Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2014

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Firma per CasaPound

Per dire basta ai soprusi della UE. Europei sì, schiavi no!

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

martedì 2 settembre 2014

Caso marò, Iannone (CasaPound): auguri a Latorre, prigioniero per colpa di uno Stato che non sa essere tale

Caso marò, Iannone (CasaPound): auguri a Latorre, prigioniero per colpa di uno Stato che non sa essere tale

Roma, 2 settembre - "Auguri di pronta guarigione a Massimiliano Latorre, ricoverato per un'ischemia mentre si trova prigioniero da due anni e mezzo in India per colpa di uno Stato che non sa fare lo Stato". Lo afferma in una nota il leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone, che aggiunge: "Siamo vicini ai familiari di Latorre e alla figlia Giulia che, con le sue parole, da italiani ci ha fatto ancora una volta vergognare per l'ignavia con la quale questo governo 'rottamatore', esattamente come i precedenti, ha gestito la vicenda".

lunedì 1 settembre 2014

CasaPound Italia: 'Direzione Rivoluzione' dal 5 al 7 settembre in Salento, Borghezio e Poli Bortone alla festa nazionale

CasaPound Italia: 'Direzione Rivoluzione' dal 5 al 7 settembre in Salento, Borghezio e Poli Bortone alla festa nazionale

Europa, Siria e M.O., scuola, disabilità e volontariato i temi al centro della tre giorni di attualità, cultura e sport di Cpi

Roma, 1 settembre - Si discuterà di Europa con Mario Borghezio e Adriana Poli Bortone, ma anche di Medio Oriente, Siria e via Mediterranea alla solidarietà, del rapporto tra agricoltura e ambiente, del diritto al sesso dei disabili e di come uscire dall'emergenza scuola pubblica durante 'Direzione Rivoluzione 2014', la festa nazionale di CasaPound Italia che si terrà in Salento da venerdì 5 a domenica 7 settembre. Come avviene dalla fondazione del movimento, nel 2008, anche quest'anno militanti e simpatizzanti della tartaruga frecciata provenienti da tutta Italia si ritroveranno per tre giorni all'insegna dell'attualità, ma anche della musica. della cultura e dello sport.

Ad aprire la festa, venerdì alle 10, sarà una seduta di allenamenti comunitari di Bjj, Mma e Muay Thay sotto la guida di Jacopo Madaro, Pro 3-1 e cintura viola di Mma, dello Shark Team di Lecce. Alle 15 incontro sul tema 'Sesso, amore e disabilità', con la partecipazione dell'ex assessore ai Servizi Sociali della Provincia di Lecce, l'avvocato Filomena D'Antini, la responsabile nazionale dell'associazione 'Impavidi Destini' Serena Grasso e il segretario provinciale di S.f.i.d.a, Vito Berti. Alle 17 'Tu di che agricoltura sei?', confronto tra il consigliere regionale Saverio Congedo, il presidente Adaf Antonio Bruno ed Enzo Franco di CasaPound Italia Lecce. Alle 22 'Conferenza futurista' a cura di Felice Lecciso con letture da Ezra Pound, Drieu La Rochelle, Dino Campana e altri scrittore del Novecento.

Sabato alle 10 Giovanni Feola, volontario della onlus Solidarité Identités in Siria, e Guido Bruno, responsabile provinciale di Solid, spiegheranno la 'via mediterranea alla solidarietà', mentre alle 12 Rolando Mancini, Fabio Di Martino e Davide Renna,rispettivamente responsabili del Blocco studentesco nazionale, di Roma e di Lecce, illustreranno il nuovo programma dell'organizzazione in un incontro dal titolo 'Ritrova te stesso'. Alle 17 la conferenza 'L'Europa dei popoli contro l'Europa finanziaria', che vedrà confrontarsi l'eurodeputato della Lega Mario Borghezio, l'ex parlamentare UeAdriana Poli Bortone e il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano. A tirare le conclusioni, alle 20, sarà il leader di Cpi, Gianluca Iannone, che farà il punto sulle battaglie vinte e le sfide future che attendono il movimento.

info: 3478057510

Abruzzo: Contro aumento record del rischio di usura CasaPound promuove ‘Nemica Banca’

Abruzzo: Contro aumento record del rischio di usura CasaPound promuove ‘Nemica Banca’

“Un servizio gratuito di verifica della legittimità dei tassi di interesse per aiutare cittadini ed imprese di una regione strangolata dall’usura” 

L’Aquila, 1 Settembre – CasaPound Italia scende in campo in Abruzzo contro l’aumento record del rischio di usura, con la regione attestata al terzo posto nella classifica delle regioni italiane stilata dalla Cgia di Mestre. Numerosi striscioni sono apparsi nella notte a L’Aquila, Pescara, Chieti, Avezzano, Lanciano, Sant’Egidio alla Vibrata e Sulmona per promuovere ‘Nemica Banca’, servizio gratuito di verifica della legittimità dei tassi di interesse richiesti dagli istituti di credito. “Le rilevazioni della Cgia attestano una realtà drammatica e preoccupante. Tra le cause del fenomeno sono indicate la mancata concessione o l'alto tasso di interesse richiesto dalle banche per l'erogazione di prestiti ad imprese e famiglie. L’Abruzzo risulta infatti al terzo posto in Italia sia per quanto riguarda i tassi di interesse richiesti dagli istituti finanziari, sia per quanto riguarda il numero di sofferenze bancarie, con percentuali nettamente superiori alle media nazionale. E’ evidente come a dispetto degli incredibili aiuti ricevuti dall’Italia e dall’Europa le banche, causa scatenante della crisi economica internazionale che sta stritolando la nostra nazione, non intendano svolgere un ruolo virtuoso nella promozione dell’economia reale”. Così CasaPound Italia Abruzzo in una nota.

“Per combattere il fenomeno – continua la nota - abbiamo già da tempo lanciato ‘Nemica Banca’, servizio gratuito di verifica dei tassi di interesse applicati per mutui e finanziamenti, attivo da oltre un anno e con numerose procedure all’attivo. Chiamando il numero 3387005845 i cittadini abruzzesi potranno entrare in contatto con esperti che procederanno alla verifica della conformità del tasso di interesse loro richiesto con le norme previste dalla Banca d’Italia e, nel caso venisse rilevato il superamento della soglia d’usura, seguiranno il procedimento per richiedere la restituzione degli interessi irregolarmente percepiti ed il pagamento della sola parte capitale per le restanti rate, secondo quanto deliberato da una recente sentenza della Corte di Cassazione. Un aiuto concreto, per venire incontro alle esigenze di cittadini ed imprese in una regione sempre più in difficoltà, con le attività economiche strangolate dalla mancanza di liquidità decisa dalle banche”.

L'AquilaL'AquilaPescaraPescaraPescaraChietiAvezzano (AQ)Avezzano (AQ)Lanciano (CH)Sulmona (AQ)Sulmona (AQ)Sulmona (AQ)Sant'Egidio alla Vibrata (TE)Sant'Egidio alla Vibrata (TE)

sabato 30 agosto 2014

mercoledì 27 agosto 2014

Latina: “Eravamo in fila al Pronto Soccorso”, azione shock di CasaPound all'Ospedale Goretti

Nella notte i militanti di CasaPound hanno affisso all'ingresso dell'Ospedale Goretti di Latina uno striscione recante la scritta "Eravamo in fila al Pronto Soccorso" con al fianco due immagini raffiguranti scheletri umani.
"Sicuramente un'immagine un po' forte, ma che serve a riportare all'attenzione in maniera decisa il problema del pronto soccorso di Latina", afferma CasaPound.
"Tutti i giorni file interminabili, pazienti abbandonati sulle barelle in attesa di ricovero, gli stessi lavoratori sottoposti a turni di lavoro stressanti che devono far fronte alla rabbia dei cittadini in attesa. Inoltre nella sala d'attesa "soggiornano" barboni che utilizzano il pronto soccorso come domicilio, un'immagine da terzo mondo insomma. Una città grande come Latina non può avere un pronto soccorso che deve accogliere persone provenienti da mezza provincia; la spending review attuata non può riguardare un servizio di emergenza così importante.
"Non è possibile attuare tagli orizzontali ed indiscriminati nel servizio sanitario" continuano i militanti dell'Associazione " che DEVE garantire il diritto alla salute dei cittadini. I costi eccessivi sono dovuti sicuramente a sprechi e a cattive gestioni della sanità pubblica, dove il clientelismo e gli interessi delle strutture private la fanno da padroni. E' necessario cambiare la concezione della spesa sanitaria, che deve essere vista come risorsa e non come costo. Recuperare risorse per garantire servizi efficienti è possibile: basterebbe cominciare da una riforma del prontuario farmaceutico eliminando tutti quei farmaci doppi e costosi; basti pensare che in Europa la gran parte dei paesi prevede una media di circa 700 farmaci a prontuario, in Italia siamo a 8.000 con prezzi esorbitanti a carico del SSN.
"Nel frattempo", concludono i militanti di CP, "le vittime di questo sistema sanitario continuano ad essere i cittadini ed i lavoratori del settore. Diritto alla salute, Stato Sociale, questa è CasaPound!".

martedì 26 agosto 2014

Foligno (PG): presidio di CasaPound per contrastare i parcheggiatori abusivi

Foligno, 25 Agosto - Si è svolto oggi, presso il parcheggio dell'ospedale San Giovanni Battista di Foligno, un presidio dei militanti CasaPound Italia finalizzato a scoraggiare i posteggiatori abusivi che provano ad estorcere soldi a chi si reca nella struttura ospedaliera per fare visite ai propri cari.

"Almeno per oggi - afferma Saverio Andreani, responsabile cittadino di Cpi - abbiamo voluto impedire ai parcheggiatori abusivi di chiedere denaro in cambio dell’indicazione di un parcheggio libero, o di minacciare chi si rifiuta di dare il contributo richiesto. Lo abbiamo fatto per tutti quei cittadini che sono stremati da una situazione che va avanti ormai da troppo tempo, e che in casi sempre più frequenti degenera in veri e propri atti di violenza a discapito di chi non si vuole piegare a queste illecite richieste di denaro; con l’occasione abbiamo dato il via ad una raccolta firme per chiedere l’intervento degli organi preposti, intervento che arrivati a questo punto risulta essere urgente e necessario per far fronte ad una pratica che mette a serio rischio l’incolumità dei cittadini, oltre ad essere illegale, ovviamente. Nella giornata di oggi abbiamo raccolto già 100 firme, che porteremo sul tavolo del sindaco Mismetti".


Buoni libro, vinta battaglia di CasaPound a Lamezia Terme

Lamezia, 26 agosto – “Finalmente è stata ristabilita la giustizia sociale. Con la nostra protesta, dura ma civile, siamo riusciti ad ottenere una grande vittoria. Ora i nostri figli riceveranno tutti i buoni libro, a prescindere dal reddito familiare. Negare l’evidenza non serve. Sul carro dei vincitori ci salgono solo i cittadini”. A dichiararlo è Mimmo Gianturco, coordinatore regionale di CasaPound Italia e organizzatore della protesta contro la soppressione delle cedole librarie per i bambini della scuola primaria.

“Grazie alla protesta attuata ieri al comune – afferma Gianturco – dura ma civile, siamo riusciti a far tornare sui propri passi l’amministrazione comunale, che in tutta fretta, aveva deciso, per sanare le casse comunali, di tagliare la spesa pubblica sull’istruzione dei bambini lametini della scuola primaria. Finalmente è stata ristabilita la giustizia sociale”.

“Dopo due ore e mezza di protesta – continua il responsabile di CasaPound – siamo riusciti ad ottenere un incontro con il sindaco, il quale ci ha garantito che la copertura finanziaria per le cedole librarie è stata ripristinata e ammonta a 110mila euro. Ora i nostri figli riceveranno tutti i buoni libro, a prescindere dal reddito familiare, così com’è sancito dalla Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia”.

“A fine manifestazione – conclude Mimmo Gianturco – alcuni esponenti politici in cerca di gloria, a mezzo stampa e sui social network tentavano inutilmente di contestare l’efficacia della protesta, ma negare l’evidenza non è servito a nulla. Conosciamo bene i loro meccanismi e i loro tentativi di salire ad ogni costo sul carro dei vincitori per farsi campagna elettorale, ma la vittoria è esclusivamente dei cittadini che hanno protestato contro questa scellerata decisione. Questa è la dimostrazione che se i cittadini vogliono, possono vincere ogni battaglia”.

Info: 393 / 55 61 594
casapoundlamezia.org
casapoundlamezia@gmail.com




domenica 24 agosto 2014

Presidio CasaPound ad Oristano contro le esercitazioni militari israeliane in Sardegna

Sardegna 24 agosto – “Non siamo complici di un massacro”. Questo il motto del presidio a Oristano da CasaPound Italia, per protestare contro la concessione da parte dello Stato Italiano, in accordo con la Regione Sardegna, del poligono di Capo Frasca per esercitazioni militari della aviazione Israeliana.
“Abbiamo deciso – afferma Andrea Farris, coordinatore regionale di CasaPound Italia in Sardegna – di organizzare una manifestazione per contestare duramente la scelta del governo Italiano di concedere i cieli dell’Oristanese per esercitazioni militari dell’aviazione militare israeliana, impegnata in queste ore nei costanti bombardamenti sulla striscia di Gaza in cui hanno perso la vita numerosi civili. Avremmo preferito vedere la stessa solerzia da parte del nostro Governo nel farsi promotore di un ‘cessate il fuoco’ serio e duraturo – prosegue Farris – invece ci troviamo nell’assurda situazione in cui l’Italia e la Regione Sardegna vengono messi a disposizione per la preparazione e l’esercitazione di future azioni belliche “.
“Chiediamo che il consiglio regionale voti una mozione urgente contro queste esercitazioni – conclude Farris – e al contempo, noi, da oggi lanceremo una petizione tra i cittadini, per chiedere una reale opposizione da parte della Regione Sardegna, non solo con atteggiamenti di facciata, presso il Governo Nazionale; affinché vengano riviste le servitù militari che strangolano la nostra terra; ormai da anni la Regione con più poligoni militari d’ Europa”.
tmp_10609223_725599190846876_1845237925_n-433210857tmp_10534471_725599257513536_444443884_n-1320756807

venerdì 22 agosto 2014

Parma: CasaPound presidia il parcheggio dell' ospedale di via Volturno contro i posteggiatori abusivi

Parma: CasaPound presidia il parcheggio dell' ospedale di via Volturno contro i posteggiatori abusivi

Parma, 22 agosto - Oggi i militanti CasaPound Italia hanno presidiato il parcheggio dell'ospedale di via Volturno impedendo ai posteggiatori abusivi di estorcere soldi a chi si reca nella struttura ospedaliera per fare visite o a salutare i propri cari.

"Abbiamo deciso di scendere in piazza per impedire, almeno per oggi, ai parcheggiatori abusivi, tutti immigrati senza lavoro, di minacciare ed estorcere denaro con la scusa di indicare un parcheggio libero a chi si reca in ospedale - afferma Pier Paolo Mora, responsabile provinciale dell'associazione.- Gli avvenimenti come quello della settimana scorsa, quando una signora anziana ha dovuto cedere, sotto minaccia, una micca di pane perché era senza soldi - continua Mora - sono ormai all'ordine del giorno. Sono mesi che andiamo denunciando questo tipo di episodi, qui come in altre zone di Parma, i cui protagonisti sono sempre e solo immigrati, che si fronteggiano tra loro a bottigliate davanti a cittadini sbigottiti come nei tanti casi di piazzale della Pace o di viale Piacenza, o che spacciano a tutte le ore del giorno e della notte, come nel quartiere san Leonardo"

"Le autorità prendano subito provvedimenti - conclude Mora - per fare fronte a un'emergenza sicurezza avvertita in modo sempre più drammatico dai cittadini, che non si sentono adeguatamente difesi da chi sarebbe invece preposto a farlo"


martedì 19 agosto 2014

Verona, CasaPound: Solidarietà a Ruffo, Pd condanni le minacce contro di lui

Verona, 19 ago - “Gli attacchi individuali, le minacce personali, le scritte intimidatorie contro Ruffo sono vergognose: le istituzioni e le forze politiche, a cominciare dal Partito democratico, condannino subito il gesto in maniera netta e inequivocabile”. Così CasaPound Italia, in una nota, commenta gli insulti apparsi nelle scorse notti sui muri di Verona contro Marcello Ruffo, esponente cittadino di Cpi e consigliere in terza circoscrizione. “L’intimidazione in puro stile mafioso – spiega CasaPound – avviene dopo che il Pd veronese aveva attaccato una manifestazione contro il degrado organizzata proprio dal nostro esponente, al cui interno trovava posto un momento di riflessione sulla violenza politica che per troppi anni ha insanguinato le strade delle città italiane. Argomenti che dovrebbero essere sposati da tutti ma a cui invece il Pd ha deciso di opporsi per puro partito preso ideologico e per non far dispiacere ai propri figliocci dell’estrema sinistra cittadina. Che ci sia un nesso tra le polemiche pretestuose contro l’iniziativa di Ruffo e le minacce apparse subito dopo sui muri di Verona? Il Pd dovrebbe sgombrare il campo da ogni dubbio con una chiara presa di posizione di condanna di questo tipo di metodi e della cultura politica che ne è all’origine”. CasaPound Italia conclude esprimendo “solidarietà nei confronti di Ruffo” e invitandolo a “proseguire nelle sue battaglie politiche, nonostante i nostalgici dell’antifascismo militante e dei suoi metodi camorristici".