Seveso, l'Acam ha più debiti dell'Alitalia... L'unica cosa che sono riusciti a fare è portare immigrati e mangiarsi i soldi degli italiani. E' per questo che è arrivato il momento di dire 'prima gli spezzini'".
"Agli antifascisti protagonisti della vigliacca aggressione di sabato - ha aggiunto Di Stefano - non va riconosciuto neanche il rispetto di chiamarli antagonisti: sono solo i servi di un mondo che sta morendo, non solo a La Spezia ma in tutta Italia, dove sono schierati al fianco dei poteri forti che dicono di voler combattere. Li aiutano a perseguire i loro obiettivi, primo tra tutti - ha proseguito il vicepresidente di Cpi - la sostituzione etnica del nostro popolo. Un meccanismo che è già in atto:
ogni anno il saldo negativo tra nascite e morti fa sparire 200mila italiani mentre altri 150mila sono costretti a lasciare il paese perché qui per loro non c'è futuro. Intanto dalle coste africane arrivano 200mila immigrati l'anno e l'anno scorso 185mila cittadinanze sono state regalate. La sostituzione etnica degli italiani non avviene solo con la 'deportazione' degli stranieri ma anche perché l'Italia non fa figli. Per questo CasaPound Italia ha lanciato il reddito di natalità, 500 euro al mese per ogni nuovo nato per riempire le culle e svuotare i centri di accoglienza".

venerdì 14 aprile 2017

Reggio Calabria, CasaPound dona giocattoli ai bambini della casa famiglia Villa Betania

Reggio Calabria, CasaPound dona giocattoli ai bambini della casa famiglia Villa Betania

Reggio Calabria, 13 apr - “Giorno 11 aprile abbiamo consegnato dei giocattoli nuovi ai minori ospiti della struttura Villa Betania, un’eccellenza della nostra città. È doveroso, soprattutto in periodi di feste, dare un segno di vicinanza fattiva e concreta a chi ne ha bisogno”. Sono queste le dichiarazioni del Coordinatore Regionale di CasaPound, Federico Romeo.

“Villa Betania – spiega – è una casa che ospita soggetti in difficoltà economica e psicologica; una struttura atta a recuperare percorsi di vita messi a rischio da condizioni socio-economiche difficili.

All’interno della struttura – prosegue - sono ospitati bambini/e, per lo più calabresi, che sono posti in semi affido in quanto i genitori non possono prendersene pienamente cura. Come nucleo di CasaPound non potevamo che pensare in primis a loro, nostri conterranei, figli, come noi, di una terra distrutta da decenni di mala gestione, da una crisi istituzionale, politica e sociale senza fine”.

“Nella nostra scelta politica – incalza Romeo - l’impegno sociale verso gli italiani più bisognosi è fondamentale. Il nostro intento giornaliero è quello di riportare in auge il concetto di polis greca, all’interno della quale la partecipazione di ogni singolo cittadino crea le basi cooperative per la costruzione di una realtà armonica, dove al centro di tutto vi è la “cosa pubblica”, interesse della collettività. Ecco perché ci adoperiamo sempre per smuovere le coscienze ed annientare quel velo terribile d’indifferenza che da troppo tempo aleggia sulla nostra città”.

“Azioni come raccolte di cibo, vestiti, libri ma anche giocattoli, basilari strumenti di primo apprendimento pedagogico, etc. devono ricordare ai cittadini di essere parte di una comunità che deve difendere e tutelare chi ne ha più bisogno, senza voltarsi dall’altro lato. Vedere i volontari e i gestori di Villa Betania prodigarsi in modo così significativo nei confronti di questi minori, stando loro vicini nella crescita, mettendo al centro l’istruzione, l’integrazione nella vita sociale della città, la riabilitazione anche passando per la cura e la socializzazione con gli animali presenti in struttura deve essere monito e memoria del fatto che le nuove generazioni saranno il futuro della Nazione e che – conclude - proprio in loro bisogna infondere senso di responsabilità sin dalla tenera età”.