Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2017

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

martedì 18 luglio 2017

Ius Soli: CasaPound, 'clima ostile'? Lo abbiamo creato noi, e lo rivendichiamo con orgoglio

Ius Soli: CasaPound, 'clima ostile'? Lo abbiamo creato noi, e lo rivendichiamo con orgoglio

Roma, 17 luglio - "Il 'clima ostile' allo Ius soli? Lo abbiamo creato noi, e lo rivendichiamo con orgoglio". Così il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano commenta in una nota il 'rinvio' dell'approvazione del provvedimento sulla cittadinanza agli stranieri deciso dal governo Gentiloni.
"Il coraggio dei militanti di CasaPound ha generato una Vittoria per tutti gli italiani", sottolinea Di Stefano che ricorda come Cpi sia "da sempre in prima linea contro chi vuole cancellare la nostra identità di popolo, regalando la cittadinanza a chi non l’ha voluta né conquistata".
"Contro la legge sullo ius soli - sottolinea Di Stefano - abbiamo fatto banchetti e raccolto firme, abbiamo manifestato davanti al Senato, non indietreggiando davanti a idranti e manganelli, abbiamo portato in piazza cinquemila persone in un torrido sabato di giugno. Se questo vuol dire creare un 'clima ostile', siamo orgogliosi di averlo fatto, e non esiteremo a continuare sulla stessa strada pur di risparmiare all'Italia una scelta che non può che definirsi criminale e suicida nell'epoca dell'immigrazione di massa e del terrorismo globale". 

domenica 9 luglio 2017

Ostia, blitz di CasaPound su spiagge libere contro venditori abusivi e degrado

Ostia, blitz di CasaPound su spiagge libere contro venditori abusivi e degrado
Roma, 8 luglio 2017 - Questo pomeriggio i militanti di CasaPound nel X Municipio di Roma hanno fatto l'ennesima azione di denuncia sullo stato di degrado e abbandono delle spiagge libere di Ostia. "Mentre il M5S e la commissione prefettizia parlano di spiagge restituite alla legalità, in realtà la chiusura dei chioschi di Ostia ponente, e degli annessi servizi, ha favorito solo il degrado e l'abusivismo. Così commenta Luca Marsella, responsabile locale del movimento e futuro candidato presidente alle prossime elezioni municipali, il blitz di questo pomeriggio. Dopo diverse segnalazioni dei cittadini e a poche settimane dalla riqualifica di queste spiagge siamo intervenuti nuovamente e abbiamo cacciato via le decine di venditori abusivi che, oltre a cianfrusaglie di dubbia provenienza, vendono anche bibite facendo concorrenza sleale ai legittimi concessionari delle strutture di Ostia ponente che invece sono sovente tartassati da controlli di vigili. Conclude infine Marsella - la nostra passeggiata di riqualifica si è svolta fino al porto e non abbiamo potuto non notare la pessima idea dell'amministrazione capitolina di posizionare i bagni chimici su strada. Ennesimo scempio evitabile quando sarebbe bastato riaprire i bagni già esistenti delle strutture chiuse per le quali, a causa dell'incapacità di commissa
ri e M5S, nessun bando di affidamento è mai più stato fatto".


domenica 2 luglio 2017

CasaPound: compie 10 anni "Direzione Rivoluzione", l'8, il 9, e il 10 settembre a Latina la festa nazionale di Cpi

CasaPound: compie 10 anni "Direzione Rivoluzione", l'8, il 9, e il 10 settembre a Latina la festa nazionale di Cpi

Roma, 1 luglio - Sarà targata Latina l'edizione 2017 di "Direzione Rivoluzione”, la festa nazionale di CasaPound Italia. La kermesse, che quest'anno si terrà l'8, il 9, e il 10 settembre, rappresenta il momento privilegiato di incontro per l'intera galassia che ruota intorno a Cpi: nel capoluogo pontino si ritroveranno tutte le comunità del movimento per fare un bilancio dell'anno appena trascorso e tracciare gli obiettivi per la stagione in arrivo.

Politica, cultura, sport, formazione saranno i temi al centro della tre giorni, che, come di consueto, sarà articolata in conferenze aperte al pubblico, momenti di dibattito interno e di confronto tra le diverse realtà che animano CasaPound, serate all'insegna della letteratura, del teatro e della musica.

Per "Direzione Rivoluzione" quella di quest'anno sarà l'edizione del decennale. Nata nel 2008, cinque anni dopo l'occupazione della sede di via Napoleone III, con la fondazione del movimento nazionale CasaPound Italia, la festa, ospitata i primi anni a Roma, è poi divenuta itinerante, sbarcando prima a Revine Lago, nel trevigiano, quindi a Lecce, Castano Primo (Milano) e Chianciano Terme.


lunedì 26 giugno 2017

CasaPound: in cinquemila a Roma per dire no allo Ius Soli

CasaPound: in cinquemila a Roma per dire no allo Ius Soli

Roma, 24 giu – È partito alle ore 17 il corteo di CasaPound Italia, che scende in piazza nella capitale contro la legge sullo Ius Soli. Sono circa 5mila, come preannunciato, i militanti e simpatizzanti presenti alla manifestazione, partita dalla sede nazionale in via Napoleone III.

"No allo Ius Soli": é con questa gigantografia che si apre il lungo serpentone, capeggiato da presidente e vicepresidente di CasaPound, Gianluca Iannone e Simone Di Stefano.
CassPound da tempo si batte contro la misura attualmente in discussione al Senato e questa è la seconda manifestazione organizzata dalla tartaruga frecciata nel giro di meno di due settinane. “É in gioco l’identita del nostro popolo, guardiamo cos’è successo in Paesi come Francia, Belgio e Gran Bretagna, dove le maglie per la concessione della cittadinanza sono state allargate fino a far diventare cittadini anche i terroristi che nulla avevano a che spartire con la cultura europea”, spiegano i vertici del movimento.


Scandendo slogan contro l’immigrazione incontrollata e la proposta di legge che vorrebbe dare la cittadinanza a chiunque nasca nel territorio italiano, il corteo prosegue per Piazza Vittorio, via Merulana e si chiuderà al parco di Colle Oppio dove in serata, nel suggestivo contesto che vede il Colosseo fare da sfondo, si tiene il comizio finale di Simone Di Stefano.


martedì 20 giugno 2017

Ius Soli: CasaPound, sabato 24 marcia degli italiani al Colosseo

Ius Soli: CasaPound, sabato 24 marcia degli italiani al Colosseo

Marcia per i diritti degli italiani sabato 24 giugno a Roma. A promuoverla è CasaPound Italia, che, dopo le proteste dei giorni scorsi davanti al Senato, torna a manifestare contro la legge sullo Ius Soli e per il riconoscimento della preferenza nazionale in tutti i settori del welfare, dalle case agli asili nido. Il corteo, al quale parteciperanno migliaia di persone attese nella Capitale da tutta Italia, partirà alle 16 dalla sede di Cpi in via Napoleone III e sfilerà per via Merulana e via Labicana fino ad arrivare a Colle Oppio, dove ci saranno gli interventi dal palco. 

"Roma vedrà sfilare ancora una volta migliaia di persone sotto al Colosseo per affermare il loro ‘no’ deciso allo ius soli e rivendicare il diritto a decidere del proprio destino – sottolinea il leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone –. Sarà una doccia fredda per quei traditori della patria che si ritengono legittimati a cancellare la nostra identità di popolo, regalando la cittadinanza a chi non l’ha voluta né conquistata. Quella di sabato sarà la marcia degli italiani che non si arrendono: quelli che non vogliono più delegare le loro istanze ai ‘paladini del popolo’ col vitalizio, quelli che sono disposti a farsi arrestare per difendere il loro diritto alla casa e al lavoro, quelli che sono schierati ogni giorno in prima linea a difesa dei loro quartieri. Sarà una marcia fiera ma serena, sotto il segno del tricolore e della bandiera con la tartaruga frecciata, per mostrare che c'è ancora un popolo disposto a lottare per i propri diritti".


giovedì 15 giugno 2017

Ius soli, 'assedio' di CasaPound al Senato

Ius soli, 'assedio' di CasaPound al Senato

Tensione sotto al Senato, dove CasaPound, con il vicepresidente Simone Di Stefano in testa, sta manifestando contro la legge sullo Ius Soli che oggi arriva a Palazzo Madama. Le forze dell'ordine schierate in assetto anti-sommossa per impedire che la manifestazione arrivasse sotto Palazzo Madama sono intervenute anche con idranti e manganelli, ferendo due manifestanti. Il sit in prosegue in piazza delle Cinque Lune.



lunedì 12 giugno 2017

Boom di CasaPound a Lucca, con 8% e due consiglieri eletti terza forza politica sopra M5s

Boom di CasaPound a Lucca, con 8% e due consiglieri eletti terza forza politica sopra M5s

Roma, 12 giugno - Boom di CasaPound a Lucca, che, con quasi l’8% dei voti e due consiglieri eletti, Fabio Barsanti e Lorenzo del Barga, diventa la terza forza politica in città, superando M5s. Possibile elezione di un consigliere comunale anche a Todi, dove Cpi è appena sotto il 5% (4,81% il candidato sindaco Andrea Nulli e 4,82% la lista), mentre è sicuramente entrato in Consiglio Marco Cinelli, candidato della Tartaruga frecciata in una lista civica a Campagnatico, comune di 3 mila abitanti del grossetano. Più in generale CasaPound ha ottenuto in media il 2,1% dei consensi nei Comuni dove si è presentata, con risultati di rilievo come l’1,8% di Parma e l’1,1% di Verona. 

“Il successo ottenuto a queste amministrative ci dice che siamo sulla strada giusta, anche in vista delle elezioni politiche in arrivo, per superare la soglia di sbarramento ed entrare in Parlamento - sottolinea il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano - Dopo l’exploit di Bolzano nel 2016 e i sette consiglieri eletti in tutta Italia, il voto di ieri conferma definitivamente, se mai ce ne fosse stato bisogno, che CasaPound è uscita dal novero dei movimenti zerovirgola per entrare a gamba tesa nella politica che decide. E non c’è dubbio che farà la differenza anche a Lucca, come già nel capoluogo altoatesino, a Isernia e nelle altre città che ci vedono presenti, perché un consigliere di CasaPound non si fa intimidire dai giochi della politica ed è pronto a tutto per l’Italia. Forti di questa vittoria, ci prepariamo alla prossima sfida, la marcia degli italiani contro lo ius soli il 24 giugno a Roma”.


lunedì 15 maggio 2017

Amministrative: CasaPound corre con un proprio candidato sindaco in 13 comuni sopra 15.000 abitanti

Amministrative: CasaPound corre con un proprio candidato sindaco in 13 comuni sopra 15.000 abitanti

Roma, 15 maggio – Alle prossime amministrative CasaPound Italia si presenterà con un candidato sindaco e una propria lista in 13 Comuni sopra i 15mila abitanti. In particolare, Cpi corre a Cuneo con Fabio Corbeddu, a Frosinone con Fernando Incitti, a Gaeta con Mauro Pecchia, a Grottaferrata con Paolo Campanile, a L'Aquila con Claudia Pagliariccio, a LaSpezia con Cesare Bruzi Alieti, a Lecce con Matteo Centonze, a Lucca con Fabio Barsanti, a Padova con Maurizio Meridi, a Parma con Emanuele Bacchieri, a Pistoia con Lorenzo Berti, a Todi con Andrea Nulli, a Verona con Roberto Bussinello.

“Siamo l’unico movimento che ha il coraggio di essere al fianco degli italiani senza se e senza ma e per questo alle prossime Comunali correremo da soli, dimostrando di poter fare la differenza anche con un solo consigliere eletto, come già è stato in tutte le amministrazioni dove siamo presenti, da Bolzano a Isernia, passando per Lamezia Terme, Grosseto e Cologno Monzese”, afferma il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano.

“Nonostante chiacchiere e tribune mediatiche, il sedicente fronte sovranista ha platealmente dimostrato di non sapere andare oltre le parole - sottolinea Di Stefano - CasaPound in questo momento è la sola speranza per gli italiani, perché è l'unico movimento che si oppone coi fatti alla resa incondizionata delle nostre città a un'invasione migratoria sempre più pressante, l’unico che difende davvero il diritto alla casa degli italiani, e quello alla scuola e agli asili gratis per i loro figli. L’unica forza che, con la proposta di legge del reddito nazionale di natalità, ha il coraggio di lottare per riempire le culle e svuotare i Cpa, sottraendo soldi al business dell’accoglienza e offrendo un contributo di 500 euro al mese per ogni nuovo nato da genitori italiani”.

martedì 2 maggio 2017

‘Ong, la verità non si imbavaglia’: CasaPound espone striscione davanti Tribunale di Catania

‘Ong, la verità non si imbavaglia’: CasaPound espone striscione davanti Tribunale di Catania

“Ong, la verità non si imbavaglia”: questo il testo dello striscione esposto stamattina da alcuni militanti di CasaPound davanti la scalinata del Tribunale di Catania. Una manifestazione pacifica e silenziosa per porre l’accento sulla questione immigrazione.

“Nei primi tre mesi del 2017 – sottolinea Giovanni Coppola, responsabile provinciale di Casa Pound – sulle nostre coste sono sbarcati 22 mila migranti. Il 45% è stato trasportato dalle navi delle Ong. Un dato eloquente che ci deve fare riflettere. Se un procuratore della Repubblica, che non è certamente un visionario, fa certe dichiarazioni, evidentemente il caso esiste. E’ fuori di dubbio che nel sistema d’accoglienza, così come da tempo sosteniamo da tempo, c’è qualcosa di marcio. Occorre dunque fare chiarezza sul fenomeno e fermare al più presto quella che ha assunto i contorni di una vera e propria invasione incontrollata, che, dietro la propaganda buonista, fa ingrassare le solite cooperative e associazioni”.

domenica 30 aprile 2017

Porto San Giorgio, CasaPound ripristina abitazione occupata da immigrati africani

Porto San Giorgio, CasaPound ripristina abitazione occupata da immigrati africani

Porto San Giorgio, 29 apr - Questa mattina i militanti di CasaPound si sono recati a Porto San Giorgio, dove la scorsa settimana il proprietario di un'abitazione in via XX Settembre, tornando nella cittadina dopo qualche giorno, ha trovato la casa occupata da un gruppo di extracomunitari di origine africana. Durante la mattinata CasaPound ha provveduto ad aiutare la famiglia che si trova in questa situazione spiacevole. “All'ingresso abbiamo riscontrato i segni del degrado – racconta Franscesco Pacini, responsabile provinciale dell'associazione - lasciato dagli occupanti. Vi erano materassi in giro per la casa, stanze sporche e residui di carta stagnola e cucchiai con cui gli immigrati erano soliti preparare dosi.” La casa è stata ripulita e murata in collaborazione con Fabio Senzacqua della Lega Nord di Porto San Giorgio. "È inaccettabile che lo stato italiano non si curi minimamente di queste situazioni di disagio che accadono ogni giorno nel nostro paese - conclude Pacini in una nota - nel momento in cui lo stato non agirà la popolazione potrà sempre contare sulla nostra solidarietà e vicinanza” .