Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2017

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

giovedì 3 agosto 2017

Trepuzzi (LE): si aprono le porte del Consiglio comunale per un militante di CasaPound

Trepuzzi: si aprono le porte del Consiglio comunale per un militante di CasaPound

Si tratta di Francesco Pezzuto, primo dei non eletti lo scorso giugno con 313 preferenze

Trepuzzi (Le), 3 ago – Anche in Puglia CasaPound avrà un suo rappresentante all’interno di un Consiglio comunale. A Trepuzzi Francesco Pezzuto, primo dei non eletti alle amministrative dello scorso giugno e candidato all’interno di una lista civica, subentrerà al Dr Antonio Miglietta, candidato sindaco della lista On-Accendi Trepuzzi, il quale ha rassegnato le dimissioni da consigliere lo scorso 31 luglio per motivi familiari.

“Si tratta di un altro passo nella crescita del movimento in tutta Italia – si legge in una nota diffusa da CasaPound - un processo irreversibile che ci premia con l'aumento di consensi e che siamo certi, nel tempo, ci porterà fino al Parlamento. La costanza del nostro impegno sociale e politico è premiata, le mistificazioni che per anni hanno cercato di diffondere un messaggio distorto riguardo a Cpi oggi si sciolgono come neve al sole di fronte all’evidente realtà delle cose. Le persone hanno imparato a conoscerci e valutare il nostro operato, senza condizionamenti da parte di terzi: apprezzano le nostre idee e il nostro essere sempre in prima linea, senza risparmio, che si tratti di diritto alla casa, lavoro, salute, ambiente, disabilità. Trepuzzi è il primo paese in Puglia ad aprire le porte del Consiglio comunale a un militante di CasaPound ma ne seguiranno certamente altri, è solo questione di tempo”.


sabato 29 luglio 2017

Scilla (RC), al via "Identitaria", festa estiva di CasaPound Italia

Scilla (RC), al via "Identitaria", festa estiva di CasaPound Italia
Scilla (RC), 24 luglio - Si terrà il 29 e il 30 Luglio nella nota località turistica la seconda edizione di “Identitaria”, festa estiva di CasaPound Italia.
“Abbiamo scelto Scilla - dichiara Federico Romeo, coordinatore regionale di CasaPound - per ospitare questa seconda edizione della festa estiva di CasaPound Italia, che si svolgerà per il secondo anno nella nostra regione e che vedrà l’afflusso di iscritti e simpatizzanti del movimento da tutta Italia”.
“Questa edizione - continua il coordinatore di CPI - cercherà ancora di più di abbinare e far convivere il momento ludico, peculiare anche della stagione, e riflessioni e approfondimenti politici e culturali. Sabato, dopo una mattinata dedicata all’apertura del campo tra spiaggia e mare, avrà luogo nel pomeriggio, alle 18, un incontro con Gabriele Pezzano dell’associazione culturale ‘Fons Perennis” dal titolo ‘A difesa dei confini: Marte, forza e virtù nel segno di Roma”. Ad essa seguirà la cena, un concerto, e una serata dedicata al divertimento”.
“Domenica lo spazio sportivo della festa sarà dedicato a due tornei, uno di beach soccer e uno di calcio balilla, e a un’escursione nel caratteristico borgo di pescatori di Chianalea di Scilla. Ma sarà ancora un momento di riflessione culturale e politica a chiudere alle 17 questa edizione - conclude Romeo - ovvero la conferenza dal titolo ‘Insorgere contro il fatalismo, per un'Europa dei popoli’ che vedrà la partecipazione di Sébastien Magnificat, responsabile delle relazioni estere di CasaPound Italia”.

Milano, CasaPound - Non si ferma l'azione del movimento contro il Sindaco Sala, "non saranno i divieti a fermare la nostra battaglia politica"

Milano, CasaPound - Non si ferma l'azione del movimento contro il Sindaco Sala, "non saranno i divieti a fermare la nostra battaglia politica"
«Sala dimettiti!», questo il testo dello striscione esposto dai militanti di CasaPound durante un volantinaggio di fronte a Palazzo Marino, a pochi giorni dal blitz in Consiglio Comunale.
«Non abbiamo assolutamente intenzione - afferma con forza Massimo Trefiletti, responsabile di CPI Milano - di concedere tregua a un Sindaco che risulta sotto indagine per gli appalti Expo, di cui era commissario unico, e che rifiuta ogni confronto con la cittadinanza».
«Dopo il nostro blitz, l'unica reazione è stata chiedere un aumento delle misure di sicurezza per entrare in comune: invece di dare risposte, Sala si trincera dietro tornelli e metal detector».
«Milano non merita un'amministrazione - rincara Angela De Rosa, portavoce cittadina del movimento - che preferisce partecipare a marce e merende pro-migranti invece di occuparsi dei reali e gravi problemi che la città si trova ad affrontare, non ultimo proprio l'emergenza immigrazione che evidentemente sfugge sia al Sindaco sia ai suoi assessori».
«Ci chiediamo con quale coraggio Sala e giunta parlino di "attacchi alle istituzioni democratiche" in riferimento alle nostre azioni: inizino a dare risposte ai cittadini, invece di appellarsi alla forza pubblica contro chi osa contestare la loro fallimentare amministrazione».
«Di fronte alla mancanza di risposte e ai tentativi di provocazione da parte di personaggi come Paolo Limonta - concludono - la nostra risposta è continuare su questa strada. A tal proposito, abbiamo chiesto un incontro ufficiale al Sindaco Sala: vedremo se il primo cittadino accetterà o continuerà a fuggire il confronto».

martedì 18 luglio 2017

Ius Soli: CasaPound, 'clima ostile'? Lo abbiamo creato noi, e lo rivendichiamo con orgoglio

Ius Soli: CasaPound, 'clima ostile'? Lo abbiamo creato noi, e lo rivendichiamo con orgoglio

Roma, 17 luglio - "Il 'clima ostile' allo Ius soli? Lo abbiamo creato noi, e lo rivendichiamo con orgoglio". Così il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano commenta in una nota il 'rinvio' dell'approvazione del provvedimento sulla cittadinanza agli stranieri deciso dal governo Gentiloni.
"Il coraggio dei militanti di CasaPound ha generato una Vittoria per tutti gli italiani", sottolinea Di Stefano che ricorda come Cpi sia "da sempre in prima linea contro chi vuole cancellare la nostra identità di popolo, regalando la cittadinanza a chi non l’ha voluta né conquistata".
"Contro la legge sullo ius soli - sottolinea Di Stefano - abbiamo fatto banchetti e raccolto firme, abbiamo manifestato davanti al Senato, non indietreggiando davanti a idranti e manganelli, abbiamo portato in piazza cinquemila persone in un torrido sabato di giugno. Se questo vuol dire creare un 'clima ostile', siamo orgogliosi di averlo fatto, e non esiteremo a continuare sulla stessa strada pur di risparmiare all'Italia una scelta che non può che definirsi criminale e suicida nell'epoca dell'immigrazione di massa e del terrorismo globale". 

domenica 9 luglio 2017

Ostia, blitz di CasaPound su spiagge libere contro venditori abusivi e degrado

Ostia, blitz di CasaPound su spiagge libere contro venditori abusivi e degrado
Roma, 8 luglio 2017 - Questo pomeriggio i militanti di CasaPound nel X Municipio di Roma hanno fatto l'ennesima azione di denuncia sullo stato di degrado e abbandono delle spiagge libere di Ostia. "Mentre il M5S e la commissione prefettizia parlano di spiagge restituite alla legalità, in realtà la chiusura dei chioschi di Ostia ponente, e degli annessi servizi, ha favorito solo il degrado e l'abusivismo. Così commenta Luca Marsella, responsabile locale del movimento e futuro candidato presidente alle prossime elezioni municipali, il blitz di questo pomeriggio. Dopo diverse segnalazioni dei cittadini e a poche settimane dalla riqualifica di queste spiagge siamo intervenuti nuovamente e abbiamo cacciato via le decine di venditori abusivi che, oltre a cianfrusaglie di dubbia provenienza, vendono anche bibite facendo concorrenza sleale ai legittimi concessionari delle strutture di Ostia ponente che invece sono sovente tartassati da controlli di vigili. Conclude infine Marsella - la nostra passeggiata di riqualifica si è svolta fino al porto e non abbiamo potuto non notare la pessima idea dell'amministrazione capitolina di posizionare i bagni chimici su strada. Ennesimo scempio evitabile quando sarebbe bastato riaprire i bagni già esistenti delle strutture chiuse per le quali, a causa dell'incapacità di commissa
ri e M5S, nessun bando di affidamento è mai più stato fatto".


domenica 2 luglio 2017

CasaPound: compie 10 anni "Direzione Rivoluzione", l'8, il 9, e il 10 settembre a Latina la festa nazionale di Cpi

CasaPound: compie 10 anni "Direzione Rivoluzione", l'8, il 9, e il 10 settembre a Latina la festa nazionale di Cpi

Roma, 1 luglio - Sarà targata Latina l'edizione 2017 di "Direzione Rivoluzione”, la festa nazionale di CasaPound Italia. La kermesse, che quest'anno si terrà l'8, il 9, e il 10 settembre, rappresenta il momento privilegiato di incontro per l'intera galassia che ruota intorno a Cpi: nel capoluogo pontino si ritroveranno tutte le comunità del movimento per fare un bilancio dell'anno appena trascorso e tracciare gli obiettivi per la stagione in arrivo.

Politica, cultura, sport, formazione saranno i temi al centro della tre giorni, che, come di consueto, sarà articolata in conferenze aperte al pubblico, momenti di dibattito interno e di confronto tra le diverse realtà che animano CasaPound, serate all'insegna della letteratura, del teatro e della musica.

Per "Direzione Rivoluzione" quella di quest'anno sarà l'edizione del decennale. Nata nel 2008, cinque anni dopo l'occupazione della sede di via Napoleone III, con la fondazione del movimento nazionale CasaPound Italia, la festa, ospitata i primi anni a Roma, è poi divenuta itinerante, sbarcando prima a Revine Lago, nel trevigiano, quindi a Lecce, Castano Primo (Milano) e Chianciano Terme.


lunedì 26 giugno 2017

CasaPound: in cinquemila a Roma per dire no allo Ius Soli

CasaPound: in cinquemila a Roma per dire no allo Ius Soli

Roma, 24 giu – È partito alle ore 17 il corteo di CasaPound Italia, che scende in piazza nella capitale contro la legge sullo Ius Soli. Sono circa 5mila, come preannunciato, i militanti e simpatizzanti presenti alla manifestazione, partita dalla sede nazionale in via Napoleone III.

"No allo Ius Soli": é con questa gigantografia che si apre il lungo serpentone, capeggiato da presidente e vicepresidente di CasaPound, Gianluca Iannone e Simone Di Stefano.
CassPound da tempo si batte contro la misura attualmente in discussione al Senato e questa è la seconda manifestazione organizzata dalla tartaruga frecciata nel giro di meno di due settinane. “É in gioco l’identita del nostro popolo, guardiamo cos’è successo in Paesi come Francia, Belgio e Gran Bretagna, dove le maglie per la concessione della cittadinanza sono state allargate fino a far diventare cittadini anche i terroristi che nulla avevano a che spartire con la cultura europea”, spiegano i vertici del movimento.


Scandendo slogan contro l’immigrazione incontrollata e la proposta di legge che vorrebbe dare la cittadinanza a chiunque nasca nel territorio italiano, il corteo prosegue per Piazza Vittorio, via Merulana e si chiuderà al parco di Colle Oppio dove in serata, nel suggestivo contesto che vede il Colosseo fare da sfondo, si tiene il comizio finale di Simone Di Stefano.


martedì 20 giugno 2017

Ius Soli: CasaPound, sabato 24 marcia degli italiani al Colosseo

Ius Soli: CasaPound, sabato 24 marcia degli italiani al Colosseo

Marcia per i diritti degli italiani sabato 24 giugno a Roma. A promuoverla è CasaPound Italia, che, dopo le proteste dei giorni scorsi davanti al Senato, torna a manifestare contro la legge sullo Ius Soli e per il riconoscimento della preferenza nazionale in tutti i settori del welfare, dalle case agli asili nido. Il corteo, al quale parteciperanno migliaia di persone attese nella Capitale da tutta Italia, partirà alle 16 dalla sede di Cpi in via Napoleone III e sfilerà per via Merulana e via Labicana fino ad arrivare a Colle Oppio, dove ci saranno gli interventi dal palco. 

"Roma vedrà sfilare ancora una volta migliaia di persone sotto al Colosseo per affermare il loro ‘no’ deciso allo ius soli e rivendicare il diritto a decidere del proprio destino – sottolinea il leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone –. Sarà una doccia fredda per quei traditori della patria che si ritengono legittimati a cancellare la nostra identità di popolo, regalando la cittadinanza a chi non l’ha voluta né conquistata. Quella di sabato sarà la marcia degli italiani che non si arrendono: quelli che non vogliono più delegare le loro istanze ai ‘paladini del popolo’ col vitalizio, quelli che sono disposti a farsi arrestare per difendere il loro diritto alla casa e al lavoro, quelli che sono schierati ogni giorno in prima linea a difesa dei loro quartieri. Sarà una marcia fiera ma serena, sotto il segno del tricolore e della bandiera con la tartaruga frecciata, per mostrare che c'è ancora un popolo disposto a lottare per i propri diritti".


giovedì 15 giugno 2017

Ius soli, 'assedio' di CasaPound al Senato

Ius soli, 'assedio' di CasaPound al Senato

Tensione sotto al Senato, dove CasaPound, con il vicepresidente Simone Di Stefano in testa, sta manifestando contro la legge sullo Ius Soli che oggi arriva a Palazzo Madama. Le forze dell'ordine schierate in assetto anti-sommossa per impedire che la manifestazione arrivasse sotto Palazzo Madama sono intervenute anche con idranti e manganelli, ferendo due manifestanti. Il sit in prosegue in piazza delle Cinque Lune.



lunedì 12 giugno 2017

Boom di CasaPound a Lucca, con 8% e due consiglieri eletti terza forza politica sopra M5s

Boom di CasaPound a Lucca, con 8% e due consiglieri eletti terza forza politica sopra M5s

Roma, 12 giugno - Boom di CasaPound a Lucca, che, con quasi l’8% dei voti e due consiglieri eletti, Fabio Barsanti e Lorenzo del Barga, diventa la terza forza politica in città, superando M5s. Possibile elezione di un consigliere comunale anche a Todi, dove Cpi è appena sotto il 5% (4,81% il candidato sindaco Andrea Nulli e 4,82% la lista), mentre è sicuramente entrato in Consiglio Marco Cinelli, candidato della Tartaruga frecciata in una lista civica a Campagnatico, comune di 3 mila abitanti del grossetano. Più in generale CasaPound ha ottenuto in media il 2,1% dei consensi nei Comuni dove si è presentata, con risultati di rilievo come l’1,8% di Parma e l’1,1% di Verona. 

“Il successo ottenuto a queste amministrative ci dice che siamo sulla strada giusta, anche in vista delle elezioni politiche in arrivo, per superare la soglia di sbarramento ed entrare in Parlamento - sottolinea il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano - Dopo l’exploit di Bolzano nel 2016 e i sette consiglieri eletti in tutta Italia, il voto di ieri conferma definitivamente, se mai ce ne fosse stato bisogno, che CasaPound è uscita dal novero dei movimenti zerovirgola per entrare a gamba tesa nella politica che decide. E non c’è dubbio che farà la differenza anche a Lucca, come già nel capoluogo altoatesino, a Isernia e nelle altre città che ci vedono presenti, perché un consigliere di CasaPound non si fa intimidire dai giochi della politica ed è pronto a tutto per l’Italia. Forti di questa vittoria, ci prepariamo alla prossima sfida, la marcia degli italiani contro lo ius soli il 24 giugno a Roma”.