Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2016

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

mercoledì 25 maggio 2016

Bolzano, esposto di CasaPound contro la Provincia: "Non è stata rispettata la legge sulle categorie protette"

Bolzano, esposto di CasaPound contro la Provincia: "Non è stata rispettata la legge sulle categorie protette"

Bolzano 25 maggio – Conferenza stampa questa mattina nella sede centrale di CasaPound in via Cesare Battisti 8, dove i rappresentanti del movimento, unitamente al sindacato Confintesa, hanno presentato un esposto contro la Provincia di Bolzano circa l’applicazione della legge 68/99 che riguarda le categorie di lavoro protette, ovvero, quei lavoratori affetti da malattie invalidanti e che, per legge, dovrebbero aver garantito un posto di lavoro consono.
Ieri, Caterina Foti, in qualità di Segretario Provinciale di Confintesa, ha presentato un formale esposto nei confronti della Provincia a seguito di numerose segnalazioni fatte da cittadini, i quali hanno più volte denunciato irregolarità nell’applicazione della legge ma senza avere risposte.
La legge 68/99, prevederebbe l’obbligo di assunzione da parte degli enti pubblici e privati, ad assumere le medesime persone, ma ad oggi, questo ancora in Provincia di Bolzano non accade.
Foti e CasaPound denunciano inoltre di aver avuto un colloquio telefonico con un dipendente provinciale addetto all’inserimento lavorativo di queste persone, il signor Pantano, ma questo non avrebbe fornito risposte esaurienti circa la situazione attuale.
Con questo esposto, CasaPound e Confintesa Alto Adige, intendono chiedere alle autorità competenti di far luce su quanto accade in questo ambito, perché gli enti preposti dovrebbero tutelare le persone iscritte nelle liste delle categorie protette che, oltre ad avere già una malattia invalidante, si ritrovano a combattere anche contro una cattiva amministrazione.

domenica 22 maggio 2016

Roma, CasaPound: "il corteo una festa con migliaia in piazza, l'unica violenza quella degli antagonisti"

Roma, CasaPound: "il corteo una festa con migliaia in piazza, l'unica violenza quella degli antagonisti"
Roma, 21 maggio - Diecimila persone hanno partecipato questa mattina al corteo di CasaPound I"Difendere l'Italia", che ha sfilato da piazza Vittorio alla Polveriera di Colle Oppio, dove ora è in corso l'ottava edizione del concerto la 'Tana delle tigri'.
"Difendere l'Italia con lo spirito degli eroi del Piave", "Italia risorgi, combatti e vinci", "Prima gli italiani", alcuni tra gli slogan presenti sugli striscioni portati dai manifestanti insieme alle bandiere di CasaPound, ai tricolori e alle bandiere "no Ue".
"Quella di oggi è stata una festa, che ha visto migliaia di persone manifestare in maniera determinata ma completamente pacifica - ha detto il leader di CasaPound Gianluca Iannone - L'unica violenza a cui si è assistito e' stata quella dei sedicenti antagonisti del corteo della sinistra e dell'Anpi, che per 'proteggere la democrazia' hanno assaltato e distrutto un minivan con a bordo dei turisti tedeschi e pestato due minorenni nella metro scambiati per militanti di Cpi. Il corteo di oggi è la nostra risposta a chi pretende di dire cosa possa o non possa fare CasaPound".





giovedì 19 maggio 2016

Torino: CasaPound Italia contesta Fassino all'Ex Moi

Torino: CasaPound Italia contesta Fassino all'Ex Moi
Torino, 19 maggio - Questa mattina militanti di CasaPound e residenti di piazza Galimberti hanno duramente contestato il sindaco Fassino‬.
"Fassino è senza vergogna. Ha condannato migliaia di torinesi a vivere nel degrado e ora viene a fare una squallida passerella elettorale nei pressi dell'ex Moi - ha dichiarato Marco Racca candidato sindaco per CasaPound e leader dri contestatori in piazza - Fassino non è nemmeno stato in grado di censire chi è presente negli stabili di proprietà del comune occupati abusivamente da immigrati clandestini. Ed è un gesto davvero di pessimo gusto presentarsi qui, in questo quartiere che più di ogni altro ha subito le conseguenze delle folli politiche del PD, solamente per meri fini elettorali. Ricordo che questo stato di cose ha portato, fra gli altri, al gravissimo episodio della giovane disabile sequestrata e stuprata per giorni da un gruppo di immigrati irregolari."
"Noi questo quartiere lo viviamo tutti i giorni e lo abbiamo visto scivolare con amarezza e in una spirale di illegalità e degrado - ha dichiarato Matteo Rossino candidato presidente per la Circoscrizione n. 8 con CasaPound Italia - Solo poche settimane fa siamo venuti a pulire i giardini della piazza che gli immigrati del Moi insozzano giornalmente. Con che coraggio Fassino, in buona parte responsabile di questa situazione, si presenta qui? Questa non è una kermesse radical chic per fare passerella , questo è un quartiere che ha sofferto per le politiche di Fassino e del PD. Non possiamo tollerare che al danno si aggiunga la beffa. Per questo, a prescindere dal risultato elettorale, noi siamo stati, siamo e saremo sempre pronti a scendere in piazza a difendere piazza Galimberti dai soprusi e dalla ipocrisia di certa politica. "

mercoledì 18 maggio 2016

Firenze: aggressione antifascista, militante di CasaPound ferito alla testa. Terzo episodio in pochi giorni

Firenze, 18 maggio - Terza aggressione antifascista in pochi giorni ai danni di CasaPound Italia, stavolta a Firenze, dove un militante di Cpi è stato ferito alla testa in seguito a un'aggressione. “Dopo l'assalto al quartiere Prenestino di Roma che ha portato al ferimento di un disabile e dopo l'irruzione a un Caf, sempre a Roma, con tanto di violenze nei confronti di un anziano (il fatto è stato documentato dagli stessi antifascisti in un video che gira in rete), ora l'estrema sinistra ha colpito anche a Firenze”, spiega Gianluca Iannone, presidente di CasaPound. I militanti di Cpi Firenze sono stati aggrediti al termine di una raccolta alimentare per famiglie italiane in difficoltà, fuori da un supermercato cittadino. Quando sul posto erano rimasti solo una ragazza e tre militanti, sono sbucati una quindicina di esponenti dei centri sociali armati di mazze che hanno subito accerchiato uno dei nostri, dandogli una bastonata in testa per la quale il ragazzo è stato portato via in ambulanza e per cui probabilmente dovrà mettere fino a 10 punti di sutura. Poi gli antifascisti hanno provato a rubare il carrello con i beni alimentari. La reazione dei militanti di CasaPound ha però fatto sì che né un volantino né un pacco di pasta venisse rubato. Malgrado l'inferiorità numerica, il gruppo di militanti si è comunque battuto per affermare il proprio diritto all'agibilità politica. “Si tratta del terzo episodio di aggressione in pochi giorni da parte di questi impuniti - continua Iannone – senza che qualcuno abbia qualcosa da dire. Tre episodi dal valore altamente simbolico: nel primo caso a essere colpito è stato un banchetto elettorale, nel secondo un Caf, nel terzo un banco alimentare in favore degli italiani in difficoltà. Si vuole colpire chi fa azioni politiche e sociali alla luce del giorno in favore degli italiani, cosa ritenuta intollerabile dagli amici di ogni straniero. Eppure a ogni episodio di intolleranza antifascista si chiede che a essere vietate siano le nostre manifestazioni (l'ultimo in ordine di tempo a farlo è stato Fassina). Di fronte a questa arroganza ben protetta dai partiti di governo, la nostra risposta sarà di essere ancor più numerosi sabato, al corteo che attraverserà Roma per invocare la sovranità e l'identità dei popoli europei, nonostante coloro che odiano gli italiani e chi li difende”.



martedì 17 maggio 2016

Torino: CasaPound incapuccia i parcometri nei pressi degli ospedali

Torino: CasaPound incapuccia i parcometri nei pressi degli ospedali
Marco Racca (Candidato Sindaco): Basta "pizzo" con le strisce blu punto fermo del nostro programma politico per la città
Torino 17 mag - Nella notte i militanti di CasaPound Italia hanno incappucciato i parcometri comunali per protestare contro i parcheggi a pagamento vicino agli ospedali.
"È immorale ed ingiusto far pagare ai pazienti, ai loro familiari e al personale sanitario i parcheggi - ha spiegato Marco Racca candidato sindaco per CasaPound Italia - Come si può chiedere ad una persona malata di pagare il parcheggio per andare a curarsi? È inaccettabile. Fassino e la giunta PD dovrebbero vergognarsi di fare sulla gente che soffre."
"Nel nostro programma - ha spiegato Marco Racca - abbiamo previsto l'eliminazione di tutti i parcheggi a pagamento nei presso degli ospedali. Non aggiusteremo i bilanci sulla pelle della gente che soffre".
"La cosa grottesca poi - ha concluso Racca - è che spesso i pazienti, oltre a dover pagare il pizzo delle strisce blu al Comune, devono pure soddisfare il parcheggiatore abusivo, che nessuno caccia o persegue. Oltre il danno pure la beffa. Molto spesso questi parcheggiatori abusivi pagano la criminalità organizzata per poter chiedere l'obolo nei parcheggi degli ospedali. In passato abbiamo già allontanato i parcheggiatori abusivi, ad esempio dalle Molinette. Torneremo a farlo se necessario."


domenica 15 maggio 2016

Roma, centri sociali assaltano banchetto di CasaPound: tre feriti, tra cui un disabile

Roma, centri sociali assaltano banchetto di CasaPound: tre feriti, tra cui un disabile
Roma, 14 mag - Grave episodio di violenza politica stamattina a Roma. Intorno alle 11.30 un banchetto elettorale di CasaPound situato in via Acqua bullicante, al Prenestino, è stato assaltato da 50 esponenti dei centri sociali armati di caschi e bastoni. I militanti di Cpi presenti erano in sei e hanno resistito all'aggressione, restando sul luogo del banchetto. Un candidato e un simpatizzante disabile, presenti al banchetto, sono stati portati via in ambulanza. Ferita anche una ragazza. Non si hanno ancora notizie circa le condizioni delle persone ricoverate. “Da giorni l'Anpi e il Pd - ha dichiarato Simone Di Stefano, candidato sindaco di CasaPound Italia - stanno creando un clima di tensione attorno al nostro corteo del 21 maggio, tentando di impedirlo in tutti i modi e sostenendo che la presenza di CasaPound a Roma, benché attestata da più di un decennio di radicamento politico e sociale, sia intollerabile. I mandanti politici di questo atto vile sono chiaramente loro. La nostra risposta a questo clima di intolleranza voluto dai soliti noti sarà una campagna elettorale ancora più capillare e decisa”.

venerdì 13 maggio 2016

Ostia, blitz di CasaPound ai mercatini rom di viale della Vittoria

Ostia, blitz di CasaPound ai mercatini rom di viale della Vittoria
Roma, 13 maggio - Una cinquantina di militanti di CasaPound Italia questa mattina si sono presentati ed hanno interrotto i mercatini rom abusivi in viale della Vittoria ad Ostia. I rom si sono allontanati alla vista dei militanti, immediato l'arrivo delle forze dell'ordine. "Per mesi ad Ostia - ha spiegato Luca Marsella, responsabile di CasaPound Italia sul litorale romano - insieme ai residenti abbiamo impedito i mercatini abusivi occupando fisicamente la strada prima del loro arrivo. Oggi abbiamo deciso di intervenire durante l'attività dei rom che si svolge ogni settimana qui ed in altri quartieri di Roma. Indisturbati decine di nomadi vendono ai passanti ciò che recuperano dal rovistaggio dei cassonetti e le refurtive di furti, addirittura prodotti alimentari e lo fanno senza alcuna regola. Roma è immersa nel degrado e scene come questa - ha concluso Marsella - non le vogliamo più vedere".


mercoledì 11 maggio 2016

Bolzano, CasaPound bonifica il parcheggio della stazione - "spaccio e degrado: ecco la vostra immigrazione"

Bolzano, CasaPound bonifica il parcheggio della stazione - "spaccio e degrado: ecco la vostra immigrazione"
Bolzano, 11 maggio - Terminate da pochi giorni le elezioni comunali, con un risultato storico per il movimento delle tartarughe frecciate, i militanti di CasaPound sono tornati ieri a ripulire le aree degradate della città e, per ampliare l'eco della situazione, a seguire gli attivisti di Cpi era presente una troupe di Agorà, il programma nazionale di Rai3.
"Ancora una volta raccogliamo le siringhe e lo schifo lasciato da tossicodipendenti e spacciatori - dichiara in una nota il coordinatore regionale Andrea Bonazza - e ancora una volta ci siamo ritrovati proprio tra i giardini della stazione e il centro di accoglienza all'Hotel Alpi, nella zona simbolo dell'accoglienza agli immigrati; accoglienza che però viene ripagata con lo spaccio di droghe più e meno pesanti e l'adescamento di giovani, sopratutto ragazze, che si concedono sessualmente in cambio di dosi di morte".
"Il problema della tossicodipendenza purtroppo è sempre stato grave in città - continua Bonazza - se ci aggiungiamo poi che i nuovi tossici e i nuovi spacciatori sono in gran parte extracomunitari, la situazione esce completamente da ogni controllo sanitario e di pubblica sicurezza. Servono regole ferree e maggiore controllo laddove, per chi immigra da Paesi in cui regna il caos, è convinto di poter trasformare la nostra città in un luna park del degrado".


Amministrative, CasaPound corre da sola a Roma, Torino e Latina: "Bolzano non sarà un exploit isolato"

Amministrative, CasaPound corre da sola a Roma, Torino e Latina: "Bolzano non sarà un exploit isolato"

Roma, 11 maggio – “Questa campagna elettorale è partita nel segno della vittoria con l'incredibile risultato messo a segno a Bolzano. Non sarà un exploit isolato, ne siamo certi: CasaPound sarà tra i protagonisti di questa tornata di amministrative in cui ha scelto di mettere in campo i suoi uomini migliori”. Ad affermarlo in una nota è il leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone, in vista delle Comunali del 5 giugno prossimo, che vedranno Cpi presente in diversi Comuni, a cominciare da Roma, dove candidato sindaco sarà il vicepresidente del movimento Simone di Stefano.
"Oltre a Roma, dove a misurarsi con gli elettori sarà Simone Di Stefano - sottolinea Iannone - CasaPound si presenta con un proprio candidato sindaco e una propria lista anche a Torino e Latina. In entrambi i casi a correre per la poltrona di primo cittadino sono due esponenti di primo piano del movimento: nel capoluogo piemontese lo storico leader regionale Marco Racca, nella città pontina il coordinatore provinciale Marco Savastano".
"A Milano invece - prosegue - Cpi è presente con propri candidati nella lista civica ‘NoiXMilano’ di Nicolò Mardegan. In particolare, con Angela De Rosa (n. 2 in lista) e Massimo Trefiletti al Comune, Roberta Capotosti, già capogruppo di Sovranità Milano e consigliera più votata, candidata presidente del Municipio di zona 2 e Giacinto Carriero per la zona 9. A Napoli, poi, candidati della Tartaruga frecciata occupano posti nelle liste in appoggio a Marcello Taglialatela, con Emmanuela Florino candidata alla presidenza della terza municipalità e Giuseppe Savuto candidato consigliere nella nona municipalità. CasaPound infine sarà presente con una propria lista a Lanciano, dove appoggia Tonia Paolucci sindaco, mentre a Sulmona si presenta come Sovranità con candidato sindaco Alberto Di Giandomenico".

martedì 10 maggio 2016

Roma, CasaPound 'libera' la casa di un'italiana: l'avevano occupata gli immigrati

Roma, CasaPound 'libera' la casa di un'italiana: l'avevano occupata gli immigrati
Roma, 10 maggio - E' stato 'liberato' l'appartamento di una giovane romana, in via Montefiorino, a Labaro, che era stato occupato da alcuni immigrati. A dare l'allarme, nel primo pomeriggio di oggi, era stato Vittorio Di Mario, candidato presidente di CasaPound Italia in Municipio Roma XV. Di Mario, appena ricevuta la segnalazione, si è recato sul posto, mobilitando anche altri militanti di Cpi e residenti della zona.
"Come sempre, CasaPound è al fianco italiani - spiega Di Mario - Per questo dopo che la proprietaria ha sporto denuncia, siamo entrati nell'appartamento: lo abbiamo trovato in uno stato disastroso, come si vede dalle foto che abbiamo scattato. A quel punto, dopo aver liberato la casa, abbiamo cambiato la serratura e la abbiamo restituita alla legittima proprietaria. Esiste un solo modo per cambiare le cose, farle a modo nostro".

Testimonianza video dell'inquilina: